Contenuto Principale

"Avvicinare Leonardo"13 aprile al 19 maggio, Cappella Reale della Reggia di Monza

Un importante evento espositivo in occasione delle celebrazioni del 500.mo anniversario della mort...

“I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta.”

(Laura Giulia D'Orso). Il 7 Aprile 2004 viene ritrovato l’aereo di Antoine de Saint-Exupéry abbatt...

Storia di quelle tre note che da 155 anni onorano i Caduti di tutte le Guerre

(laura Giulia D'Orso). https://youtu.be/EV_Q03zvtkM La Liberazione .... il governo italiano aveva ...

L’omaggio di Monza al grande Rossini

Il 2018 è stato dichiarato “Anno Rossiniano” nel 150esimo anniversario della morte del gra...

Elezione del Parlamento Europeo fissata per il 26 maggio 2019

In occasione della prossima Elezione del Parlamento Europeo fissata per il 26 maggio 2019, anche i...

  • "Avvicinare Leonardo"13 aprile al 19 maggio, Cappella Reale della Reggia di Monza

    Giovedì 10 Gennaio 2013 21:01
  • “I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta.”

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • Storia di quelle tre note che da 155 anni onorano i Caduti di tutte le Guerre

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • L’omaggio di Monza al grande Rossini

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • Elezione del Parlamento Europeo fissata per il 26 maggio 2019

    Martedì 19 Settembre 2017 06:09

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Viscom Italia 2018 - Un altro successo PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Venerdì 26 Ottobre 2018 15:57
Viscom Italia si gusta un nuovo successo registrando oltre 20.100 visitatori che hanno animato la 30esima edizione della manifestazione tra nuove sperimentazioni, tendenze, business e creatività.
Si è chiusa sabato 20 ottobre la 30esima edizione di Viscom Italia 2018 - Mostra Convegno Internazionale della Comunicazione Visiva - che ha animato i corridoi del padiglione 8/12 di Fieramilano, registrando 20.127 visitatori (+2% rispetto al 2017) e decretando un vero e proprio successo.
 
E’, infatti, sulla sfida verso nuovi mercati, sull’importanza della formazione, sull’esaltazione dell’eccellenza delle tecnologie e delle applicazioni e sull’internazionalizzazione che Viscom Italia ha centrato il suo traguardo contribuendo a delineare e rendere raggiungibili per tutti gli operatori obiettivi futuri, per migliorare le loro strategie aziendali.
“Sempre più addetti ai lavori vedono nella nostra manifestazione l’appuntamento principale per il settore e la loro presenza, in costante incremento, rivela lo straordinario dinamismo del comparto – ha dichiarato Massimiliano Pierini Managing Director Reed Ehibitions Italia. Abbiamo accolto visitatori ed espositori in una location che ogni anno diventa sempre più speciale, consentendoci di vivere tre giorni all’insegna della creatività e del business. Viscom Italia è sempre di più un evento di successo in cui fare affari e condividere esperienze con professionisti provenienti da tutta Europa”.
La manifestazione aveva come tema quest’anno il gusto di comunicare che è stato declinato nei grandi spazi destinati agli eventi, ai concorsi e alle mostre per approfondire le ultime novità del mercato e come vetrina delle nuove tendenze.
 
10 seminari, 17 relatori e più di 1.130 visitatori hanno seguito con grande interesse il programma dei convegni Viscom Talks, - realizzato con il coordinamento scientifico di Personalive. Uno spazio di pensiero che ha visto salire sul palco emozionanti storie di successo che hanno messo in evidenza come i diversi mercati dalla pubblicità al design, dalla brand industry al retail siano sempre di più influenzati dalle soluzioni della comunicazione visiva per realizzare progetti di business vincenti.
 
Una panoramica completa su quanto può offrire il mercato della comunicazione visiva ma anche un’occasione di confronto per trovare nuovi stimoli è arrivato dal Viscom Live. L’evento - ideato da Reed Exhibitions Italia e curato dall’architetto Paola Silva Coronel - ha raccolto tutte le tecnologie e le applicazioni derivate dal nostro settore dove i visitatori hanno potuto divertirsi sperimentando in prima persona applicazioni inusuali derivate dalla tecnologia e dai materiali della visual communication presentate da: 3M Italia (main sponsor) e dagli sponsor tecnici Brother Internationale, Industriemaschinen GmbH - Italian Branch, Cielle, Embroidery Service, Epson, Fenix Digital Group, Guandong/Alpac, Oki, Trotec e La Montina.
 
 
Grande successo di pubblico per la mostra Food Fiction, firmata dall’artista Marco Goran Romano nata in collaborazione con MOSTRO, il festival della grafica e il partner tecnico Canon Italia. L’esposizione ha voluto mettere in risalto non tanto l'immaginario del food ma una visione del tutto personale farcita di fiction e riferimenti letterari. La sua ricerca visiva, fatta di segni, armonia, simboli tradizionali, ha animato le sue illustrazioni generando empatia, evocando un mondo familiare solo in apparenza poiché al suo interno infonde modelli di novità con forme, colori e dettagli innovativi
Creatività, tecnica, innovazione e design sono stati i veri protagonisti di Elementaria che ha messo in mostra 7 prototipi dedicate allo Sport & Fitness realizzate dai designer: Matteo Caimi, Cristian Visentin, Giorgio Gurioli, Marco Maggioni, Massimo Farinatti, Pablo Pinxit e con le materie prime degli sponsor ADREANI, ADVIPLAST, ISONOVA, MADREPERLA, PALRAM, PIGOMMA - GRUPPO SOGIMI, PRESSOPLAS. Hanno partecipano alla raw material gallery: MONTECOLINO, PAMA FLOCK.
 
