Contenuto Principale

Negozi ed artigiani aperti ad agostoa Monza

Sono disponibili i calendari con le aperture dei negozi e degli artigiani nel mese di agosto, ...

Una nuova Questura entro l'anno prossimo

E’ una notizia che qui a Monza attendevamo da nove anni:e finalmente le parole del capo della Polizi...

Cantieri aperti a Monza ecco le mappe

Quella del 2018 è un’estate di cantieri e di lavori sulla rete stradale cittadina, che conta circa 2...

Vendite a domicilio in aumento

Il presidente di Univendita Ciro Sinatra: «Risultati migliori rispetto al commercio tradizionale, ...

Nuovo aumento dei prezzi dell'energia?

La Francia blocca ancora reattori: Italia, possibile nuovo aumento dei prezzi dell'energiaPucci: "Pr...

  • Negozi ed artigiani aperti ad agostoa Monza

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • Una nuova Questura entro l'anno prossimo

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • Cantieri aperti a Monza ecco le mappe

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • Vendite a domicilio in aumento

    Martedì 19 Settembre 2017 06:09
  • Nuovo aumento dei prezzi dell'energia?

    Sabato 07 Ottobre 2017 09:50

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Mal d'alcol PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Sabato 17 Febbraio 2018 19:53
Il progetto per le scuole medie superiori della Lombardia sulla informazione e prevenzione dei danni da abuso di alcol nei giovani, nato dalla collaborazione tra il professor Luigi Rainero Fassati e CRM - editore di Moto.it e Automoto.it.
I dati sui danni provocati dall'alcol sono preoccupanti e in continuo aumento ed è necessario sensibilizzare soprattutto i giovani su questo importante argomento.
Luigi Rainero Fassati, Professore Ordinario di chirurgia f.r. all'Università Statale di Milano che per molti anni ha diretto il Dipartimento di Chirurgia Generale e dei Trapianti del Policlinico di Milano, da anni incontra i ragazzi delle scuole medie superiori, portando casi concreti e raccontando la sua esperienza sul campo. Dall'anno scolastico 2017/18 CRM - con i due portali Moto.it e Automoto.it - ha deciso di affiancare e supportare il professor Fassati nella sua opera di divulgazione dei danni provocati dall'alcol e di come fare per evitarli e prevenirli.
Lo scenario
Secondo il rapporto del 2009 European status report on road safety. Towards safer roads and healthier transport dell'Organizzazione mondiale della sanità, ogni anno in Europa muoiono di incidenti stradali circa 120 mila persone e 2,4 milioni rimangono infortunate. Di questi incidenti, secondo l'Osservatorio nazionale alcol, uno su quattro è correlato all'alcol e per l'Oms sono la prima causa di decesso tra i giovani tra i 15 e i 19 anni e la seconda per i ragazzi da 10 a 14 anni e da 20 a 24 anni.
 
Dati allarmanti confermati dal sistema di sorveglianza Passi che tra il 2012 e il 2015 ha rilevato che oltre l'8% dei conducenti ha guidato sotto l'effetto dell'alcol negli ultimi 30 giorni, e altre 6 persone su 100 sono state trasportate da un conducente che guidava sotto l'effetto dell'alcol. Anche se la quota di giovanissimi alla guida sotto l'effetto dell'alcol è leggermente più bassa che nel resto della popolazione, risulta preoccupante perché il 6% dei ragazzi tra i 18 e 21 dichiara consapevolmente di aver guidato dopo aver bevuto e, come riporta l'Osservatorio nazionale alcol, la guida sotto l'influsso di alcol e droghe rappresenta il problema numero uno (61,6%) per i giovani tra i 18 e i 29 anni, seguito dall'eccesso di velocità (57%).
 
Il progetto
Il Professor Fassati nel 1983 ha eseguito il primo trapianto di fegato all'ospedale Policlinico di Milano, dando il via al programma di trapianti di fegato che ha raggiunto la quota di 1500 interventi con sopravvivenza attorno all'80%. Molti di questi trapianti epatici sono stati fatti per cirrosi alcolica, ossia un'alterazione irreversibile e mortale del fegato per abuso di alcol.
 
Nel 2007 ha pubblicato per Salani il libro "Mal d'alcol" e da allora ha avviato il progetto omonimo con le scuole, incontrando nel corso degli anni più di cinquantamila studenti. Dal settembre 2017 l'editore CRM ha deciso di supportare questo importante progetto, promuovendone la divulgazione attraverso i suoi due portali Moto.it e Automoto.it e i canali social connessi. Moto.it è la prima testata nel ranking mondiale dei siti moto editoriali e, insieme a Automoto.it, costituisce uno dei primi network di riferimento nel settore automotive in Italia. Un mezzo di divulgazione molto potente che ha messo a disposizione del progetto Mal d'Alcol il suo team editoriale e la divisione di produzione video, condividendo i contenuti e contributi realizzati su Automoto.it e sul canale You Tube connesso, che nell'anno appena trascorso ha registrato più di 50 milioni di visualizzazioni.
 
