Contenuto Principale

Equitalia: è impreciso dire "rottamazione"

(Laura Giulia D’Orso) E’ iniziato il conto alla rovescia per la rottamazione degli interessi e more ...

Contrordine ragazzi, non è importante imparare le lingue

(Laura Giulia D’Orso) Frequentare un corso di lingua straniera, conoscere il francese, dialogare in ...

Definiti i contributi IVS 2017 di artigiani e commercianti

(Laura Giulia D’Orso) Il contributo IVS (Invalidità, Vecchiaia, Superstiti) è una forma di contribuz...

Le novità del Modello 730/2017

A partire dal 15 Aprile 2017, il modello 730 precompilato verrà messo a disposizione del contribuent...

Comunicazione IVA e liquidazioni periodiche

Il D.L. 193/2016, convertito in L. 225/2016, ha previsto dal 2017 un nuovo adempimento fiscale consi...

  • Equitalia: è impreciso dire "rottamazione"

    Mercoledì 02 Novembre 2016 07:25
  • Contrordine ragazzi, non è importante imparare le lingue

    Giovedì 15 Dicembre 2016 07:28
  • Definiti i contributi IVS 2017 di artigiani e commercianti

    Martedì 21 Febbraio 2017 07:14
  • Le novità del Modello 730/2017

    Venerdì 07 Aprile 2017 06:41
  • Comunicazione IVA e liquidazioni periodiche

    Giovedì 04 Maggio 2017 05:35

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Monza – Ciliverghe: un pareggio che soddisfa PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Mercoledì 12 Aprile 2017 05:33
(Laura G. D’Orso) Testa e cuore al Brianteo. Questa è la sensazione dei tifosi monzesi il giorno dopo il pareggio contro il Ciliverghe Mazzano. Un Monza forse un po’ bloccato nel primo tempo. Tanta paura per una partita che valeva la promozione diretta nei professionisti, merito anche di un Ciliverghe grintoso.
Ieri di fronte, al Brianteo, c’era la squadra meno perforata del campionato, contro quella con l’attacco più forte del girone. Entrambe le squadre hanno avvertito l’importanza del risultato pieno, per cui il gioco si è fatto da subito nervoso. Solamente, nell’ultima mezz’ora del secondo tempo, gli uomini di Mister Zaffaroni hanno cambiato abito e, anche se in ritardo, è emersa la giusta cattiveria per cercare l’impresa dei tre punti.
Non è riuscita. Il pareggio è il risultato giusto e non intacca la distanza dai secondi che rimane invariata a 9 punti. Ovviamente per la squadra biancorossa questo è il periodo più impegnativo in cui subentra la tensione per la fine di un campionato dispendioso giocato dal Monza con toni elevati e grande impegno fisico e mentale. Ne è dimostrazione che verso la fine della partita diversi giocatori hanno avvertito crampi.
Sul risultato finale sicuramente ha gravato anche l’assenza del fantasista D‘Errico, che giovedì scorso in allenamento ha accusato un problema fisico per cui Mister Zaffaroni ha ritenuto opportuno tenerlo a riposo per giovedì prossimo, nel turno infrasettimanale contro il Ciserano, calendarizzato per non sovrapporsi alla festività della S. Pasqua.
Ma fra Monza e Ciliverghe hanno vinto i tifosi. La società monzese ed il presidente Colombo hanno ritenuto particolarmente importante il supporto e la vicinanza dei propri sostenitori. Sono stati circa 2000 infatti i supporters biancorossi accorsi al Brianteo, grazie a due iniziative separate. La prima permetteva l’ingresso gratuito a tutti coloro che si presentassero in Curva Sud “Davide Pieri” indossando una maglia rossa.
L’altra, “A scuola con il Monza 1912”, permetteva agli studenti di alcune scuole del territorio di entrare gratuitamente allo stadio. E alla fine dell’incontro, pur un po’ amareggiati, sono partiti comunque applausi e cori per i giocatori e sono stati accesi fumogeni ovviamente di colore rosso.
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Se Starbucks non conosce bene la storia d’Italia

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso) Correva l’anno 1882 e il governo italiano guidato da Depretis comprava la Baia di Assab dalla società Rubattino per 104.100 lire. Lo Stato Italiano decideva quindi di avviare la sua politica coloniale seguendo l’esempio di altri stati europei come la Francia, il Belgio e l’Inghilterra. Da un lato, c’era il desiderio di non essere assenti dalla spartizione del continente africano, dall'altro c’era la reale necessità di trovare uno sbocco alla sovrabbondanza della popolazione.

Leggi tutto...

 
>