Contenuto Principale

Equitalia: è impreciso dire "rottamazione"

(Laura Giulia D’Orso) E’ iniziato il conto alla rovescia per la rottamazione degli interessi e more ...

Contrordine ragazzi, non è importante imparare le lingue

(Laura Giulia D’Orso) Frequentare un corso di lingua straniera, conoscere il francese, dialogare in ...

Definiti i contributi IVS 2017 di artigiani e commercianti

(Laura Giulia D’Orso) Il contributo IVS (Invalidità, Vecchiaia, Superstiti) è una forma di contribuz...

Le novità del Modello 730/2017

A partire dal 15 Aprile 2017, il modello 730 precompilato verrà messo a disposizione del contribuent...

Comunicazione IVA e liquidazioni periodiche

Il D.L. 193/2016, convertito in L. 225/2016, ha previsto dal 2017 un nuovo adempimento fiscale consi...

  • Equitalia: è impreciso dire "rottamazione"

    Mercoledì 02 Novembre 2016 07:25
  • Contrordine ragazzi, non è importante imparare le lingue

    Giovedì 15 Dicembre 2016 07:28
  • Definiti i contributi IVS 2017 di artigiani e commercianti

    Martedì 21 Febbraio 2017 07:14
  • Le novità del Modello 730/2017

    Venerdì 07 Aprile 2017 06:41
  • Comunicazione IVA e liquidazioni periodiche

    Giovedì 04 Maggio 2017 05:35

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Novecento mila euro per l'occupazione dei lavoratori con disabilità PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Mercoledì 01 Marzo 2017 22:50
Provincia MB capofila per progetti innovativi da sperimentare sul territorio regionale
Novecento mila euro per promuovere azioni di sistema a sostegno dell'occupazione dei lavoratori con disabilità. Regione Lombardia ha destinato alla Provincia MB, in qualità di ente capofila, una quota del fondo per l'occupazione delle persone con disabilità per finanziare progetti e proposte innovative in tema di:
  • mantenimento lavorativo dei soggetti con ridotte capacità lavorative
  • inserimento e mantenimento lavorativo delle persone con disabilità sensoriale
I due bandi sono pubblicati online su portale web della Provincia MB http://www.provincia.mb.it/lavoro/lift/AvvisiRegionali.html e saranno presentati agli operatori interessati domani alle ore 11 presso Palazzo Lombardia.
 
Le scadenze. Tutti i soggetti interessati a presentare la propria proposta progettuale devono elaborare un primo abstact entro il 10 marzo 2017 con l'idea di intervento e gli indirizzi operativi. Gli elaborati saranno sottoposti ad una valutazione preliminare, cui seguiranno indicazioni sintetiche di indirizzo per la predisposizione del progetto definitivo, che dovrà essere presentato entro il 10 aprile 2017.

Le azioni.  Le azioni progettuali da candidare devono prevedere sperimentazioni in almeno due territori provinciali o metropolitani aderenti, senza con ciò escludere la possibilità che i progetti operino anche in territori diversi.

"La Provincia attraverso il Piano LIFT ha fortemente incrementato il numero degli avviamenti al lavoro delle persone con disabilità nel corso degli anni – spiega il Presidente Gigi Ponti - Questa nuova opportunità ci consente di sperimentare nuove forme di collaborazione a favore dei lavoratori più svantaggiati per promuovere politiche attive di pari opportunità".
 

Scheda: i bandi in pillole
  • Mantenimento lavorativo dei soggetti con ridotte capacità lavorative:
Cosa finanzia la Provincia: iniziative di sostegno alle imprese per il mantenimento lavorativo dei soggetti con ridotte capacità lavorative acquisite nel corso della carriera lavorativa, anche per prevenire il verificarsi di situazioni invalidanti.

Obiettivo: valorizzare e promuovere best practices imprenditoriali in tema di disability management rivolte sia ai lavoratori con disabilità riconosciuti, sia ai lavoratori che per età o lavoro usurante, hanno bisogno di un progressivo cambiamento di mansioni per poter continuare a lavorare. Si vuole così introdurre progressivamente una nuova cultura aziendale in cui la produttività sia il risultato di processi organizzativi definiti in relazione alle reali esigenze e capacità delle persone. In questa ottica, si intende connettere in modo collaborativo le esperienze e le ricchezze di diversi mondi: le imprese, la pubblica amministrazione, la ricerca, le associazioni di rappresentanza dei disabili e delle loro famiglie.

Hanno aderito:
Provincia di Monza e della Brianza in qualità di capofila
Città Metropolitana di Milano
Provincia di Bergamo
Provincia di Como
Provincia di Lecco
Provincia di Mantova
Provincia di Varese

Risorse: 450.000 euro

Possono essere presentati progetti da 50.000,00 a 150.000,00 euro.
Il contributo copre il 90% delle spese di progetto, per il restante 10% è previsto un co finanziamento.
  • Inserimento e mantenimento lavorativo delle persone con disabilità sensoriale
Cosa finanzia la Provincia: forme innovative per favorire l'inserimento e il mantenimento lavorativo delle persone con disabilità sensoriali nelle aziende, a fronte dei cambiamenti generati dalle trasformazioni tecnologiche.

Obiettivo: favorire l'inserimento e il mantenimento dei disabili sensoriali al lavoro attraverso la sperimentazione e la diffusione di esperienze in contesti occupazionali nuovi, aumentando la conoscenza delle tecnologie assistive, anche attraverso il coinvolgimento delle associazioni dei rappresentanti dei disabili sensoriali. In particolare sviluppare la metodologia del Living lab per favorire la co-progettazione delle tecnologie assistive, partendo dall'ascolto dei bisogni dei lavoratori con disabilità sensoriale attraverso la programmazione di strumenti qualitativi e aumentando la personalizzazione.

Hanno aderito:
Provincia di Monza e della Brianza – Capofila
Città Metropolitana di Milano
Provincia di Bergamo
Provincia di Como
Provincia di Cremona
Provincia di Lecco
Provincia di Lodi
Provincia di Mantova
Provincia di Varese

Risorse: 450.00 euro

Possono essere presentati progetti da 50.000,00 a 150.000,00 €.
Il contributo copre il 90% delle spese di progetto, per il restante 10% è previsto un co - finanziamento
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Se Starbucks non conosce bene la storia d’Italia

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso) Correva l’anno 1882 e il governo italiano guidato da Depretis comprava la Baia di Assab dalla società Rubattino per 104.100 lire. Lo Stato Italiano decideva quindi di avviare la sua politica coloniale seguendo l’esempio di altri stati europei come la Francia, il Belgio e l’Inghilterra. Da un lato, c’era il desiderio di non essere assenti dalla spartizione del continente africano, dall'altro c’era la reale necessità di trovare uno sbocco alla sovrabbondanza della popolazione.

Leggi tutto...

 
>