Contenuto Principale

Come comportarsi in caso di precipitazioni nevose

Per la stagione invernale 2019 il Comune ha disposto le procedure di comportamento in caso di ghiacc...

potenziamento del servizio di trasporto pubblico a Monza

  E' questa la principale novità per Monza introdotta dal Programma di Bacino del Trasporto Pubblic...

L’omaggio di Monza al grande Rossini

Il 2018 è stato dichiarato “Anno Rossiniano” nel 150esimo anniversario della morte del gra...

Elezione del Parlamento Europeo fissata per il 26 maggio 2019

In occasione della prossima Elezione del Parlamento Europeo fissata per il 26 maggio 2019, anche i...

Al via il Piano freddo per i senza dimora

Anche quest'anno il Comune, in collaborazione con le associazioni di volontariato, ha predisposto ...

  • Come comportarsi in caso di precipitazioni nevose

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • potenziamento del servizio di trasporto pubblico a Monza

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • L’omaggio di Monza al grande Rossini

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • Elezione del Parlamento Europeo fissata per il 26 maggio 2019

    Martedì 19 Settembre 2017 06:09
  • Al via il Piano freddo per i senza dimora

    Sabato 07 Ottobre 2017 09:50

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Sport
Hockey Roller Club Monza intervista a Tommaso Colamaria PDF Stampa E-mail
Mercoledì 17 Ottobre 2018 05:46
Tommaso Colamaria, allenatore del Teamservicecar Monza, che disegna il punto della situazione in vista della gara di sabato sera tra Benfica e HRC Monza.
 
"Stiamo lavorando su una cultura che ci deve far giocare ed imporre il nostro gioco e non agire di conseguenza a ciò che l'avversario ci propone"
Le aspettative su questo incontro sono strettamente legate proprio all'esordio in Eurolega, perché siamo consapevoli di doverci confrontare con un livello che rappresenta il top mondiale. Dai miei ragazzi mi aspetto che sfruttino al massimo ogni scelta, ogni situazione, ogni frazione di secondo della partita, con la massima concentrazione, ma senza terrore. Dobbiamo giocare concentrati, ma allo stesso tempo dovremo essere sereni proprio per far proprie tutte queste situazioni di livello superiore che andremo ad incontrare.
 
L'aspetto mentale e l'approccio saranno fondamentali
L'aspetto mentale è il lato fondamentale. Abbiamo pochissimi aspetti tattici da valutare, stiamo lavorando su una cultura che ci deve far giocare sempre allo stesso modo, una strategia che prevede l'imposizione del nostro gioco e non l'agire di conseguenza a ciò che l'avversario ci propone.
Non dobbiamo snaturarci perché renderemo sicuramente meno e saremo meno efficaci in ogni zona della pista. Quindi testa libera ed equilibrata, mentre sgombra, la loro velocità d'esecuzione dev'essere contrastata solo con la velocità mentale delle scelte, in contrasto con la varietà di scelte che loro proporranno.
 
Sono le partite che tutti vorrebbero giocare
In gare di questo genere non servono motivazioni: queste sono le partite che tutti vorrebbero giocare. Ad essere sincero sono le gare più mi mettono nostalgia del passato. Beh, generalmente non sono un "nostalgico", ma queste gare me lo fanno ricordare e so per certo che tutti quelli che non le giocano vivono attimi di comprensibile invidia.
 
Pareggia il Monza al Brianteo contro la Triestina PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 
Lunedì 15 Ottobre 2018 09:12
20181014 190124La sesta giornata del campionato di serie C, la terza dell’era Berlusconi- Galliani vede i ragazzi di Mister Zaffaroni e i “gemellati” rossoalabardati  in un “Brianteo” rimesso a nuovo per la prima del neo Presidente Silvio Berlusconi, in tribuna insieme all’A.D. Adriano Galliani. I vip presenti sono al seguito Vip: Paolo Berlusconi, l’avvocato Leandro Cantamessa, nuovo legale del Monza, il giornalista Gigi Marzullo e l’eurodeputata di Forza Italia, Lara Comi, il presidente del collegio sindacale dott. Vitadini, i vertici Finivest. Poi arriva la vecchia dirigenza biancorossa, E’ uno scontro d’alta classifica, con le due squadre appaiate al secondo posto a quota dieci punti, in una serata seguita dalle telecamere di Sportitalia e con le rispettive curve unite da un amicizia ultratrentennale. Berlusconi prima del match scende negli spogliatoi a caricare la squadra.
berlusconi negli spogliatoi1Nei padroni di casa a sorpresa parte dal 1’ Guidetti, dichiarato in forte dubbio per l’intera settimana. Non figura invece nei convocati Reginaldo, partono dalla panchina Jefferson e Iocolano. La Triestina schiera invece dal 1’ Pablo Granoche “il Diablo” confermando per dieci undicesimi lo schieramento di partenza visto una settimana fa contro la Virtus Verona.
Avvio equilibrato con la Triestina che tiene maggiormente palla e mostra un discreto predominio territoriale controllando il gioco, il Monza nei primi 10’ mostra una fiammata di D’Errico ben contenuta da un’attenta diagonale di Libutti.
La prima vera occasione è degli ospiti al 14’, ed è una chance clamorosa: Bracaletti sulla corsa di Maracchi sull’out di destra, palla bassa all’indietro sulla quale Mensah a botta sicura spedisce in curva col piattone dai dieci metri. 4’ più tardi ancora Triestina pericolosa, sempre nata sulla destra, stavolta al tiro arriva Maracchi col diagonale rasoterra, la difesa brianzola si salva respingendo all’altezza dell’area piccola. La prima vera risposta del Monza arriva al 21’ e solo un prodigioso riflesso di valentini impedisce a Riva di indovinare il colpo di testa vincente su piazzato di Guidetti dai quaranta metri. Al 24’ la Triestina perde banalmente una palla in uscita e Ceccarelli per pochissimo non ne approfitta, centrando in pieno la traversa con un pregevole interno sinistro dall’interno dell’area su assist di Cori.
Leggi tutto...
 
