Contenuto Principale

“I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta.”

(Laura Giulia D'Orso). Il 7 Aprile 2004 viene ritrovato l’aereo di Antoine de Saint-Exupéry abbatt...

Storia di quelle tre note che da 155 anni onorano i Caduti di tutte le Guerre

(laura Giulia D'Orso). https://youtu.be/EV_Q03zvtkM La Liberazione .... il governo italiano aveva ...

La morte si è portato via l’uomo, non la leggenda

Niki Lauda, la leggenda della Formula 1, si è spento il 20 maggio in una clinica svizzera. Aveva 70 ...

Elezione del Parlamento Europeo fissata per il 26 maggio 2019

In occasione della prossima Elezione del Parlamento Europeo fissata per il 26 maggio 2019, anche i...

Al via il Piano freddo per i senza dimora

Anche quest'anno il Comune, in collaborazione con le associazioni di volontariato, ha predisposto ...

  • “I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta.”

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • Storia di quelle tre note che da 155 anni onorano i Caduti di tutte le Guerre

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • La morte si è portato via l’uomo, non la leggenda

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • Elezione del Parlamento Europeo fissata per il 26 maggio 2019

    Martedì 19 Settembre 2017 06:09
  • Al via il Piano freddo per i senza dimora

    Sabato 07 Ottobre 2017 09:50

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Mal d'alcol PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Sabato 17 Febbraio 2018 19:53
Il progetto per le scuole medie superiori della Lombardia sulla informazione e prevenzione dei danni da abuso di alcol nei giovani, nato dalla collaborazione tra il professor Luigi Rainero Fassati e CRM - editore di Moto.it e Automoto.it.
I dati sui danni provocati dall'alcol sono preoccupanti e in continuo aumento ed è necessario sensibilizzare soprattutto i giovani su questo importante argomento.
Luigi Rainero Fassati, Professore Ordinario di chirurgia f.r. all'Università Statale di Milano che per molti anni ha diretto il Dipartimento di Chirurgia Generale e dei Trapianti del Policlinico di Milano, da anni incontra i ragazzi delle scuole medie superiori, portando casi concreti e raccontando la sua esperienza sul campo. Dall'anno scolastico 2017/18 CRM - con i due portali Moto.it e Automoto.it - ha deciso di affiancare e supportare il professor Fassati nella sua opera di divulgazione dei danni provocati dall'alcol e di come fare per evitarli e prevenirli.
Lo scenario
Secondo il rapporto del 2009 European status report on road safety. Towards safer roads and healthier transport dell'Organizzazione mondiale della sanità, ogni anno in Europa muoiono di incidenti stradali circa 120 mila persone e 2,4 milioni rimangono infortunate. Di questi incidenti, secondo l'Osservatorio nazionale alcol, uno su quattro è correlato all'alcol e per l'Oms sono la prima causa di decesso tra i giovani tra i 15 e i 19 anni e la seconda per i ragazzi da 10 a 14 anni e da 20 a 24 anni.
 
Dati allarmanti confermati dal sistema di sorveglianza Passi che tra il 2012 e il 2015 ha rilevato che oltre l'8% dei conducenti ha guidato sotto l'effetto dell'alcol negli ultimi 30 giorni, e altre 6 persone su 100 sono state trasportate da un conducente che guidava sotto l'effetto dell'alcol. Anche se la quota di giovanissimi alla guida sotto l'effetto dell'alcol è leggermente più bassa che nel resto della popolazione, risulta preoccupante perché il 6% dei ragazzi tra i 18 e 21 dichiara consapevolmente di aver guidato dopo aver bevuto e, come riporta l'Osservatorio nazionale alcol, la guida sotto l'influsso di alcol e droghe rappresenta il problema numero uno (61,6%) per i giovani tra i 18 e i 29 anni, seguito dall'eccesso di velocità (57%).
 
Il progetto
Il Professor Fassati nel 1983 ha eseguito il primo trapianto di fegato all'ospedale Policlinico di Milano, dando il via al programma di trapianti di fegato che ha raggiunto la quota di 1500 interventi con sopravvivenza attorno all'80%. Molti di questi trapianti epatici sono stati fatti per cirrosi alcolica, ossia un'alterazione irreversibile e mortale del fegato per abuso di alcol.
 
Nel 2007 ha pubblicato per Salani il libro "Mal d'alcol" e da allora ha avviato il progetto omonimo con le scuole, incontrando nel corso degli anni più di cinquantamila studenti. Dal settembre 2017 l'editore CRM ha deciso di supportare questo importante progetto, promuovendone la divulgazione attraverso i suoi due portali Moto.it e Automoto.it e i canali social connessi. Moto.it è la prima testata nel ranking mondiale dei siti moto editoriali e, insieme a Automoto.it, costituisce uno dei primi network di riferimento nel settore automotive in Italia. Un mezzo di divulgazione molto potente che ha messo a disposizione del progetto Mal d'Alcol il suo team editoriale e la divisione di produzione video, condividendo i contenuti e contributi realizzati su Automoto.it e sul canale You Tube connesso, che nell'anno appena trascorso ha registrato più di 50 milioni di visualizzazioni.
 
"Da vecchio professore sono convinto che l'informazione vale molto di più del proibizionismo." - afferma Fassati - "Solo se con ragionamenti convincenti e con dimostrazioni inoppugnabili si riuscirà a convincere una persona che una certa condotta è sbagliata e dannosa, succederà che quella persona eviterà di cadere nell'errore, ma se ci si limiterà a proibire senza altre motivazioni, anziché ottenere il risultato sperato si rischierà di stimolare una voglia di ribellarsi all'ordine impartito e ad agire in senso opposto".
 
