Contenuto Principale

Basta walzer per favore, ne abbiamo le scatole piene

(Laura Giulia D'Orso) Per favore basta dirci bugie. Un intero popolo chiede che le Istituzioni non...

Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia

(Paolo Mariani) - Pur senza negare la correttezza dei numeri comunicati dai mezzi di informazione ...

Cina vs Italia: ospedali e gara di velocità

(Paolo Mariani) Fermo restando il massimo rispetto per tutti coloro che si sono prodigati e ancora s...

Annullamento delle giornate internazionali della European Academy of Religion 2020

Rimandata la conferenza per 1500 studiosi Bologna, 7 aprile 2020 - A causa dell'emergenza sanitar...

  • Coronavirus, gruppo FS Italiane: misure e iniziative

    Domenica 23 Febbraio 2020 20:55
  • Basta walzer per favore, ne abbiamo le scatole piene

    Martedì 10 Marzo 2020 10:57
  • Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia

    Lunedì 16 Marzo 2020 07:20
  • Cina vs Italia: ospedali e gara di velocità

    Sabato 04 Aprile 2020 07:02
  • Annullamento delle giornate internazionali della European Academy of Religion 2020

    Martedì 07 Aprile 2020 08:12

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Seveso:il sindaco informa di un ulteriore decesso per “CORONAVIRUS” e di altri contagiati PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Giovedì 19 Marzo 2020 10:34

La Prefettura di Monza e della Brianza ha aggiornato il Sindaco di Seveso, Luca Allievi, riguardo al numero delle persone affette da virus Covid-19 residenti nel Comune. Purtroppo il bollettino riporta 5 nominativi, tra cui quello del deceduto e quello del contagiato di cui già si era data notizia. In questa lista di 5 nominativi si annovera però un nuovo decesso: un ultraottantenne, già affetto da altre patologie, che non ce l’ha fatta a combattere anche contro il cosiddetto “coronavirus”.

Riguardo a questa comunicazione il sindaco Luca Allevi tiene a fare le seguenti considerazioni: “La settimana scorsa vi avevo informato circa un residente di Seveso risultato positivo al ‘coronavirus’ e che purtroppo era deceduto e successivamente di un altro nostro concittadino risultato positivo al tampone. Ora siamo di fronte a un’altra morte e ad altri casi di contagio, di cui uno di un sessantacinquenne in buona salute. A quest’ultimo e agli altri 2 sevesini positivi al ‘coronavirus’, innanzitutto, rivolgiamo i nostri auguri di pronta guarigione. E ai familiari dei deceduti vanno le più sentite condoglianze da parte di tutta la nostra comunità.

Questo aumento dei numeri dei contagiati, registrato anche a livello provinciale, secondo gli esperti è perlopiù il risultato di comportamenti non adeguati all’emergenza sanitaria in corso nel nostro Paese. Mi riferisco in particolare al penultimo week-end, quando, senza ascoltare i moniti che arrivavano da più parti, troppa gente è uscita di casa andando a frequentare luoghi affollati. Se vogliamo che il picco dei numeri sopracitati scenda presto dobbiamo assolutamente stare a casa, cercando davvero di limitare al minimo le uscite consentite dai decreti e dalle ordinanze dei vari Enti di governo. Proprio oggi mi sono giunte numerose segnalazioni dai cittadini riguardo alla quantità di persone che si vedono sulle strade comunali. Io sottolineo che da venerdì scorso la Polizia Locale è impegnata con turni estesi dalle ore 7 alle 21 dal lunedì al sabato e dalle 7 alle 19 alla domenica: nei primi 5 giorni di pattugliamento, che avviene anche accompagnato da comunicazioni con l’altoparlante della vettura di servizio, sono state controllate 60 persone per la verifica del rispetto del Decreto dell’8 marzo. Anche la Protezione Civile comunale è impegnata sia in settimana che nel week-end. E non dimentichiamo l’impegno in questo senso dei Carabinieri e della Guardia di Finanza di stanza nel nostro Comune.

 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

“Potevano scegliere fra il disonore e la guerra …”

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso)
Historia magistra vitae. Non dovremmo mai dimenticarlo ed invece, senza lungimiranza, dagli errori o dagli avvenimenti passati, sembra si resti estrani e non si impari nulla!
 
29 - 30 settembre 1938, Monaco, Germania. L'oggetto della Conferenza, tenutasi circa l’anno precedente lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, verteva sulle rivendicazioni tedesche della regione dei Monti Sudeti, posta in territorio cecoslovacco, ma abitata prevalentemente da popolazione di etnia tedesca. L’“Accordo di Monaco” con il quale Francia e Regno Unito cedevano alle richieste della Germania di Hitler, fu siglato dai principali uomini politici dell’epoca, Daladier e Chamberlain.

Leggi tutto...