"Da vecchio professore sono convinto che l'informazione vale molto di più del proibizionismo." - afferma Fassati - "Solo se con ragionamenti convincenti e con dimostrazioni inoppugnabili si riuscirà a convincere una persona che una certa condotta è sbagliata e dannosa, succederà che quella persona eviterà di cadere nell'errore, ma se ci si limiterà a proibire senza altre motivazioni, anziché ottenere il risultato sperato si rischierà di stimolare una voglia di ribellarsi all'ordine impartito e ad agire in senso opposto".
 
Partendo da questo assunto si sviluppano gli incontri nelle scuole medie superiori della Lombardia del Professor Fassati in cui presenta - senza filtri - casi clinici di giovani che ha seguito in prima persona, mostrando attraverso immagini ed esempi concreti gli effetti devastanti dell'abuso di alcol nei ragazzi che, a differenza degli adulti, mancano dell'enzima capace di scindere la molecola tossica dell'etanolo. Non solo lezioni frontali, ma un'attività redazionale - che vede in prima linea giornalisti e influencer di Automoto.it e Moto.it - e di produzione video a cura di CRM, che superano quindi i confini regionali e che possono essere consultati in una sezione dedicata del sito www.automoto.it/maldalcol e sul canale You Tube, che nel corso dell'anno si arricchiranno di contributi, confronti e commenti: da un'intervista del professor Fassati a un giovane che abusa abitualmente di alcol e a un medico anatomopatologo ex alcolista, alla ripresa di un incontro con i genitori, passando per un colloquio e confronto con un direttore di un centro per alcolisti anonimi e con uno psicologo specialista nelle patologie indotte dall'alcol, evidenziando le terapie e i risultati che si possono ottenere. Verrà data voce anche ad un produttore di bevande alcoliche, stimolando una riflessione sulla pubblicità ingannevole che viene fatta di questi prodotti, in cui chi beve diventa una sorta di simbolico modello da imitare.
 
Il progetto Mal d'Alcol si rivolge ai giovani, ma vuole parlare anche agli insegnanti, alle famiglie e a tutti colori che contribuiscono all'educazione dei ragazzi, portando esempi concreti, testimonianze e dando voce anche a contenuti a volte scomodi, ma che fanno riflettere, con l'obiettivo ambizioso, ma non impossibile, di diminuire attraverso l'educazione e l'informazione le morti, le invalidità permanenti e le lesioni traumatiche legate agli incidenti stradali per guida in stato di ubriachezza.
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Il Peso di una Valigia

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D'Orso). Passano uomini e donne senza nome né volto. Hanno avuto solamente il permesso di recuperare qualche cosa di personale dalle loro case che probabilmente saranno abbattute. Una vita passata fra quattro mura forse anche comprate con sacrificio, in una zona dove notte e giorno senti il fragore delle auto e dei camion che sembra ti passino in soggiorno. Quattro mura neanche tanto sicure come un tetto sulla testa che adesso non hanno più. Ognuno trascina una valigia piena di “loro”. Difficile scegliere cosa portare e cosa lasciare.

Grazie a Dio, io non sono fra quelle persone, la mia casa sarà ancora là quando tornerò ma mi sono domandata cosa avrei stipato nella mia valigia se fosse capitato a me. Non è stato semplice; ma poi ho compreso: solamente ciò che è stata la mia esistenza, il mio passato. Avrei preso tutti gli album di foto della mia famiglia, un pugno di “preziosi” che ricordano eventi felici, i miei libri del liceo, la trilogia di Dante del Sapegno, quelli con la copertina verde di storia dell’arte dell’Argan, quelli di Italiano del Pazzaglia, la mia vita, la mia conoscenza, le mie origini, ciò che sono. Scriveva Robert M. Edsel in Monumnets Men: “Puoi sterminare una generazione di persone, radere al suolo le loro case, troveranno una via di ritorno. Ma se distruggi i loro conseguimenti e la loro storia, è come se non fossero mai esistite, solo ceneri, che galleggiano.”

E se quel maledetto ponte che conosco molto bene, su cui sono transitata tante volte da bambina, fosse stato sotto il mio controllo, sarei lì a scavare a mani nude, almeno per ridare i corpi di chi non c’è più a familiari che piangono un loro disperso.

 

Ruspadana, tanto rumore per nulla, direi

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso). Quando si parla di videogiochi violenti o che si pensi istighino alla violenza quasi sempre si finisce a discutere di quanto essi in realtà possano stimolare o aumentare comportamenti violenti nelle persone. E’ di ieri la notizia che la Apple ha ritirato in via precauzionale un giochino dal suo Store digitale creato da tre giovanissimi tra cui un monzese di 26 anni, chiamato Ruspadana. Ovviamente “nomen omen” il giochino, easy nella grafica, tanto da ricordare “Mister Mario” è basato su un tema molto attuale e prende spunto dalle felpe di Matteo Salvini con ruspa stampata. Il gruppo di amici/colleghi che, per inciso, sono fra le menti informatiche più capaci, che hanno superato una difficile selezione per essere presi dalla Apple, in Italia, lo hanno sviluppato a Napoli. Si trovava sull'App Store gratis e consisteva nel "ripulire" la Pianura Padana da omini neri, si immagina immigrati, per potersi poi godere lo spettacolo delle Alpi. Dopo una serie di polemiche il giochino è scomparso dallo Store. Tanto rumore per nulla, direi. Per due motivi ben precisi. Avete mai digitato su google il termine ”spara tutto”?