Contenuto Principale

Equitalia: è impreciso dire "rottamazione"

(Laura Giulia D’Orso) E’ iniziato il conto alla rovescia per la rottamazione degli interessi e more ...

Contrordine ragazzi, non è importante imparare le lingue

(Laura Giulia D’Orso) Frequentare un corso di lingua straniera, conoscere il francese, dialogare in ...

Definiti i contributi IVS 2017 di artigiani e commercianti

(Laura Giulia D’Orso) Il contributo IVS (Invalidità, Vecchiaia, Superstiti) è una forma di contribuz...

Le novità del Modello 730/2017

A partire dal 15 Aprile 2017, il modello 730 precompilato verrà messo a disposizione del contribuent...

Comunicazione IVA e liquidazioni periodiche

Il D.L. 193/2016, convertito in L. 225/2016, ha previsto dal 2017 un nuovo adempimento fiscale consi...

  • Equitalia: è impreciso dire "rottamazione"

    Mercoledì 02 Novembre 2016 07:25
  • Contrordine ragazzi, non è importante imparare le lingue

    Giovedì 15 Dicembre 2016 07:28
  • Definiti i contributi IVS 2017 di artigiani e commercianti

    Martedì 21 Febbraio 2017 07:14
  • Le novità del Modello 730/2017

    Venerdì 07 Aprile 2017 06:41
  • Comunicazione IVA e liquidazioni periodiche

    Giovedì 04 Maggio 2017 05:35

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Al via la candidatura di Monza per diventare Capitale dei Giovani 2018 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Giovedì 09 Marzo 2017 22:52
Inizia oggi il percorso che guiderà i giovani monzesi a presentare la candidatura per Monza Capitale dei Giovani 2018. Durante il primo incontro tenutosi questo pomeriggio nella Sala Studio NEI in via Enrico da Monza 6, alla presenza del sindaco Roberto Scanagatti e dell'assessore alle Politiche giovanili Egidio Longoni, sono stati aperti i tavoli di lavoro sui temi di interesse per predisporre la piattaforma programmatica a sostegno della candidatura che sarà presentata al Governo nei prossimi mesi.
Agli otto gruppi di lavoro hanno partecipato moltissimi giovani monzesi per confrontarsi su quattro temi di grande importanza: cittadinanza attiva e protagonismo, lavoro, cultura e territorio. Una grande sfida per progettare la città di domani, sempre più a misura di giovane.

"Monza ha tutti i titoli per potersi candidare a Capitale dei Giovani - afferma il sindaco Scanagatti - in questi cinque anni abbiamo cambiato la rotta rispetto al passato: i giovani non sono più spettatori ma protagonisti della loro città e del loro futuro. Oggi inizia un grande percorso di confronto per trasformare idee e proposte in progetti che sottoporremo al Governo per candidare Monza a Capitale dei Giovani 2018, ricordando che il viaggio sarà più interessante della meta e a prescindere dalla nomination avremo fatto un percorso di lavoro importantissimo per il futuro della città".

Alle parole del sindaco Roberto Scanagatti hanno fatto eco quelle dell'assessore Egidio Longoni che ringraziando le decine di giovani presenti ha confermato l'operato dell'amministrazione in questi cinque anni offrendone il positivo bilancio: "Abbiamo investito tanto in politiche per i giovani e questa candidatura si trova sul percorso da noi intrapreso. Nei giorni di lavoro per la preparazione della candidatura metteremo a sistema i risultati conseguiti in questi anni".

Una grande sfida per pianificare grandi progetti da realizzare nei prossimi anni. I lavori proseguiranno in un nuovo appuntamento giovedì 23 marzo, alle ore 17, presso il Centro Civico Liberthub di viale Libertà 144.

 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Se Starbucks non conosce bene la storia d’Italia

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso) Correva l’anno 1882 e il governo italiano guidato da Depretis comprava la Baia di Assab dalla società Rubattino per 104.100 lire. Lo Stato Italiano decideva quindi di avviare la sua politica coloniale seguendo l’esempio di altri stati europei come la Francia, il Belgio e l’Inghilterra. Da un lato, c’era il desiderio di non essere assenti dalla spartizione del continente africano, dall'altro c’era la reale necessità di trovare uno sbocco alla sovrabbondanza della popolazione.

Leggi tutto...

 
>