Contenuto Principale

PROGRAMMA TEATRO MANZONI STAGIONE 2020/2021

In calendario otto spettacoli di altissima qualità con compagnie e attori di rilevanza nazionale e p...

MONZA: CERTIFICATI ANAGRAFICI IN TABACCHERIA

Dal 24 settembre 2020 i residenti monzesi possono richiedere presso 11 tabaccherie cittadine dei c...

Il Festival del Parco di Monza. Natura è Cultura

Ideato nel 2017 dall'Associazione Novaluna, il Festival del Parco di Monza è una manifestazione arti...

RISTORAZIONE SCOLASTICA: DAL 13 OTTOBRE AL VIA IL NUOVO MENÙ Partirà il prossimo martedì 13 ottobre

Partirà il prossimo martedì 13 ottobre il nuovo menù nelle mense scolastiche della città che prepara...

IL GRANDE IMPEGNO DEI SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE DURANTE L’EMERGENZA

 La situazione emergenziale determinata dall’epidemia di “coronavirus” ha messo a dura prova il Co...

  • PROGRAMMA TEATRO MANZONI STAGIONE 2020/2021

    Martedì 10 Marzo 2020 10:57
  • MONZA: CERTIFICATI ANAGRAFICI IN TABACCHERIA

    Lunedì 16 Marzo 2020 07:20
  • Il Festival del Parco di Monza. Natura è Cultura

    Sabato 04 Aprile 2020 07:02
  • RISTORAZIONE SCOLASTICA: DAL 13 OTTOBRE AL VIA IL NUOVO MENÙ Partirà il prossimo martedì 13 ottobre

    Martedì 07 Aprile 2020 08:12
  • IL GRANDE IMPEGNO DEI SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE DURANTE L’EMERGENZA

    Martedì 14 Aprile 2020 13:11

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Villa Reale: il ricorso di Legambiente rigettato dal TAR PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Lunedì 23 Febbraio 2015 07:37
(Comunicato Stampa) "La sentenza perviene a distanza di quasi un anno dalla fissazione della prima udienza. La Villa reale nel frattempo è stata proclamata sede dell'Expo che è ormai imminente. Consideriamo che una pronunzia di annullamento avrebbe comportato conseguenze e ripercussioni gravi sull'Expo medesimo.
150223 villa reale montaggioLa sentenza nulla ha disposto su alcuni questioni fondamentali: ciò in quanto la ricorrente non avrebbe sul punto “interesse ad agire”. Ci chiediamo chi allora chi deve valutare (giudice penale o Corte dei conti) le seguenti questioni e ad opera di chi (visto che solo il comitato si è mosso):
- le irregolarità del bando e della gara come, peraltro già censurate in parte dall'autorità garante per la concorrenza
- la dedotta illegittimità dei sub appalti delle gestione degli spazi senza gara pubblica.
Il Tar non si è pronunciato sulla questione decisiva della compatibilità delle attività commerciali previste nel disciplinare con la destinazione della Villa, lasciando impregiudicata una questione da cui dipende il futuro della Villa sotto il profilo della salvaguardia della dignità del monumento e di cui già si sono visti effetti deleteri e censurati dalla cittadinanza (uno per tutti la Festa di Halloween che non si è concretizzata solo grazie alla levata di scudi dei cittadini).
Sulla questione della fruizione pubblica il Tar, nel confermare il principio della indispensabilità della fruizione pubblica, si limita a far riferimento agli articoli del contratto che, a suo avviso, sarebbero in grado di garantirla e rimette agli organi preposti (Consorzio) l'attività di controllo. Si è visto in più occasioni, tuttavia, come in assenza di un Comitato tecnico scientifico di indirizzo e di controllo, pur previsto nello Statuto del Consorzio medesimo, l’azione del Consorzio sia stata orientata, più che alla salvaguardia del bene, alle esigenze di concessionari e sub-concessionari; a meno che non si pensi che il concetto di fruizione pubblica del bene consenta l’interdizione al pubblico di visitatori che hanno pagato un regolare biglietto, di sale date in subconcessione per attività che nulla hanno a che fare con la valorizzazione del bene, ma semmai con il suo degrado (si veda l’art. 13 del disciplinare e il trattamento che stanno subendo i parquet del Maggiolini). Noi come Comitato ci adopreremo in tutte le sedi affinché gli strumenti di controllo del Consorzio vengano utilizzati coerentemente alla normativa. In ogni caso, è certamente positivo che la sentenza lasci intendere che il concessionario non può fare quello che vuole del bene avuto in concessione.
Notazione importante: la compensazione delle spese legali nonostante il rigetto rivela una valutazione positiva dell'azione del ricorrente.
Non ci sentiamo affatto sconfitti e, anzi, rivendichiamo i risultati ottenuti. Primo tra tutti il fatto che al piano Belvedere non è stato realizzato il ristorante di lusso ed ora è sede permanente della Triennale. Continueremo nella nostra azione ancor più spronati e con l'occasione chiediamo un incontro pubblico con il Presidente del Consorzio e l'ex sindaco Mariani (aperto nel caso anche agli altri interlocutori) su tutte le questioni aperte dalla sentenza. Monza, 13 febbraio 2015"

Altri articoli su Villa Reale
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

I Lombardi

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D'Orso)

In Lombardia fin da piccolo impari che:

“Non ce la faccio – non si può dire.

“Non ci riesco – non esiste.

“Sono stanco” … non è mai abbastanza!

Ecco come sono i Lombardi nel bene o nel male a seconda di come

li vuoi guardare!

Testa bassa e lavorare.

I Lombardi, quelli veri, chiamati per scherzo Polentoni, sì, perché era la

polenta che si mangiava in tempi di difficoltà. Ma offendersi, mai.

Sì, perché la polenta è ruvida e dura fuori, con quella crosticina che si forma

quando si raffredda ma dentro dolce ed avvolgente.

I Lombardi sono così: dentro sono buoni, con il cuore tenero, fieri delle cose

rassicuranti: acqua sale e farina gialla.

I Lombardi ci sono.                                                                                                                                                                                

Sempre.

Silenziosi ma presenti, su loro puoi contare, sempre.

Molti non li sopportano, lo si percepisce, ma se te ne innamori … beh allora

sei spacciato perché sarà per sempre.

Piange la Lombardia, in silenzio e con orgoglio.

Lo fa senza rumore per non disturbare, con toni semplici e concreti.

Tenendo gli occhi bassi e la testa piena di mille pensieri, cercando soluzioni.

Passano le ambulanze con le sirene accese e i lombardi sentono e continuano.

Se la Lombardia si potesse abbracciare lo farei adesso, forte.

Non mollare, non lo hai mai fatto.

Ricordi? Non si può dire “non ce la faccio”

“non riesco” qui non esiste”

“sono stanca! non è mai abbastanza, ancora un po’”!

Una regione non si misura dalla sua lunghezza e larghezza ma dall’ampiezza

delle sue visioni e se decidi di sceglierla come “casa” devi sapere che

devi essere all’altezza dei suoi sogni!

 

“Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità”.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso). “Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità”. Cit. Goebbles  -  il ruolo delle fake news

La minoranza di coloro che leggeranno la frase la attribuirà ad un certo Joseph Goebbles. Altri la cercheranno su internet. Inoltre, navigando online, risulteranno richiami di articoli tipo quello, apparso nel 2016 sul Fatto Quotidiano: Gaffe di Farinetti: “Come diceva Goethe, a forza di ripetere una roba questa diventa vera. Ma la frase era di Goebbels!”

Leggi tutto...