Contenuto Principale

FISE ARE accoglie con plauso l'approvazione del Ddl Concorrenza

Fise Are, Associazione Imprese Servizi di Recapito Postale e Parcel accoglie con plauso l'approvaz...

Disoccupazione in calo in Italia: il commento di ALDAI-Federmanager

ALDAI-Federmanager guarda con cauto ottimismo ai dati sull'occupazione, analogamente a quanto esplic...

Gli adolescenti temono l'intelligenza artificiale

A Teen Parade di Radioimmaginaria gli adolescenti hanno parlato del loro futuro lavorativo e di ro...

Previsioni di assunzioni in crescita in Italia

Cresce al 3% la previsione di assunzioni in Italia per il prossimo trimestre I datori di lavoro m...

Vendite a domicilio in aumento

Il presidente di Univendita Ciro Sinatra: «Risultati migliori rispetto al commercio tradizionale, ...

  • FISE ARE accoglie con plauso l'approvazione del Ddl Concorrenza

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • Disoccupazione in calo in Italia: il commento di ALDAI-Federmanager

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • Gli adolescenti temono l'intelligenza artificiale

    Domenica 10 Settembre 2017 20:48
  • Previsioni di assunzioni in crescita in Italia

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • Vendite a domicilio in aumento

    Martedì 19 Settembre 2017 06:09

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

5 x 1000 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Martedì 06 Maggio 2014 06:44
130917 ministero finanze(a cura di Studio Mainini) Per effetto dell'art. 1 co. 205 della L. 27.12.2013 n. 147 (legge di Stabilità 2014), la facoltà di destinazione del 5 per mille dell'IRPEF è stata prorogata anche in relazione alle dichiarazioni dei redditi relative al 2013 (730/2014 e UNICO 2014 PF), secondo modalità  analoghe a quelle applicate negli scorsi anni.
La disciplina applicabile nel 2014 alla destinazione del 5 per mille dell'IRPEF è stata illustrata dall'Agenzia delle Entrate con la circolare n.7 del 20.3.2014.
 
Premessa Nel 2014 la scelta per la destinazione del 5 per mille dell'IRPEF riguarda, le stesse finalità degli anni precedenti che sono rimaste invariate.
Gli enti di volontariato, le ONLUS, le associazioni di promozione sociale, le associazioni sportive dilettantistiche, le altre associazioni o fondazioni riconosciute che operano in determinati settori partecipano al riparto del 5 per mille dell'IRPEF a condizione che siano iscritte in un apposito elenco tenuto dall'Agenzia delle Entrate.
L'iscrizione nell'elenco relativo al 2014 deve avvenire anche da parte dei soggetti già iscritti negli anni precedenti.
 
Presentazione telematica della domanda e iscrizione negli elenchi
Tale iscrizione dovrà essere effettuata, inviando la relativa domanda:
I esclusivamente in via telematica;
I sulla base della procedura disponibile sul sito Internet dell'Agenzia delle Entrate
(www.agenziaentrate.gov.it);
I entro il 7.5.2014;
I direttamente dai soggetti interessati, abilitati ai servizi telematici e in possesso del codice PIN;
I oppure tramite gli intermediari abilitati (es. dottori commercialisti ed esperti contabili).
La domanda di iscrizione comprende un'autodichiarazione relativa al possesso dei requisiti necessari per beneficiare del riparto dell'imposta.
L'elenco dei soggetti ammessi, formato sulla base delle domande di iscrizione validamente accolte, sarà pubblicato sul sito dell'Agenzia delle Entrate (www.agenziaentrate.gov.it) entro il 14.5.2014. Per ciascun soggetto iscritto saranno indicati:
I la denominazione;
I la sede;
I la tipologia di appartenenza;
I il codice fiscale.
 
Dichiarazione sostitutiva sulla persistenza dei requisiti
Entro il 30.6.2014, i legali rappresentanti dei soggetti ammessi devono presentare una dichiarazione sostitutiva di atto notorio relativa alla persistenza dei requisiti necessari per beneficiare del riparto del 5 per mille:
>    utilizzando l'apposito modello disponibile sul sito dell'Agenzia delle Entrate:
- uno destinato alle associazioni sportive dilettantistiche;
- l'altro riguardante gli altri soggetti;
>    allegando una copia fotostatica non autenticata di un documento d'identità del
sottoscrittore della dichiarazione sostitutiva, anche se il legale rappresentante non è cambiato rispetto all'anno precedente.
 