Hockey: al via il 96esimo Campionato italiano di Serie A1: tutti a caccia di Lodi e Forte dei Marmi PDF Stampa E-mail
Sabato 06 Ottobre 2018 15:36
Al via sabato 6 ottobre il 96° Campionato Italiano di Hockey su Pista. Si ritorna sui pattini dopo l'antipasto della Supercoppa Italiana, vinta dall'Amatori Wasken Lodi sul Follonica per 3-1 (1-1 l'andata). Un antipasto che ha fatto già intravedere un certo equilibrio tra due squadre che lotteranno per le prime posizioni: ma non saranno le uniche, perchè sono almeno otto le formazioni che si potrebbero giocare il titolo, ma tutti hanno già gli occhi ben focalizzati sulle due favoritissime dagli addetti ai lavori, nonchè finaliste degli ultimi 3 anni, Lodi e Forte dei Marmi. La prima novità sono le dirette streaming che verranno pubblicate sul canale esclusivo per l'Hockey su pista della FISRTV, la WebTV della Federazione Italiana Sport Rotellistici. La seconda novità è il cambio di Livescoring, con un portale esclusivamente dedicato ai campionato di Serie A con statistiche e informazioni in realtime. La terza novità, e la più importante, sono i cambiamenti regolamentari rispetto la scorsa stagione: in sitensi, la scomparsa della doppia superiorità/inferiorità numerica ed un cambio di gestione delle penalità, il richiamo verbale ufficiale, due timeout per tempo a squadra (1 minuto e 30 secondi rispettivamente) e l'estensione del conteggio dei 45 secondi a tutta la gara.
La prima giornata è subito ricca di primi scontri per le prime della classe: i Campioni d'Italia del Lodi affrontano il Thiene, mentre i ViceCampioni del Forte dei Marmi saranno nella difficile Sarzana dove però in precampionato hanno già vinto. Derby vicentino tra Bassano e Trissino per saggiare subito chi può ambire ai playoff, mentre il Follonica ospita il Monza dei giovani ed il CGC Viareggio lo Scandiano. Le due neopromosse Sandrigo e Vercelli hanno immediatamente due toste sfidanti: Valdagno e Breganze.
 
Primo acquisto dell'era berlusconi: Simone Iocolano PDF Stampa E-mail
Mercoledì 03 Ottobre 2018 09:18
iocolanoIl Monza 1912 comunica di aver risolto acquisito le prestazioni del giocatore Simone Iocolano (centrocampista – nato a Torino il 17/10/1989).Cresciuto nel settore giovanile del Torino, ha mosso i suoi primi passi calcistici da professionista nell’Ivrea, per poi approdare al Bassano nella stagione 2009/2010, dove
ha giocato 4 stagioni consecutive. Dopo una parentesi nel Vallee D’Aoste è tornato nel Club veneto nel 2013. E’ poi approdato all’Alessandria (2015/2016 e 2016/2017),
mentre nello scorso campionato ha militato in serie B nelle fila del Bari. Arriva a Monzadopo essersi svincolato dal Club pugliese.
Simone Iocolano ha firmato un contratto biennale ed indosserà la maglia numero 32.Il Monza 1912 comunica di aver risolto acquisito le prestazioni del giocatore
Simone Iocolano (centrocampista – nato a Torino il 17/10/1989).
Cresciuto nel settore giovanile del Torino, ha mosso i suoi primi passi calcistici da
professionista nell’Ivrea, per poi approdare al Bassano nella stagione 2009/2010, dove
ha giocato 4 stagioni consecutive. Dopo una parentesi nel Vallee D’Aoste è tornato nel
Club veneto nel 2013. E’ poi approdato all’Alessandria (2015/2016 e 2016/2017),
mentre nello scorso campionato ha militato in serie B nelle fila del Bari. Arriva a Monza
dopo essersi svincolato dal Club pugliese.
Simone Iocolano ha firmato un contratto biennale ed indosserà la maglia numero 32.
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 6 di 68
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Nomen Omen - Sanremo 2019

