Contenuto Principale

Equitalia: è impreciso dire "rottamazione"

(Laura Giulia D’Orso) E’ iniziato il conto alla rovescia per la rottamazione degli interessi e more ...

Contrordine ragazzi, non è importante imparare le lingue

(Laura Giulia D’Orso) Frequentare un corso di lingua straniera, conoscere il francese, dialogare in ...

Definiti i contributi IVS 2017 di artigiani e commercianti

(Laura Giulia D’Orso) Il contributo IVS (Invalidità, Vecchiaia, Superstiti) è una forma di contribuz...

Le novità del Modello 730/2017

A partire dal 15 Aprile 2017, il modello 730 precompilato verrà messo a disposizione del contribuent...

Comunicazione IVA e liquidazioni periodiche

Il D.L. 193/2016, convertito in L. 225/2016, ha previsto dal 2017 un nuovo adempimento fiscale consi...

  • Equitalia: è impreciso dire "rottamazione"

    Mercoledì 02 Novembre 2016 07:25
  • Contrordine ragazzi, non è importante imparare le lingue

    Giovedì 15 Dicembre 2016 07:28
  • Definiti i contributi IVS 2017 di artigiani e commercianti

    Martedì 21 Febbraio 2017 07:14
  • Le novità del Modello 730/2017

    Venerdì 07 Aprile 2017 06:41
  • Comunicazione IVA e liquidazioni periodiche

    Giovedì 04 Maggio 2017 05:35

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

La segretaria virtuale ottimizza le risorse e aiuta professionisti, Pmi e artigiani ad affrontare il mercato PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Lunedì 19 Giugno 2017 13:56
Flessibilità e lavoro agile, ottimizzazione dei costi, competenze di comunicazione e marketing. Sono le caratteristiche che deve possedere la segretaria di oggi, una figura che svolge attività di front office, sempre più decisiva per professionisti, Pmi e artigiani. Per questo si sta affermando anche in Italia la segretaria virtuale, nata a fine degli anni 90 in Usa, dove è conosciuta come virtual assistant, sviluppatasi nei paesi anglofoni e sbarcata in Europa e in Italia a inizio degli anni 2000.
Lo sostiene uno studio di Zeuner, call center di Seveso nell’hinterland milanese, che ha come clienti primarie organizzazioni in tutta Italia (tra cui Alcon Italia, Condé Nast, Confindustria, Disney Italia, E-bay, Manetti&Roberts, Mondadori/Pressdì, RCS Mediagroup, Sandoz Novartis), ma che sta scommettendo sui vantaggi che professionisti, Pmi e artigiani possono ricevere dalla virtual assistant, che fornisce un servizio di segretariato in nome e per conto dell’utente e può essere di supporto alla segreteria esistente o sostitutiva di essa.
Sempre più professionisti stanno adottando formule di flessibilità lavorativa sul fronte del luogo, dell’orario e degli strumenti da utilizzare per il proprio mestiere e, come evidenziato dall’Osservatorio del Politecnico di Milano, la diffusione dei progetti del cosiddetto smart working nelle imprese è pari al 30% L’11% dei lavoratori dichiara di operare secondo modalità agili e i professionisti “smart” in Italia sarebbero oltre 250mila.
Allo stesso modo si sta diffondendo la segretaria virtuale, che consente l’ottimizzazione delle risorse e al personale di occuparsi delle mansioni più importanti. Secondo una ricerca dell’Università di Berlino, il 75% delle Pmi perde fatturato a causa di una scarsa reperibilità telefonica. D’altra parte, la scelta di utilizzare una segreteria telefonica con registrazione del messaggio per sopperire alla mancanza di quella personale non funziona: più del 63% di chi chiama percepisce la voce riprodotta come impersonale e riaggancia. Per questo si sta divulgando l’utilizzo di operatori specializzati con funzione di segretaria virtuale fornita dal call center.
“La segretaria virtuale – afferma Marco Carloni, amministratore delegato di Zeuner – è coerente con il nuovo contesto del mondo del lavoro. Consente alta flessibilità e si può attivare in diverse fasce orarie quando necessario. La reperibilità è assoluta perché se l’utente è impegnato o altro personale non può rispondere,  viene attuata la deviazione di chiamata. Non ci si deve più preoccupare se la segretaria si assenta per malattia o ferie. Il vantaggio maggiore è l’ottimizzazione del personale con lo snellimento dell’organico e dei costi.”
“L’ utilizzo della segreteria a distanza – spiega Vittorio Figini, presidente di Zeuner – asseconda i requisiti organizzativi e gestionali necessari per essere competitivi. Può per esempio essere uno strumento di marketing, per fissare appuntamenti, fornire comunicazioni e informazioni, raccogliere adesioni per eventi gestendo calendari delle presenze e dando informazioni sulle strutture ricettive. A guadagnarne è l’immagine dell’azienda: un operatore specializzato, continuamente formato e supportato da massina tecnologia, è in grado di garantire una qualità elevata della prestazione”.
Fondato nel 2010, il call center Zeuner ha sede a Seveso, nell’hinterland milanese. Realizza attività di contact center (telemarketing, teleselling, servizi di customer care e  service),  e marketing (survey articolate,  informative/commerciali, reperimento e aggiornamento dati,  customer satisfaction). Tra in principali clienti: Alcon Italia, Condé Nast, Disney Italia, Federfarmaco, LoJack, Manetti&Roberts, Mondadori/Pressdì, Nestlé Italia, RCS Mediagroup, Sandoz Novartis,  Ticketone. Zeuner utilizza solo personale italiano che opera nella sede di Seveso. Il fatturato nel 2016 è stato di due milioni di euro. Presidente è Vittorio Figini, amministratore delegato Marco Carloni.
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Se Starbucks non conosce bene la storia d’Italia

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso) Correva l’anno 1882 e il governo italiano guidato da Depretis comprava la Baia di Assab dalla società Rubattino per 104.100 lire. Lo Stato Italiano decideva quindi di avviare la sua politica coloniale seguendo l’esempio di altri stati europei come la Francia, il Belgio e l’Inghilterra. Da un lato, c’era il desiderio di non essere assenti dalla spartizione del continente africano, dall'altro c’era la reale necessità di trovare uno sbocco alla sovrabbondanza della popolazione.

Leggi tutto...

 
>