Contenuto Principale

Basta walzer per favore, ne abbiamo le scatole piene

(Laura Giulia D'Orso) Per favore basta dirci bugie. Un intero popolo chiede che le Istituzioni non...

Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia

(Paolo Mariani) - Pur senza negare la correttezza dei numeri comunicati dai mezzi di informazione ...

Cina vs Italia: ospedali e gara di velocità

(Paolo Mariani) Fermo restando il massimo rispetto per tutti coloro che si sono prodigati e ancora s...

Annullamento delle giornate internazionali della European Academy of Religion 2020

Rimandata la conferenza per 1500 studiosi Bologna, 7 aprile 2020 - A causa dell'emergenza sanitar...

  • Coronavirus, gruppo FS Italiane: misure e iniziative

    Domenica 23 Febbraio 2020 20:55
  • Basta walzer per favore, ne abbiamo le scatole piene

    Martedì 10 Marzo 2020 10:57
  • Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia

    Lunedì 16 Marzo 2020 07:20
  • Cina vs Italia: ospedali e gara di velocità

    Sabato 04 Aprile 2020 07:02
  • Annullamento delle giornate internazionali della European Academy of Religion 2020

    Martedì 07 Aprile 2020 08:12

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Sport
Monza-Como la partita: 1 a 1, pareggio tra brianzoli e lariani PDF Stampa E-mail
Lunedì 20 Gennaio 2020 10:07

monzaalessandriaI derby sono sempre partite particolari. Soprattutto quando si tratta di Monza Como, cugini sulla carta, avversari acerrimi nelle tifoserie. Grande attesa e grande confusione e fumogeni all’arrivo dei supporters comaschi che la Polizia ha saputo ben controllare.

Brocchi a fine gara ha commentato: “E’ stata una gara difficile. Siamo partiti bene, poi abbiamo preso gol e c’è stato un momento di appannamento. Non mi è piaciuta la reazione dopo il loro gol. Una rete con un tiro molto bello non deve far cambiare atteggiamento alla squadra; dovremmo ricominciare a giocare e fare quello che sappiamo anche in questi momenti di difficoltà, invece non lo abbiamo fatto. Nei 20 minuti iniziali del secondo tempo abbiamo recuperato e controllato la manovra. Dopo la fase di nostra supremazia, infine, la partita si è livellata. Il Como ha giocato bene, noi invece non abbiamo aggredito i tre difensori come avremmo dovuto fare. Mentre loro sono stati bravi a muovere la palla e ad andare sul quinto uomo, noi siamo stati lenti nella trasmissione della palla e abbiamo fatto errori banali che hanno provocato sofferenza. Valuto i ragazzi non dalla classifica, ma partita per partita: dobbiamo avere voglia di combattere perché nel girone di ritorno tutte le gare sono difficili e i punti in palio valgono di più”.

 
Il Monza batte 6-4 il Biasca e resta in corsa per la lotta ai quarti di finale di Eurolega PDF Stampa E-mail
Lunedì 20 Gennaio 2020 09:48
Il Monza batte 6-4 il Biasca e resta in corsa per la lotta ai quarti di finale di Eurolega

Teamservicecar HRC Monza - Roller Club Biasca 6-4 (5-0)

Reti: 2 Martinez, 1 Zucchetti, Ollè, Lazzarotto, Galimberti (HRCM); 2 Orlandi, Ruggiero, Rodoni (RCB).

Un Teamservicecar determinato s’impone 6-4 al Biasca e aggancia al secondo posto il Noia, sconfitto 4-2 dal Porto, nuovo capolista del gruppo B. Un Monza dai due volti, che viaggia a mille nel primo tempo, sfrutta al massimo la velocità nelle ripartenze, rallenta e controlla nella ripresa.

I ragazzi di Colamaria partono con grande intensità e con Zucchetti mettono subito il match in discesa, grazie ad un rovescio di rara potenza. Gli svizzeri faticano, schiacciati dalla pressione brianzola e al 7’ Ollè infila il raddoppio. Il Biasca vive sulle invenzioni dell’highlander Orlandi, ma su ogni palla persa soffre le transizioni brianzole, come al 12’, quando Martinez parte in contropiede in campo aperto, sbilancia Domenech Valls e insacca il 3-0. Lazzarotto firma il suo secondo gol in Europa trasformando un rigore con grande precisione, mentre il 5-0 giunge con un quinto marcatore differente: ci pensa Galimberti a deliziare la platea con una giocata di fino a scavalcare il portiere spagnolo in forza al Biasca.

Nella ripresa Colamaria schiera tra i pali Lorenzo Uboldi, al debutto stagionale, i ritmi scendono e la musica inevitabilmente muta. Gli elvetici sfruttano al massimo tre tiri da fermo e tornano in partita: prima Orlandi batte Uboldi, poi, sfruttando un blu a danno del giovane portiere, Ruggiero trasforma il rigore, mentre Orlandi infila la terza rete consecutiva del Biasca. La gara è sempre vivace, ma mai realmente in discussione. Martinez in power play mette dentro un gran diagonale, mentre negli istanti finali gli svizzeri fermano il punteggio sul 6-4.hrcmonza

Leggi tutto...
 
