Contenuto Principale

Negozi ed artigiani aperti ad agostoa Monza

Sono disponibili i calendari con le aperture dei negozi e degli artigiani nel mese di agosto, ...

Una nuova Questura entro l'anno prossimo

E’ una notizia che qui a Monza attendevamo da nove anni:e finalmente le parole del capo della Polizi...

Cantieri aperti a Monza ecco le mappe

Quella del 2018 è un’estate di cantieri e di lavori sulla rete stradale cittadina, che conta circa 2...

Vendite a domicilio in aumento

Il presidente di Univendita Ciro Sinatra: «Risultati migliori rispetto al commercio tradizionale, ...

Nuovo aumento dei prezzi dell'energia?

La Francia blocca ancora reattori: Italia, possibile nuovo aumento dei prezzi dell'energiaPucci: "Pr...

  • Negozi ed artigiani aperti ad agostoa Monza

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • Una nuova Questura entro l'anno prossimo

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • Cantieri aperti a Monza ecco le mappe

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • Vendite a domicilio in aumento

    Martedì 19 Settembre 2017 06:09
  • Nuovo aumento dei prezzi dell'energia?

    Sabato 07 Ottobre 2017 09:50

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

5 x 1000 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Martedì 06 Maggio 2014 06:44
130917 ministero finanze(a cura di Studio Mainini) Per effetto dell'art. 1 co. 205 della L. 27.12.2013 n. 147 (legge di Stabilità 2014), la facoltà di destinazione del 5 per mille dell'IRPEF è stata prorogata anche in relazione alle dichiarazioni dei redditi relative al 2013 (730/2014 e UNICO 2014 PF), secondo modalità  analoghe a quelle applicate negli scorsi anni.
La disciplina applicabile nel 2014 alla destinazione del 5 per mille dell'IRPEF è stata illustrata dall'Agenzia delle Entrate con la circolare n.7 del 20.3.2014.
 
Premessa Nel 2014 la scelta per la destinazione del 5 per mille dell'IRPEF riguarda, le stesse finalità degli anni precedenti che sono rimaste invariate.
Gli enti di volontariato, le ONLUS, le associazioni di promozione sociale, le associazioni sportive dilettantistiche, le altre associazioni o fondazioni riconosciute che operano in determinati settori partecipano al riparto del 5 per mille dell'IRPEF a condizione che siano iscritte in un apposito elenco tenuto dall'Agenzia delle Entrate.
L'iscrizione nell'elenco relativo al 2014 deve avvenire anche da parte dei soggetti già iscritti negli anni precedenti.
 
Presentazione telematica della domanda e iscrizione negli elenchi
Tale iscrizione dovrà essere effettuata, inviando la relativa domanda:
I esclusivamente in via telematica;
I sulla base della procedura disponibile sul sito Internet dell'Agenzia delle Entrate
(www.agenziaentrate.gov.it);
I entro il 7.5.2014;
I direttamente dai soggetti interessati, abilitati ai servizi telematici e in possesso del codice PIN;
I oppure tramite gli intermediari abilitati (es. dottori commercialisti ed esperti contabili).
La domanda di iscrizione comprende un'autodichiarazione relativa al possesso dei requisiti necessari per beneficiare del riparto dell'imposta.
L'elenco dei soggetti ammessi, formato sulla base delle domande di iscrizione validamente accolte, sarà pubblicato sul sito dell'Agenzia delle Entrate (www.agenziaentrate.gov.it) entro il 14.5.2014. Per ciascun soggetto iscritto saranno indicati:
I la denominazione;
I la sede;
I la tipologia di appartenenza;
I il codice fiscale.
 
Dichiarazione sostitutiva sulla persistenza dei requisiti
Entro il 30.6.2014, i legali rappresentanti dei soggetti ammessi devono presentare una dichiarazione sostitutiva di atto notorio relativa alla persistenza dei requisiti necessari per beneficiare del riparto del 5 per mille:
>    utilizzando l'apposito modello disponibile sul sito dell'Agenzia delle Entrate:
- uno destinato alle associazioni sportive dilettantistiche;
- l'altro riguardante gli altri soggetti;
>    allegando una copia fotostatica non autenticata di un documento d'identità del
sottoscrittore della dichiarazione sostitutiva, anche se il legale rappresentante non è cambiato rispetto all'anno precedente.
 