Direzione regionale delle Entrate
Ad eccezione delle associazioni sportive dilettantistiche, la dichiarazione sostitutiva in esame deve essere inviata:
I alla Direzione Regionale delle Entrate (DRE) territorialmente competente;
I mediante raccomandata con avviso di ricevimento, oppure mediante posta elettronica
certificata (PEC).
L'invio tramite posta elettronica certificata (PEC) deve avvenire:
I sulla base degli indirizzi PEC disponibili sul sito dell'Agenzia delle Entrate;
I riportando nell'oggetto l'indicazione "Dichiarazione sostitutiva 5 per mille 2014";
I allegando copia della dichiarazione sostitutiva, ottenuta mediante scansione dell'originale compilato e sottoscritto dal rappresentante legale, nonché della copia del documento di identità.
 
Regolarizzazione delle violazioni
L'art. 2 co. 2 del D.L. 2.3.2012 n. 16, conv. in L. 26.4.2012 n. 44, ha previsto una procedura di "ravvedimento operoso" per gli enti che, in possesso dei requisiti sostanziali per accedere ai fondi del 5 per mille, non hanno assolto in tutto o in parte, entro i termini previsti, ai suddetti adempimenti.
In particolare, la regolarizzazione può avvenire qualora:
I la domanda di iscrizione non venga regolarmente presentata entro il 7.5.2014;
I la dichiarazione sostitutiva non venga regolarmente presentata entro il 30.6.2014;
I alla dichiarazione sostitutiva presentata entro il 30.6.2014 non sia stata allegata la fotocopia del documento di identità del rappresentante legale.
Per poter accedere alla regolarizzazione, i requisiti sostanziali per l'ammissione al riparto del 5 per mille devono essere posseduti alla data originaria di scadenza per la presentazione della domanda di iscrizione.
 
Riparto ed erogazione delle somme spettanti ai singoli beneficiari
Ai soggetti inseriti negli elenchi definitivi dei beneficiari spettano le quote del 5 per mille dell'IRPEF relativa al 2013:
I dei contribuenti che hanno indicato il codice fiscale del beneficiario;
I in proporzione al numero complessivo delle destinazioni dirette per la medesima finalità, in relazione all'imposta dei contribuenti che non hanno indicato uno specifico soggetto beneficiario o lo hanno indicato in maniera errata.
L'ente beneficiario non ha diritto alla corresponsione delle somme qualora:
I risulti aver cessato l'attività o non svolgere più l'attività che dà diritto al beneficio;
I abbia diritto ad un importo complessivo inferiore a 12,00 euro.
Ai fini della determinazione delle somme da assegnare, si terrà conto del limite di spesa di 400 milioni di euro fissato dalla legge.
Gli enti che svolgono attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici e che sono iscritti nell'elenco dei beneficiari del 5 per mille ai sensi del citato D.L. n. 98/2011, al fine di partecipare al riparto delle somme devono presentare, a pena di decadenza, il programma delle attività e degli interventi che intendono realizzare con il contributo proveniente dalla quota del 5 per mille:
I entro il 30.11.2014;
I esclusivamente per via telematica, attraverso l'apposita area resa disponibile sul sito Internet del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo.
 
Obbligo rendicontazione somme ricevute
I soggetti ammessi al riparto del 5 per mille per l'anno finanziario 2014 devono redigere un apposito e separato rendiconto:
I entro un anno dalla ricezione delle somme ad essi destinate;
I utilizzando il modulo reso disponibile sui siti istituzionali delle Amministrazioni competenti (es. Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali);
I dal quale risulti, anche a mezzo di una relazione illustrativa, in modo chiaro e trasparente, la destinazione delle somme attribuite.
In relazione alle associazioni sportive dilettantistiche, nel suddetto rendiconto devono essere illustrate anche le attività di interesse sociale effettivamente svolte.
I rendiconti e le relative relazioni dovranno essere trasmessi, se sono stati percepiti importi
pari o superiori a 20.000,00 euro:
I all'Amministrazione che ha erogato le somme, per consentirne il controllo;
I entro 30 giorni dalla scadenza del termine per la loro compilazione.
I soggetti che hanno percepito importi inferiori a 20.000,00 euro, invece:
I non sono tenuti all'invio del rendiconto e della relazione, che dovrà avvenire solo in
seguito ad apposita richiesta delle Amministrazioni competenti;
I devono conservare tali documenti per 10 anni.
Gli enti che svolgono attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e
paesaggistici e che partecipano al riparto del 5 per mille ai sensi del citato D.L. n. 98/2011,
sono tenuti a redigere un apposito rendiconto:
I secondo modalità e termini di presentazione che saranno indicati nel decreto di riparto
delle somme;
I tenuto conto della tipologia e della specificità dei programmi di interventi finanziati.
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