Eurolega: 18.01.2020 HRC Monza ospita il Biasca ore 20.45 PDF Stampa E-mail
Sabato 18 Gennaio 2020 11:20

Teamservicecar HRC Monza - Roller Club Biasca PalaRovaganti ore 20.45

Il Teamservicecar si rituffa in Europa. I ragazzi di Tommaso Colamaria affrontano domani sera gli svizzeri del Roller Club Biasca nella prima giornata di ritorno del gruppo B di Eurolega. Per i Biancorossoblu si tratta di una gara in cui sarà necessario capitalizzare al massimo ogni situazione, per affrontare le due successive sfide - al limite del proibitivo -contro Porto e Noia senza ulteriori pressioni.

Il Monza dovrà ripetere la partita disputate in Svizzera un mese fa, quando con una prova di grande sostanza ha portato a casa un risultato favorevole. In casa HRC la condizione è ottimale, non ci sono defezioni e nonostante il KO subito a Viareggio il morale è buono. Sarà però vietato prendere sotto gamba la sfida contro i campioni di Svizzera e l’obbligo di Martinez & co. sarà imporre il proprio gioco, al fine di acquisire ulteriore maturità, soprattutto nelle sfide con squadre di livello tecnico leggermente inferiore.

L'obiettivo di serata, oltre ai tre punti, sarà quello di chiudere vincendo con il maggior scarto, per poi osservare ciò che accadrà accade alla Dragao Arena, con la speranza che il Porto riesca a sconfiggere il Noia: solo con questo scenario il Monza sarà padrone del proprio destino e potrà giocarsi al meglio le ultime chances di qualificazione ai quarti di finale.

 
la Saugella Monza non riesce a fermare la capolista PDF Stampa E-mail
Giovedì 16 Gennaio 2020 11:19

Candy Arena di Monza - Spettatori: 2443

MVP: Paola Egonu (Imoco Volley Conegliano)

MONZA, 15 GENNAIO 2020 – La Saugella Monza non riesce nel colpaccio di fermare la capolista Imoco Volley Conegliano, brava ad imporsi 3-0 alla Candy Arena di Monza nella prima giornata di ritorno della Serie A1 femminile 2019-2020. Nel match di apertura del nuovo anno le monzesi partono fortissimo, ma poi si spengono gradualmente sotto le giocate di una formazione, quella campione d'Italia in carica, capace di risalire nel finale di primo set sotto le giocate di Egonu (MVP della gara con 23 punti, di cui 4 ace e 3 muri), cambiando gli equilibri di una sfida partita in salita. Monza davvero bella nel prologo di gara, con una correlazione muro-difesa solida, un attacco continuo ben guidato da Meijners (12 punti per lei), Ortolani e Orthmann, ma poi demoralizzata per aver perso l'occasione di aggiudicarsi il primo set proprio nelle battute finali dopo aver comandato per tutto il gioco (8-6 prima e 16-12 poi). Dal secondo parziale in poi, infatti, le monzesi sono quasi sempre costrette a rincorrere e quando hanno l'occasione di mettere la testa avanti si fanno sorprendere dalle ospiti, lucide nel gestire la fase break con Hill in attacco, ben servita da Gennari, e Ogbogu e Folie a murare i tentativi delle padrone di casa. Per Monza ora non c'è tempo per pens are: domenica le rosablù saranno impegnate a Bergamo contro la Zanetti per il secondo turno di ritorno con l'obiettivo di centrare il primo sorriso del 2020.

LE DICHIARAZIONI POST PARTITA

Hanna Orthmann (schiacciatrice Saugella Monza): "Siamo partite molto bene nel muro-difesa, mettendogli pressione con il servizio. Poi siamo leggermente calate a livello di ritmo e loro ne hanno approfittato. Abbiamo espresso un buon gioco, con azioni di alto livello. Abbiamo bisogno di lavorare insieme dopo questa lunga pausa e sono sicura che ci riusciremo nel migliore dei modi. Ora ci aspettano degli allenamenti per preparare al meglio la trasferta di Bergamo, gara diversa sicuramente rispetto a quella di oggi e che se giochiamo come sappiamo possiamo vincere".

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 5 di 79
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

“Potevano scegliere fra il disonore e la guerra …”

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso)
Historia magistra vitae. Non dovremmo mai dimenticarlo ed invece, senza lungimiranza, dagli errori o dagli avvenimenti passati, sembra si resti estrani e non si impari nulla!
 
29 - 30 settembre 1938, Monaco, Germania. L'oggetto della Conferenza, tenutasi circa l’anno precedente lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, verteva sulle rivendicazioni tedesche della regione dei Monti Sudeti, posta in territorio cecoslovacco, ma abitata prevalentemente da popolazione di etnia tedesca. L’“Accordo di Monaco” con il quale Francia e Regno Unito cedevano alle richieste della Germania di Hitler, fu siglato dai principali uomini politici dell’epoca, Daladier e Chamberlain.

Leggi tutto...