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Non ne faccio sicuramente una questione di italiano o non italiano, il pezzo di Mahmood poteva cantarlo anche un fiorentino con l'accento toscano incallito, o romano “de” Trastevere, solo che il motivo che ha vinto questa edizione del festival è di una bruttezza assoluta. Questo è il mio parere da “giornalista”, ma visto che il parere della Stampa e della Giuria tecnica (decisamente poco competente per quel compito), vale un …. sacco (anche se non si è capito quanto), allora mi permetto di giudicare. Se si pensa che adesso rappresenterà l’Italia all’Eurofestival, beh gli faccio proprio gli in bocca al lupo.
Ultimo è piaciuto al pubblico, questo è un dato di fatto! Visto che Dandini, Bastianch & company al limite si limiteranno a comprare un cd, vedo più commercializzabile il pezzo del ragazzo romano che ….. scusate tanto non è proprio l’ultimo dei “barlafüs” e accettate il mio lombardismo.
Nato a Roma ha seguito tutto il percorso di studi al Conservatorio Santa Cecilia, fondata nel 1556, incentrato sullo studio del pianoforte e poi della composizione, inizia a scrivere e comporre canzoni già all'età di quattordici anni. Il Conservatorio di Musica “Santa Cecilia” di Roma, conosciuto in tutto il mondo accademico musicale, opera in ambito nazionale ed internazionale, svolge un’opera attenta, seria, e professionale nello sviluppo dei talenti sul territorio, realizza attività di formazione.
Il tempo è un ottimo misuratore di torti e ragioni. Basta aspettare. Diceva già tempo addietro Mark Twain: «se votare facesse qualche differenza non ce lo lascerebbero fare».
 

Siamo sicuri che la Supercoppa Juventus -Milan sia progresso?

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D'Orso).Jean-Jacques Rousseau, nel suo Discorso sulle scienze e sulle arti (1750), denunciava il carattere illusorio e mendace della civilizzazione. Dal suo punto di vista, l’unica qualità che poteva distingue i popoli più evoluti era l’abilità nell’occultare, che significava evitare la brutalità dei rapporti sociali. “La raffinatezza, scriveva, è un velo steso sopra la barbarie”. Il Discorso sulle scienze e sulle arti è un capolavoro di retorica. Si apre con un panegirico del progresso umano che riprende e porta all'apice i valori illuministi: l’eroica vittoria su ciò che è brutale, l’uscita dell’umanità dalle tenebre, lo slancio prometeico verso una conoscenza che abbracciava sia il mondo fisico, sia il progresso tecnologico sia il mondo morale.

Il mito del progresso sull’emancipazione delle donne a Gedda viene svuotato dietro la gloriosa apparenza tecnologica del settore per le donne, nelle piccole giocatrici che scendono in campo con i più grandi calciatori del mondo. La Supercoppa diventa perciò un potente effetto retorico, si compie in una società dove la cultura ammanta l’oppressione politica e dove le convenzioni impongono l’ipocrisia, rendendo impossibile ogni comunicazione autentica.

Eppure lo spirito ha anche i suoi bisogni al pari o forse superiori a quelli del corpo. Questi sono il fondamento della società, l’ornamento primario di un vero progresso. Mentre il governo e le leggi provvedono alla sicurezza e al benessere delle persone.

“La ricchezza dell’adornamento può rivelare un uomo opulento e la sua eleganza un uomo di gusto; ma l’uomo sano e robusto si riconosce da altri segni: sotto l’abito rustico d’un agricoltore, non sotto la doratura di un cortigiano si troverà la forza e il vigore del corpo. L’adornamento non è meno estraneo alla virtù, la quale è la forza e il vigore dell’anima. L’uomo dabbene è un atleta, che si compiace di lottar nudo; egli disprezza tutti quei vili ornamenti che impaccerebbero l’uso delle sue forze, e che per la maggior parte non son stati inventati che per nascondere qualche deformità.”

Fino a quando i giornali scriveranno …”che allo stadio sono attesi 62mila tifosi ed anche 15mila donne … e non …”sono attesi 77mila spettatori, continueranno ad edulcorare un primario ordinamento di progresso.