Contenuto Principale

Equitalia: è impreciso dire "rottamazione"

(Laura Giulia D’Orso) E’ iniziato il conto alla rovescia per la rottamazione degli interessi e more ...

Contrordine ragazzi, non è importante imparare le lingue

(Laura Giulia D’Orso) Frequentare un corso di lingua straniera, conoscere il francese, dialogare in ...

Definiti i contributi IVS 2017 di artigiani e commercianti

(Laura Giulia D’Orso) Il contributo IVS (Invalidità, Vecchiaia, Superstiti) è una forma di contribuz...

Le novità del Modello 730/2017

A partire dal 15 Aprile 2017, il modello 730 precompilato verrà messo a disposizione del contribuent...

Comunicazione IVA e liquidazioni periodiche

Il D.L. 193/2016, convertito in L. 225/2016, ha previsto dal 2017 un nuovo adempimento fiscale consi...

  • Equitalia: è impreciso dire "rottamazione"

    Mercoledì 02 Novembre 2016 07:25
  • Contrordine ragazzi, non è importante imparare le lingue

    Giovedì 15 Dicembre 2016 07:28
  • Definiti i contributi IVS 2017 di artigiani e commercianti

    Martedì 21 Febbraio 2017 07:14
  • Le novità del Modello 730/2017

    Venerdì 07 Aprile 2017 06:41
  • Comunicazione IVA e liquidazioni periodiche

    Giovedì 04 Maggio 2017 05:35

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Mozione dei Sindaci MB per bloccare la fusione di CamCom con Milano PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Sabato 23 Luglio 2016 06:16
141009 stemma provincia mbSi è riunita nei giorni scorsi a Monza, presso la sede della Provincia, l’Assemblea dei Sindaci della Brianza convocata per affrontare gli scenari possibili alla luce della decisione che la Camera di Commercio di Monza si appresta ad approvare lunedì 25 luglio, ovvero l’opzione di rientrare nella sfera di Milano, dopo nove anni di autonomia dal capoluogo, conquistata nel 2007, prima ancora dell’istituzione della Provincia MB.
I Sindaci della Brianza, dopo la riflessione su questo delicato e strategico passo istituzionale - alla presenza del Segretario Generale della Camera di Commercio MB Renato Mattioni, che ha accolto l’invito a partecipare all’incontro - hanno approvato all’unanimità una mozione che chiede ai membri del Consiglio Camerale di “sospendere qualsiasi decisione che possa compromettere l'attuale autonomia della Camera di Commercio di Monza”. Ciò alla luce del consolidato rapporto tra la Camera di Commercio ed il territorio che conta 90.000 attività economiche registrate, 156 imprese per Kmq, un export che nel 2015 ha superato i 9 miliardi di Euro e che presenta una storia “da primati” “radicatasi e sviluppatasi velocemente grazie a una forte coesione di pensiero e di azione condivisa tra tutti i soggetti istituzionali, le rappresentanze sociali e l'associazionismo brianzolo”, si legge nel documento.

“Ad oggi non c'è alcun motivo per accelerare il percorso di possibili fusioni in quanto l'autonomia della Camera di Commercio non é messa in discussione da alcun provvedimento governativo o da irrinunciabili opportunità - continuano i Sindaci – mentre scelte affrettate precluderebbero una ordinata ed efficace riorganizzazione dei servizi, nonché la coerenza territoriale tra la futura area vasta e l'operatività dei soggetti intermedi che esercitano importanti funzioni sociali ed economiche, in grado di determinare la competitività complessiva del sistema Brianza, nel panorama nazionale e non solo”.

I Sindaci chiedono pertanto uno “stop” al percorso di fusione tra Milano e Monza - già avviato ieri con una prima approvazione da parte della Camera di Commercio di Milano – poiché determinerebbe la perdita della capacità decisoria pienamente autonoma di uno dei territori più importanti, locomotiva dell'economia nazionale come la Brianza che conta un’impresa ogni 10 abitanti. La proposta è “avviare insieme un lavoro propositivo di confronto nell'interesse di una riorganizzazione condivisa ed effettivamente utile per i cittadini e per le imprese del sistema economico MB di tutte le funzioni ed i servizi presenti sul territorio”.

Su richiesta dell’Assemblea il testo della mozione sarà inviato oggi stesso a tutti i Consiglieri della Camera di Commercio di Monza e della Brianza.

 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Se Starbucks non conosce bene la storia d’Italia

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso) Correva l’anno 1882 e il governo italiano guidato da Depretis comprava la Baia di Assab dalla società Rubattino per 104.100 lire. Lo Stato Italiano decideva quindi di avviare la sua politica coloniale seguendo l’esempio di altri stati europei come la Francia, il Belgio e l’Inghilterra. Da un lato, c’era il desiderio di non essere assenti dalla spartizione del continente africano, dall'altro c’era la reale necessità di trovare uno sbocco alla sovrabbondanza della popolazione.

Leggi tutto...

 
>