Direzione regionale delle Entrate
Ad eccezione delle associazioni sportive dilettantistiche, la dichiarazione sostitutiva in esame deve essere inviata:
I alla Direzione Regionale delle Entrate (DRE) territorialmente competente;
I mediante raccomandata con avviso di ricevimento, oppure mediante posta elettronica
certificata (PEC).
L'invio tramite posta elettronica certificata (PEC) deve avvenire:
I sulla base degli indirizzi PEC disponibili sul sito dell'Agenzia delle Entrate;
I riportando nell'oggetto l'indicazione "Dichiarazione sostitutiva 5 per mille 2014";
I allegando copia della dichiarazione sostitutiva, ottenuta mediante scansione dell'originale compilato e sottoscritto dal rappresentante legale, nonché della copia del documento di identità.
 
Regolarizzazione delle violazioni
L'art. 2 co. 2 del D.L. 2.3.2012 n. 16, conv. in L. 26.4.2012 n. 44, ha previsto una procedura di "ravvedimento operoso" per gli enti che, in possesso dei requisiti sostanziali per accedere ai fondi del 5 per mille, non hanno assolto in tutto o in parte, entro i termini previsti, ai suddetti adempimenti.
In particolare, la regolarizzazione può avvenire qualora:
I la domanda di iscrizione non venga regolarmente presentata entro il 7.5.2014;
I la dichiarazione sostitutiva non venga regolarmente presentata entro il 30.6.2014;
I alla dichiarazione sostitutiva presentata entro il 30.6.2014 non sia stata allegata la fotocopia del documento di identità del rappresentante legale.
Per poter accedere alla regolarizzazione, i requisiti sostanziali per l'ammissione al riparto del 5 per mille devono essere posseduti alla data originaria di scadenza per la presentazione della domanda di iscrizione.
 
Riparto ed erogazione delle somme spettanti ai singoli beneficiari
Ai soggetti inseriti negli elenchi definitivi dei beneficiari spettano le quote del 5 per mille dell'IRPEF relativa al 2013:
I dei contribuenti che hanno indicato il codice fiscale del beneficiario;
I in proporzione al numero complessivo delle destinazioni dirette per la medesima finalità, in relazione all'imposta dei contribuenti che non hanno indicato uno specifico soggetto beneficiario o lo hanno indicato in maniera errata.
L'ente beneficiario non ha diritto alla corresponsione delle somme qualora:
I risulti aver cessato l'attività o non svolgere più l'attività che dà diritto al beneficio;
I abbia diritto ad un importo complessivo inferiore a 12,00 euro.
Ai fini della determinazione delle somme da assegnare, si terrà conto del limite di spesa di 400 milioni di euro fissato dalla legge.
Gli enti che svolgono attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici e che sono iscritti nell'elenco dei beneficiari del 5 per mille ai sensi del citato D.L. n. 98/2011, al fine di partecipare al riparto delle somme devono presentare, a pena di decadenza, il programma delle attività e degli interventi che intendono realizzare con il contributo proveniente dalla quota del 5 per mille:
I entro il 30.11.2014;
I esclusivamente per via telematica, attraverso l'apposita area resa disponibile sul sito Internet del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo.
 