Partendo da questo assunto si sviluppano gli incontri nelle scuole medie superiori della Lombardia del Professor Fassati in cui presenta - senza filtri - casi clinici di giovani che ha seguito in prima persona, mostrando attraverso immagini ed esempi concreti gli effetti devastanti dell'abuso di alcol nei ragazzi che, a differenza degli adulti, mancano dell'enzima capace di scindere la molecola tossica dell'etanolo. Non solo lezioni frontali, ma un'attività redazionale - che vede in prima linea giornalisti e influencer di Automoto.it e Moto.it - e di produzione video a cura di CRM, che superano quindi i confini regionali e che possono essere consultati in una sezione dedicata del sito www.automoto.it/maldalcol e sul canale You Tube, che nel corso dell'anno si arricchiranno di contributi, confronti e commenti: da un'intervista del professor Fassati a un giovane che abusa abitualmente di alcol e a un medico anatomopatologo ex alcolista, alla ripresa di un incontro con i genitori, passando per un colloquio e confronto con un direttore di un centro per alcolisti anonimi e con uno psicologo specialista nelle patologie indotte dall'alcol, evidenziando le terapie e i risultati che si possono ottenere. Verrà data voce anche ad un produttore di bevande alcoliche, stimolando una riflessione sulla pubblicità ingannevole che viene fatta di questi prodotti, in cui chi beve diventa una sorta di simbolico modello da imitare.
 
Il progetto Mal d'Alcol si rivolge ai giovani, ma vuole parlare anche agli insegnanti, alle famiglie e a tutti colori che contribuiscono all'educazione dei ragazzi, portando esempi concreti, testimonianze e dando voce anche a contenuti a volte scomodi, ma che fanno riflettere, con l'obiettivo ambizioso, ma non impossibile, di diminuire attraverso l'educazione e l'informazione le morti, le invalidità permanenti e le lesioni traumatiche legate agli incidenti stradali per guida in stato di ubriachezza.
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

L’uomo che scoprì come dialogare con Dio

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Si racconta che Johann Sebastian Bach fosse un uomo chiuso e di pochissime parole, per dialogare con lui bisognava conoscere solamente la musica. Conobbe sua moglie in una chiesa ad Amburgo, lei giovane cantante ventenne, lui organista oramai quarantenne, nella Chiesa di Santa Caterina. Lui era da solo, intento a provare nel silenzio freddo, senza pubblico. Lei rimase invisibile agli occhi di lui e restò lì per ascoltare quel linguaggio celestiale che egli dedicava a Dio.

Poi con lo spegnersi delle ultime note i loro sguardi si incontrarono. Nel dicembre del 1721, lui la chiese in sposa e lei accettò sapendo che non c’era per lui altro che Dio e la sua musica.

A pensarci bene, da sempre, solamente Amore e Musica sono le lingue primordiali che tutti gli uomini di tutti i tempo possono comprendere e con cui possono comunicare, senza l’ambiguità delle parole, solo sette note, 88 tasti tra cui 52 bianchi e 36 neri, semitoni cromatici o diatonici.

E lui di essi viveva.

Il giorno insegnava musica agli studenti a costo di fatica e sacrifici economici e Anna Magdalena mescolava la sua anima alla sua.

Conoscerlo non era stato facile per lei. Lui poche parole e tanti pentagrammi, lavorava di giorno e di notte i suoi occhi erano dedicati a comporre, scriveva spartiti al buio di una candela anche quando cominciò a soffrire di cataratta. Allora fu lei sotto dettatura a continuare per lui.

Non vendette mai uno spartito, la musica composta erano come uno scambio epistolare fra lui ed il Divino, fra lui e Magdalena. Niente parole solo musica fra loro.

Si spense a sessantacinque, dopo aver dato la possibilità a Dio di venire sulla terra fra gli uomini. In vita aveva composto un libretto in cui erano annotati tutti i suoi brani e Magdalena lì prese in consegna, e a lei sembrava che rileggendo quegli spartiti composti per lei, lui fosse ancora, che non potesse morire mai.

Si dice che succeda sempre così “chi vede Dio poi resti cieco”.

Dopo dieci anni fu il suo turno, richiamata a Dio sepolta e dimenticata.

Dovettero passare anni perché un certo Felix Mendelsshon, riscoprisse gli spartiti del maestro.

La musica, si sa non si addice ai sordi di spirito e Bach aveva scritto in un tempo troppo poco maturo. Lui aveva compreso in anticipo che dialogare fra un uomo e una donna era la sublimazione dell’unione, anche senza parole. Musica che avevate messo entrambi al servizio di Dio.

Leggi tutto...

Parigi val bene una Messa

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Siamo alla fine del ‘500, la Francia è dilaniata dalla guerra civile. Combattevano tra loro Enrico di Navarra, Enrico III ed Enrico di Guisa da qui il soprannome della “guerra dei tre re”. Il dilaniare del conflitto provocò un enorme spargimento di sangue e, alla fine, a uscirne vincitore fu Enrico di Navarra, il quale divenne il primo re appartenente al ramo dei Borboni a conquistare la monarchia di Francia.
La tradizione richiedeva che colui che si apprestasse a salire sul trono fosse cattolico. Per Enrico di Navarra ciò avrebbe potuto costituire un problema, dal momento che egli era ugonotto e, quindi, di religione protestante. Da qui il detto “Parigi val bene una messa”: insomma, pur di diventare re valeva la pena di convertirsi alla religione cattolica. E così Enrico di Navarra diventò Enrico IV di Francia.
 
15 aprile 2019. Nella notte un incendio devasta Notre Dame de Paris.