Contenuto Principale

Equitalia: è impreciso dire "rottamazione"

(Laura Giulia D’Orso) E’ iniziato il conto alla rovescia per la rottamazione degli interessi e more ...

Contrordine ragazzi, non è importante imparare le lingue

(Laura Giulia D’Orso) Frequentare un corso di lingua straniera, conoscere il francese, dialogare in ...

Definiti i contributi IVS 2017 di artigiani e commercianti

(Laura Giulia D’Orso) Il contributo IVS (Invalidità, Vecchiaia, Superstiti) è una forma di contribuz...

Le novità del Modello 730/2017

A partire dal 15 Aprile 2017, il modello 730 precompilato verrà messo a disposizione del contribuent...

Comunicazione IVA e liquidazioni periodiche

Il D.L. 193/2016, convertito in L. 225/2016, ha previsto dal 2017 un nuovo adempimento fiscale consi...

  • Equitalia: è impreciso dire "rottamazione"

    Mercoledì 02 Novembre 2016 07:25
  • Contrordine ragazzi, non è importante imparare le lingue

    Giovedì 15 Dicembre 2016 07:28
  • Definiti i contributi IVS 2017 di artigiani e commercianti

    Martedì 21 Febbraio 2017 07:14
  • Le novità del Modello 730/2017

    Venerdì 07 Aprile 2017 06:41
  • Comunicazione IVA e liquidazioni periodiche

    Giovedì 04 Maggio 2017 05:35

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Prorogata la mostra sulla monaca di Monza PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Venerdì 11 Novembre 2016 06:37
Visto il grande interesse suscitato e la risposta positiva da parte delle scuole del territorio, il Comune ha deciso di prorogare l’apertura al pubblico della mostra dedicata alla Monaca di Monza, allestita presso i Musei Civici Casa degli Umiliati, fino al 19 febbraio 2017
Grazie alla disponibilità della Fondazione Franco Fossati – Museo del Fumetto di Milano, che ha curato e organizzato la mostra insieme al Comune, sarà possibile continuare a esplorare il mondo di immagini e suggestioni che la Signora di Monza ha suscitato, a partire dalle celebri pagine del Manzoni nei “Promessi Sposi”.
"Siamo felici di registrare un tale interesse da parte del territorio e delle scuole – dichiara l’assessore alla Cultura, Francesca Dell’Aquila – non solo per la mostra ma anche per i tanti eventi collaterali organizzati. Un progetto culturale che va nella direzione della valorizzazione del nostro patrimonio artistico e storico, in chiave anche inedita, dove il nuovo museo cittadino di via Teodolinda è protagonista".

La mostra ospita edizioni storiche, fumetti, dischi, articoli che testimoniano la grande fortuna del personaggio e della sua drammatica vicenda, sino alle tavole originali del fumetto realizzato per l’occasione da Alessandro La Monica, in arte Alexander Tripood, che verrà distribuito in omaggio a tutti i visitatori del museo.

Saranno quindi replicati per le scuole e per il pubblico, nei mesi di gennaio e febbraio, gli intensi spettacoli teatrali “La città della Monaca”, in occasione dei quali le sale del museo si trasformeranno in una suggestiva quinta teatrale nella quale gli attori in costume della Compagnia Teatrale La Sarabanda rievocheranno le scene salienti della storica vicenda che vide protagonisti suor Virginia e l’Osio, dalla monacazione forzata della giovane, agli esiti del processo e alla sua reclusione. Oltre a questi, sono in programma visite guidate, laboratori di fumetto per adulti, conferenze e incontri di approfondimento. Per informazioni, prenotazioni e costi delle iniziative: 039 2307126 | www.museicivicmonza.it | Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Se Starbucks non conosce bene la storia d’Italia

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso) Correva l’anno 1882 e il governo italiano guidato da Depretis comprava la Baia di Assab dalla società Rubattino per 104.100 lire. Lo Stato Italiano decideva quindi di avviare la sua politica coloniale seguendo l’esempio di altri stati europei come la Francia, il Belgio e l’Inghilterra. Da un lato, c’era il desiderio di non essere assenti dalla spartizione del continente africano, dall'altro c’era la reale necessità di trovare uno sbocco alla sovrabbondanza della popolazione.

Leggi tutto...

 
>