Contenuto Principale

Basta walzer per favore, ne abbiamo le scatole piene

(Laura Giulia D'Orso) Per favore basta dirci bugie. Un intero popolo chiede che le Istituzioni non...

Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia

(Paolo Mariani) - Pur senza negare la correttezza dei numeri comunicati dai mezzi di informazione ...

Annullamento delle giornate internazionali della European Academy of Religion 2020

Rimandata la conferenza per 1500 studiosi Bologna, 7 aprile 2020 - A causa dell'emergenza sanitar...

  • Coronavirus, gruppo FS Italiane: misure e iniziative

    Domenica 23 Febbraio 2020 20:55
  • Basta walzer per favore, ne abbiamo le scatole piene

    Martedì 10 Marzo 2020 10:57
  • Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia

    Lunedì 16 Marzo 2020 07:20
  • Annullamento delle giornate internazionali della European Academy of Religion 2020

    Martedì 07 Aprile 2020 08:12

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Oltre 700 nuovi alberi in arrivo a Monza PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Lunedì 25 Novembre 2019 12:55
Piantumazioni ViaVecillioCon la fine del 2019 entra nel vivo il piano promosso dal Comune di Monza che, entro la primavera 2020, intende piantumare 754 nuovi alberi adulti, (aceri, carpini, magnolie, ciliegi, querce, tigli) compresi quelli in sostituzione di tutti gli alberi abbattuti perché malati o caduti a causa del maltempo. Con questi 700 nuovi alberi il patrimonio arboreo comunale supererà per la prima volta la quota di ventimila esemplari in città, 20.395.
Sono 31 gli «ambiti omogenei» di intervento tra strade, piazze, giardini e scuole. C’è viale Libertà e via Borgazzi, via Gerardo dei Tintori e il parco di via Gallarana, via Sempione e viale Stucchi, i Boschetti Reali e viale Elvezia, la CandyArena e lo Stadio Brianteo, il parco di via Correggio e via Romagna. Nuovi alberi renderanno più verdi anche i cortili e le aree esterne delle scuole: Bachelet, Don Milani, Monte Amiata, Tacoli, Sabin, Sauro – Koiné, Omero, Pertini, IPSIA Enzo Ferrari, Anzani, asilo nido Libertà, Volta e Zucchi.
Le zone più «verdi»
A parte il Cimitero, dove saranno piantati 175 nuovi alberi, le due zone con gli interventi più significativi sono quelle in due quartieri meno centrali dove saranno piantate 59 nuove piante in ciascuna zona: San Giuseppe che comprende via Catalafimi, via Cappuccini, via Romagna, via Molise, via Puglia, scuola Zucchi, via Castelli, via Silva, via Lipari, via Lucania via Fiore Martelli e via Goldoni San Donato, in via Vecellio, via Buonarroti, via Piero della Francesca e via Masaccio. Progetto di forestazione urbana Roche Italia, in collaborazione con AzzeroCO2, in via Vecellio ha piantato anche altri 200 alberi tra tigli, querce, carpini, platani e olmi piantati nell’ambito di un progetto di forestazione urbana. Dopo l’esperienza del 2018 di messa a dimora di 100 nuove specie arboree nel quartiere Sant’Albino, Roche Italia ha, infatti, deciso di ripetere il progetto nel quartiere San Donato, raddoppiando il numero di piante.
L’azienda, inoltre, come nell’intervento dell’anno scorso, si farà carico della manutenzione biennale delle piante. Un nuovo bosco in viale Sant’Anastasia Il Parco Agricolo Nord Est pianterà oltre 2.000 alberi forestali e 1.400 arbusti su un’area del Comune di Monza di 17 mila mq. in viale Sant’Anastasia. Si tratta di un intervento di «rimboschimento compensativo convenzionato». Gli alberi sono i «soldati» dell’ambiente Un albero, ad esempio l’acero riccio, il più efficace nella lotta all’inquinamento, assorbe nell’arco dei suoi 30 anni di vita 4.807 tonnellate di CO2. E se è vero che un chilometro in automobile produce 118 grammi di CO2, significa che un albero è in grado di eliminare dall’atmosfera le emissioni prodotte in 40.700 km, più di ciò che percorre un’auto per fare il giro della terra (dati Istituto di Biometereologia del Cnr).
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Cina vs Italia: ospedali e gara di velocità

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Paolo Mariani) Fermo restando il massimo rispetto per tutti coloro che si sono prodigati e ancora si stanno impegnando in questa situazione di emergenza i paragoni tra l’allestimento dei padiglioni fieristici di Bergamo e Milano con la costruzione dell’ospedale Huoshenshan sono impropri. In ciascuno dei due casi il lavoro è encomiabile. Entrambi sono stati realizzati in una situazione di emergenza, ma ciascuna delle due soluzioni parte da un modo diverso di affrontare e gestire il problema.