Contenuto Principale

Basta walzer per favore, ne abbiamo le scatole piene

(Laura Giulia D'Orso) Per favore basta dirci bugie. Un intero popolo chiede che le Istituzioni non...

Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia

(Paolo Mariani) - Pur senza negare la correttezza dei numeri comunicati dai mezzi di informazione ...

Cina vs Italia: ospedali e gara di velocità

(Paolo Mariani) Fermo restando il massimo rispetto per tutti coloro che si sono prodigati e ancora s...

Annullamento delle giornate internazionali della European Academy of Religion 2020

Rimandata la conferenza per 1500 studiosi Bologna, 7 aprile 2020 - A causa dell'emergenza sanitar...

  • Coronavirus, gruppo FS Italiane: misure e iniziative

    Domenica 23 Febbraio 2020 20:55
  • Basta walzer per favore, ne abbiamo le scatole piene

    Martedì 10 Marzo 2020 10:57
  • Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia

    Lunedì 16 Marzo 2020 07:20
  • Cina vs Italia: ospedali e gara di velocità

    Sabato 04 Aprile 2020 07:02
  • Annullamento delle giornate internazionali della European Academy of Religion 2020

    Martedì 07 Aprile 2020 08:12

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Droni in volo a Monza per controllare il rispetto del lockdown imposto PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Giovedì 09 Aprile 2020 11:01

L’Amministrazione Comunale ha deciso di utilizzare i piccoli aeromobili per monitorare gli spostamenti dei cittadini sul territorio comunale.

Un controllo più vasto,oltre al pattugliamento stringente e quotidiano. «L’uso dei droni, con il via libera della Prefettura – sottolinea il Sindaco Dario Allevi – ci consentirà di monitorare meglio il tessuto urbano, a maggior garanzia della sicurezza e della salute dei cittadini in un momento di drammatica emergenza sanitaria. Questa tecnologia ci offre il vantaggio di coprire un’area molto vasta aumentando enormemente la nostra capacità di controllo del territorio e di intervento nel caso di violazioni delle misure restrittive in vigore nella nostra Regione».

Droni in volo sul cielo di Monza quindi per controllare il rispetto del lockdown imposto dalla diffusione del Covid-19. 

I droni in volo consentiranno di verificare dall’alto eventuali assembramenti vietati, lavoro sicuramente più complesso con le pattuglie a terra. I piccoli velivoli saranno in grado di trasmettere, in tempo reale, le immagini alla postazione mobile della Polizia Locale. In questo modo gli agenti potranno intervenire nella zona in cui si verificano violazioni alle regole del lockdown in pochissimi minuti.

 

Pasqua e Pasquetta, si richiede il massimo impegno e la massima serietà a tutti i cittadini. L’idea è quella di utilizzarli per monitorare delle aree specifiche – aggiungono il Sindaco Allevi e l’Assessore alla Sicurezza Federico Arena – piazze o vie con la presenza di attività commerciali aperte ma anche a piste ciclabili o ad aree verdi e giardini che, seppure chiuse da tempo, vengono ogni tanto prese d’assalto. I droni sono in funzione già da questi giorni ma nel prossimo weekend, quello di Pasqua e Pasquetta, avranno un ruolo ancora più importante. Il messaggio che vogliamo dare ai nostri cittadini è sempre lo stesso: il CoronaVirus non è ancora stato sconfitto ed è per questo che dobbiamo continuare a restare a casa».

“Questa tecnologia si aggiunge alle dotazioni innovative già introdotte di recente presso il comando di via Marsala per rispondere in modo sempre più efficace alle esigenze di sicurezza della città”, conclude l’Assessore Arena.

 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

“Potevano scegliere fra il disonore e la guerra …”

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso)
Historia magistra vitae. Non dovremmo mai dimenticarlo ed invece, senza lungimiranza, dagli errori o dagli avvenimenti passati, sembra si resti estrani e non si impari nulla!
 
29 - 30 settembre 1938, Monaco, Germania. L'oggetto della Conferenza, tenutasi circa l’anno precedente lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, verteva sulle rivendicazioni tedesche della regione dei Monti Sudeti, posta in territorio cecoslovacco, ma abitata prevalentemente da popolazione di etnia tedesca. L’“Accordo di Monaco” con il quale Francia e Regno Unito cedevano alle richieste della Germania di Hitler, fu siglato dai principali uomini politici dell’epoca, Daladier e Chamberlain.

Leggi tutto...