Infine sono stati assegnati i premi ai vincitori della ottava edizione di DIVA, Display Italia Viscom Award, la competizione internazionale organizzata in collaborazione con Display Italia, che ha visto 23 soluzioni espositive per il punto vendita in gara. La giuria composta dalla presidente Cristiana Sormani – BAYER e ,Chiara Selvi – ADIDAS, Federico Panigati - DEBORAH, Alessandra Gri – MUTEC, Roberto Turina - OZ PLANTEN, Gianfranco Stefanelli – TUCANO hanno premiato le DIVA 2018.
 
Vincitori DIVA – Display Italia Viscom Award:
PREMIATI CATEGORIA DUREVOLE
1° posto - Fronteretro e Isonova - Dainese Group
2° posto - Organizzazione Orlandelli - Organizzazione Orlandelli
3° posto - Gatto Display – Brumani
 
PREMIATI CATEGORIA NON DUREVOLE
1° posto - Creative Srl – Redbox - Santàl-Parmalat 2° posto - Eurodisplay Design in Progress - GlaxoSmithKline (GSK Spa) 3° posto - Clab&Associati - Continental Italia Spa
PREMIATI CATEGORIA SHOP FITTING
1° posto - ABS Group - Guess
2° posto - Best Project Co. Ltd. - Panasonic
3° posto - Best Systems GMBH - Best Systems GMBH
 
PREMIO SPECIALE DIVA DESIGN Fronteretro - Ducati Motor Holding
 
PREMIO SPECIALE DIGITAL SIGNAGE
SIDAC - Metalsistem
 
PREMIO SPECIALE AZIENDA ESTERA Best Project Co. Ltd. - QR10 (serratura digitale)
 
Viscom Italia è creatività che si evolve, si muove e non si ferma mai. Non ci resta che darvi appuntamento alla 31esima edizione dal 10 al 12 ottobre 2019 Fieramilano, pronti per stupirvi ancora un’altra volta. Continuate a seguirci sul nostro sito www.viscomitalia.it e sulle nostre pagine social: Facebook, Instagram e LinkedIn.
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

L’uomo che scoprì come dialogare con Dio

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Si racconta che Johann Sebastian Bach fosse un uomo chiuso e di pochissime parole, per dialogare con lui bisognava conoscere solamente la musica. Conobbe sua moglie in una chiesa ad Amburgo, lei giovane cantante ventenne, lui organista oramai quarantenne, nella Chiesa di Santa Caterina. Lui era da solo, intento a provare nel silenzio freddo, senza pubblico. Lei rimase invisibile agli occhi di lui e restò lì per ascoltare quel linguaggio celestiale che egli dedicava a Dio.

Poi con lo spegnersi delle ultime note i loro sguardi si incontrarono. Nel dicembre del 1721, lui la chiese in sposa e lei accettò sapendo che non c’era per lui altro che Dio e la sua musica.

A pensarci bene, da sempre, solamente Amore e Musica sono le lingue primordiali che tutti gli uomini di tutti i tempo possono comprendere e con cui possono comunicare, senza l’ambiguità delle parole, solo sette note, 88 tasti tra cui 52 bianchi e 36 neri, semitoni cromatici o diatonici.

E lui di essi viveva.

Il giorno insegnava musica agli studenti a costo di fatica e sacrifici economici e Anna Magdalena mescolava la sua anima alla sua.

Conoscerlo non era stato facile per lei. Lui poche parole e tanti pentagrammi, lavorava di giorno e di notte i suoi occhi erano dedicati a comporre, scriveva spartiti al buio di una candela anche quando cominciò a soffrire di cataratta. Allora fu lei sotto dettatura a continuare per lui.

Non vendette mai uno spartito, la musica composta erano come uno scambio epistolare fra lui ed il Divino, fra lui e Magdalena. Niente parole solo musica fra loro.

Si spense a sessantacinque, dopo aver dato la possibilità a Dio di venire sulla terra fra gli uomini. In vita aveva composto un libretto in cui erano annotati tutti i suoi brani e Magdalena lì prese in consegna, e a lei sembrava che rileggendo quegli spartiti composti per lei, lui fosse ancora, che non potesse morire mai.

Si dice che succeda sempre così “chi vede Dio poi resti cieco”.

Dopo dieci anni fu il suo turno, richiamata a Dio sepolta e dimenticata.

Dovettero passare anni perché un certo Felix Mendelsshon, riscoprisse gli spartiti del maestro.

La musica, si sa non si addice ai sordi di spirito e Bach aveva scritto in un tempo troppo poco maturo. Lui aveva compreso in anticipo che dialogare fra un uomo e una donna era la sublimazione dell’unione, anche senza parole. Musica che avevate messo entrambi al servizio di Dio.

Leggi tutto...

Parigi val bene una Messa

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Siamo alla fine del ‘500, la Francia è dilaniata dalla guerra civile. Combattevano tra loro Enrico di Navarra, Enrico III ed Enrico di Guisa da qui il soprannome della “guerra dei tre re”. Il dilaniare del conflitto provocò un enorme spargimento di sangue e, alla fine, a uscirne vincitore fu Enrico di Navarra, il quale divenne il primo re appartenente al ramo dei Borboni a conquistare la monarchia di Francia.
La tradizione richiedeva che colui che si apprestasse a salire sul trono fosse cattolico. Per Enrico di Navarra ciò avrebbe potuto costituire un problema, dal momento che egli era ugonotto e, quindi, di religione protestante. Da qui il detto “Parigi val bene una messa”: insomma, pur di diventare re valeva la pena di convertirsi alla religione cattolica. E così Enrico di Navarra diventò Enrico IV di Francia.
 
15 aprile 2019. Nella notte un incendio devasta Notre Dame de Paris.