Obbligo rendicontazione somme ricevute
I soggetti ammessi al riparto del 5 per mille per l'anno finanziario 2014 devono redigere un apposito e separato rendiconto:
I entro un anno dalla ricezione delle somme ad essi destinate;
I utilizzando il modulo reso disponibile sui siti istituzionali delle Amministrazioni competenti (es. Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali);
I dal quale risulti, anche a mezzo di una relazione illustrativa, in modo chiaro e trasparente, la destinazione delle somme attribuite.
In relazione alle associazioni sportive dilettantistiche, nel suddetto rendiconto devono essere illustrate anche le attività di interesse sociale effettivamente svolte.
I rendiconti e le relative relazioni dovranno essere trasmessi, se sono stati percepiti importi
pari o superiori a 20.000,00 euro:
I all'Amministrazione che ha erogato le somme, per consentirne il controllo;
I entro 30 giorni dalla scadenza del termine per la loro compilazione.
I soggetti che hanno percepito importi inferiori a 20.000,00 euro, invece:
I non sono tenuti all'invio del rendiconto e della relazione, che dovrà avvenire solo in
seguito ad apposita richiesta delle Amministrazioni competenti;
I devono conservare tali documenti per 10 anni.
Gli enti che svolgono attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e
paesaggistici e che partecipano al riparto del 5 per mille ai sensi del citato D.L. n. 98/2011,
sono tenuti a redigere un apposito rendiconto:
I secondo modalità e termini di presentazione che saranno indicati nel decreto di riparto
delle somme;
I tenuto conto della tipologia e della specificità dei programmi di interventi finanziati.
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Il Peso di una Valigia

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D'Orso). Passano uomini e donne senza nome né volto. Hanno avuto solamente il permesso di recuperare qualche cosa di personale dalle loro case che probabilmente saranno abbattute. Una vita passata fra quattro mura forse anche comprate con sacrificio, in una zona dove notte e giorno senti il fragore delle auto e dei camion che sembra ti passino in soggiorno. Quattro mura neanche tanto sicure come un tetto sulla testa che adesso non hanno più. Ognuno trascina una valigia piena di “loro”. Difficile scegliere cosa portare e cosa lasciare.

Grazie a Dio, io non sono fra quelle persone, la mia casa sarà ancora là quando tornerò ma mi sono domandata cosa avrei stipato nella mia valigia se fosse capitato a me. Non è stato semplice; ma poi ho compreso: solamente ciò che è stata la mia esistenza, il mio passato. Avrei preso tutti gli album di foto della mia famiglia, un pugno di “preziosi” che ricordano eventi felici, i miei libri del liceo, la trilogia di Dante del Sapegno, quelli con la copertina verde di storia dell’arte dell’Argan, quelli di Italiano del Pazzaglia, la mia vita, la mia conoscenza, le mie origini, ciò che sono. Scriveva Robert M. Edsel in Monumnets Men: “Puoi sterminare una generazione di persone, radere al suolo le loro case, troveranno una via di ritorno. Ma se distruggi i loro conseguimenti e la loro storia, è come se non fossero mai esistite, solo ceneri, che galleggiano.”

E se quel maledetto ponte che conosco molto bene, su cui sono transitata tante volte da bambina, fosse stato sotto il mio controllo, sarei lì a scavare a mani nude, almeno per ridare i corpi di chi non c’è più a familiari che piangono un loro disperso.

 

Ruspadana, tanto rumore per nulla, direi

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso). Quando si parla di videogiochi violenti o che si pensi istighino alla violenza quasi sempre si finisce a discutere di quanto essi in realtà possano stimolare o aumentare comportamenti violenti nelle persone. E’ di ieri la notizia che la Apple ha ritirato in via precauzionale un giochino dal suo Store digitale creato da tre giovanissimi tra cui un monzese di 26 anni, chiamato Ruspadana. Ovviamente “nomen omen” il giochino, easy nella grafica, tanto da ricordare “Mister Mario” è basato su un tema molto attuale e prende spunto dalle felpe di Matteo Salvini con ruspa stampata. Il gruppo di amici/colleghi che, per inciso, sono fra le menti informatiche più capaci, che hanno superato una difficile selezione per essere presi dalla Apple, in Italia, lo hanno sviluppato a Napoli. Si trovava sull'App Store gratis e consisteva nel "ripulire" la Pianura Padana da omini neri, si immagina immigrati, per potersi poi godere lo spettacolo delle Alpi. Dopo una serie di polemiche il giochino è scomparso dallo Store. Tanto rumore per nulla, direi. Per due motivi ben precisi. Avete mai digitato su google il termine ”spara tutto”?