Contenuto Principale

Legalcommunity Italian Awards 2018, ecco i vincitori

  Si è svolta a Casina di Macchia Madama a Roma, davanti a una platea di circa 300 persone, la prim...

Gli adolescenti temono l'intelligenza artificiale

A Teen Parade di Radioimmaginaria gli adolescenti hanno parlato del loro futuro lavorativo e di ro...

Previsioni di assunzioni in crescita in Italia

Cresce al 3% la previsione di assunzioni in Italia per il prossimo trimestre I datori di lavoro m...

Vendite a domicilio in aumento

Il presidente di Univendita Ciro Sinatra: «Risultati migliori rispetto al commercio tradizionale, ...

L'evasione ci costa 87 miliardi l'anno

Online si trovano decine di manuali per "furbetti". Oltre 200 tra siti e forum sul web spiegano stra...

  • Legalcommunity Italian Awards 2018, ecco i vincitori

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • Gli adolescenti temono l'intelligenza artificiale

    Domenica 10 Settembre 2017 20:48
  • Previsioni di assunzioni in crescita in Italia

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • Vendite a domicilio in aumento

    Martedì 19 Settembre 2017 06:09
  • L'evasione ci costa 87 miliardi l'anno

    Martedì 26 Settembre 2017 05:33

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

L'ospedale vecchio non si tocca! PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Lunedì 14 Novembre 2016 16:07
140926 grand hotelIl segretario cittadino della Lega Nord, Federico Arena interviene nel dibattito sulla mozione che propone di portare i richiedenti asilo nel vecchio ospedale di Monza e spiega le ragioni del no:
"Il nostro non è un no a priori ma un no largamente motivato. La mozione proposta dal PD è prima di tutto poco credibile, la maggioranza cittadina propone infatti di spostare solo temporaneamente i richiedenti asilo di via asiago all'interno dell'ospedale vecchio. ci chiediamo se siano a conoscenza dello stato semi fatiscente dell'ospedale vecchio e quindi delle decine di migliaia di euro che andrebbero investite per mettere a norma la struttura, chi, secondo loro, dovrebbe pagare per la messa a norma?

Sarebbe impossibile rientrare in un simile investimento con una collocazione temporanea dei soli richiedenti asilo di via asiago , nella migliore delle ipotesi assisteremmo dunque ad uno spreco di denaro, nella peggiore vedremmo invece diventare l'ospedale vecchio un hub con centinaia di immigrati che invaderebbero letteralmente il quartiere. Noi ovviamente siamo contrari ad entrambe le ipotesi. Ma oltre il danno ci sarebbe la beffa: mi preme poi ricordare che su quell'area c'è già un accordo di programma con Regione Lombardia che prevede, tra le altre cose, la realizzazione di edifici in edilizia convenzionata che servirebbero a molte famiglie monzesi e giovani coppie in difficoltà che non possono accedere al normale mercato immobiliare. Il PD, un'altra volta, dimostra come i monzesi in difficoltà siano in fondo alla lista delle priorità dell'amministrazione comunale e vengano dopo gli ultimi arrivati.

Ultima nota importante da sottolineare è la considerazione che i soldi derivanti dalla vendita di quello stabile servano alla Regione, martoriata dai tagli di un Governo scellerato, per finanziare i lavori di ristrutturazione dell'ospedale nuovo. Per noi le urgenze sono le situazioni di difficoltà dei nostri cittadini e la ristrutturazione dell'ospedale, che la città aspetta, non di certo quella di prendere sul nostro territorio nuovi richiedenti asilo che aggraverebbero ulteriormente una situazione già insostenibile."

 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Ruspadana, tanto rumore per nulla, direi

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso). Quando si parla di videogiochi violenti o che si pensi istighino alla violenza quasi sempre si finisce a discutere di quanto essi in realtà possano stimolare o aumentare comportamenti violenti nelle persone. E’ di ieri la notizia che la Apple ha ritirato in via precauzionale un giochino dal suo Store digitale creato da tre giovanissimi tra cui un monzese di 26 anni, chiamato Ruspadana. Ovviamente “nomen omen” il giochino, easy nella grafica, tanto da ricordare “Mister Mario” è basato su un tema molto attuale e prende spunto dalle felpe di Matteo Salvini con ruspa stampata. Il gruppo di amici/colleghi che, per inciso, sono fra le menti informatiche più capaci, che hanno superato una difficile selezione per essere presi dalla Apple, in Italia, lo hanno sviluppato a Napoli. Si trovava sull'App Store gratis e consisteva nel "ripulire" la Pianura Padana da omini neri, si immagina immigrati, per potersi poi godere lo spettacolo delle Alpi. Dopo una serie di polemiche il giochino è scomparso dallo Store. Tanto rumore per nulla, direi. Per due motivi ben precisi. Avete mai digitato su google il termine ”spara tutto”?

L'elogio della mela

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso). Aiuto, da oggi mi si è allargato il paniere! Lo ha deciso con fermezza l’Istat. Nel 2018 entreranno cinque nuovi prodotti: l'Avocado, il Mango, i Vini liquorosi, la Lavasciuga, il Robot aspirapolvere e ne usciranno la Telefonia pubblica, il Canone Rai (che rientra dalla finestra sotto forma di bolletta dell’elettricità) ed il Lettore Mp4. Mi è venuta l’ansia. Ho aperto il frigo ma tra gli alimenti da me acquistati ho avuto la certezza non ci fossero né il mango né l’avocado.

Leggi tutto...