L'elogio della mela

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

 
-align: justify;">(Laura Giulia D’Orso). Aiuto, da oggi mi si è allargato il paniere! Lo ha deciso con fermezza l’Istat. Nel 2018 entreranno cinque nuovi prodotti: l'Avocado, il Mango, i Vini liquorosi, la Lavasciuga, il Robot aspirapolvere e ne usciranno la Telefonia pubblica, il Canone Rai (che rientra dalla finestra sotto forma di bolletta dell’elettricità) ed il Lettore Mp4. Mi è venuta l’ansia. Ho aperto il frigo ma tra gli alimenti da me acquistati ho avuto la certezza non ci fossero né il mango né l’avocado.
E adesso?! Sarà, ma qualcosa non mi torna. Resto basita da una tal richiesta di frutta tropicale stile hipster qui in Italia. Per meglio farci comprendere l’Istat, sul suo sito, scrive che “I prodotti di prima necessità del paniere ed il peso loro attribuito sono definiti sulla base della spesa effettiva delle famiglie, in modo da rappresentare la struttura dei consumi della popolazione”. La fonte principale è l'indagine che l’Istat svolge sui consumi coinvolgendo circa 28mila famiglie italiane (?). Sono però utilizzate anche altre fonti, interne (stime di contabilità nazionale, indagini su commercio estero e produzione industriale) ed esterne (dati ACNielsen, Banca d'Italia), per assicurare un'accurata copertura informativa.
Così perplessa svolgo la mia piccola indagine personale. Munita di penna e taccuino resto ad osservare per un’oretta buona, nel reparto di ortofrutta di un noto centro commerciale, il cestone degli avocado esposti. Di avventori neanche l’ombra! Attendo invano, vanno a ruba le arance, banane, pere, kiwi ma gli avocado non se li fila nessuno!. Il giorno dopo, al mercato del giovedì, alla mia richiesta di tre manghi e due avocado mi sento “cusa te s’è drè a dì?. Grazie tutto a posto, è per il paniere … Risposta un po’ alterata:“anca mò, ab’bjamo nà sporta!
Ci spiegano che l’Europa ha raddoppiato il consumo di avocado nel corso degli ultimi sei anni, raggiungendo ben 0,75 chilogrammi pro capite annui (Fonte: Rabobank su dati UN Comtrade) prima viene l’Olanda, ultima l’Italia con 0,25 chilogrammi. Poi, a ben cercare, scopro che il 2018 sarà l’anno dell’avocado, e che a Rimini, i principali attori della produzione e del commercio mondiale di avocado e mango si daranno appuntamento a Macfrut, un evento unico a livello internazionale. Si chiamerà “Tropical Fruit Congress”, primo summit in Europa dedicato a questa tipologia di frutti esotici, alla Fiera di Rimini il 10 e 11 maggio 2018. Leggo che si svolgerà una due giorni per esplorare le attuali tendenze del mercato, dei consumi e degli scambi, ampliando lo sguardo anche agli sviluppi scientifici, alle tecnologie e ai metodi di vendita di prodotti sempre più richiesti nei mercati globali primo fra tutti i Messico. Due i prodotti al centro del Congresso: Avocado e Mango.
E allora mi sorge un dubbio, senza nulla togliere al guacamole, alle maschere di bellezza e alle virtù salutiste ed alternative di una filosofia di vita “veg” perché non rivalutiamo la nostra vecchia e cara mela di casa nostra!