Contenuto Principale

Basta walzer per favore, ne abbiamo le scatole piene

(Laura Giulia D'Orso) Per favore basta dirci bugie. Un intero popolo chiede che le Istituzioni non...

Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia

(Paolo Mariani) - Pur senza negare la correttezza dei numeri comunicati dai mezzi di informazione ...

Cina vs Italia: ospedali e gara di velocità

(Paolo Mariani) Fermo restando il massimo rispetto per tutti coloro che si sono prodigati e ancora s...

Annullamento delle giornate internazionali della European Academy of Religion 2020

Rimandata la conferenza per 1500 studiosi Bologna, 7 aprile 2020 - A causa dell'emergenza sanitar...

  • Coronavirus, gruppo FS Italiane: misure e iniziative

    Domenica 23 Febbraio 2020 20:55
  • Basta walzer per favore, ne abbiamo le scatole piene

    Martedì 10 Marzo 2020 10:57
  • Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia

    Lunedì 16 Marzo 2020 07:20
  • Cina vs Italia: ospedali e gara di velocità

    Sabato 04 Aprile 2020 07:02
  • Annullamento delle giornate internazionali della European Academy of Religion 2020

    Martedì 07 Aprile 2020 08:12

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Il governo usa il carburante per fare cassa PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Lunedì 12 Maggio 2014 18:24
140324 daniela maroni“Ci risiamo, i nostri cittadini dovranno subire un nuovo prelievo forzoso dalle loro tasche. Il Governo si rende conto che gli italiani non sono un pozzo senza fondo cui attingere ogni qualvolta lo si voglia?”  Daniela Maroni, consigliere regionale lombardo, mostra tutta la sua contrarietà al provvedimento approvato nei giorni scorsi in Senato dalle Commissioni Lavori Pubblici e Ambiente. Si tratta di un emendamento al DL Casa, che in parte ricalibra le coperture alle norme che finanziano per 25 milioni le opere di Expo 2015. 
Il documento emendato riferisce che il capitolo verrà coperto, per una quota parte di 13 milioni, non più dal fondo per le assunzioni nelle amministrazioni pubbliche, ma con un aumento delle accise sui carburanti, che dunque verranno ritoccati ancora una volta verso l’alto.
 
“L’ultimo aumento sulle accise è in vigore dal 1° marzo e già allora mi ero espressa in maniera fortemente critica. Il provvedimento votato a Roma dimostra ancora una volta che le accise sono un comodo strumento per fare cassa, per prelevare denaro dalle tasche dei contribuenti, che di tasse ne pagano già parecchie, anche per finanziare le grandi opere. Non vogliamo essere il Bancomat presso le stazioni di servizio per i delinquenti, tantomeno vogliamo essere il Bancomat per lo Stato”. Daniela Maroni, che ricopre anche l’incarico di Vicepresidente Nazionale dei gestori Figisc Confcommercio, ribadisce il concetto: “una decisione assurda, penso che i commissari potevano individuare benissimo un’alternativa diversa alle accise. E invece si andranno ancora una volta a colpire le famiglie e i lavoratori, che già ora fanno i salti mortali per arrivare alla fine del mese. Lo Stato, in questa difficile contingenza di crisi, dovrebbe venire incontro alla gente, e invece con queste scelte fa proprio il contrario”.
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

“Potevano scegliere fra il disonore e la guerra …”

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso)
Historia magistra vitae. Non dovremmo mai dimenticarlo ed invece, senza lungimiranza, dagli errori o dagli avvenimenti passati, sembra si resti estrani e non si impari nulla!
 
29 - 30 settembre 1938, Monaco, Germania. L'oggetto della Conferenza, tenutasi circa l’anno precedente lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, verteva sulle rivendicazioni tedesche della regione dei Monti Sudeti, posta in territorio cecoslovacco, ma abitata prevalentemente da popolazione di etnia tedesca. L’“Accordo di Monaco” con il quale Francia e Regno Unito cedevano alle richieste della Germania di Hitler, fu siglato dai principali uomini politici dell’epoca, Daladier e Chamberlain.

Leggi tutto...