Contenuto Principale

Equitalia: è impreciso dire "rottamazione"

(Laura Giulia D’Orso) E’ iniziato il conto alla rovescia per la rottamazione degli interessi e more ...

Contrordine ragazzi, non è importante imparare le lingue

(Laura Giulia D’Orso) Frequentare un corso di lingua straniera, conoscere il francese, dialogare in ...

Definiti i contributi IVS 2017 di artigiani e commercianti

(Laura Giulia D’Orso) Il contributo IVS (Invalidità, Vecchiaia, Superstiti) è una forma di contribuz...

Le novità del Modello 730/2017

A partire dal 15 Aprile 2017, il modello 730 precompilato verrà messo a disposizione del contribuent...

Comunicazione IVA e liquidazioni periodiche

Il D.L. 193/2016, convertito in L. 225/2016, ha previsto dal 2017 un nuovo adempimento fiscale consi...

  • Equitalia: è impreciso dire "rottamazione"

    Mercoledì 02 Novembre 2016 07:25
  • Contrordine ragazzi, non è importante imparare le lingue

    Giovedì 15 Dicembre 2016 07:28
  • Definiti i contributi IVS 2017 di artigiani e commercianti

    Martedì 21 Febbraio 2017 07:14
  • Le novità del Modello 730/2017

    Venerdì 07 Aprile 2017 06:41
  • Comunicazione IVA e liquidazioni periodiche

    Giovedì 04 Maggio 2017 05:35

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Politica & Territorio
Riconoscimento LIS: uguaglianza e inclusione sociale di tutti i cittadini PDF Stampa E-mail
Venerdì 02 Dicembre 2016 10:29
«Di tutte le battaglie per i diritti umani, quella per l’abbattimento delle barriere della comunicazione è di primaria importanza. Riconoscere la Lingua dei Segni significa non solo dare pari opportunità a tutti di scegliere il modo che preferiscono per comunicare, ma anche riconoscere pienamente il diritto di uguaglianza di tutti i cittadini e garantire loro una vera inclusione sociale»: è quanto ha affermato Carolina Toia, consigliere regionale del Gruppo “Maroni Presidente”, al convegno da lei promosso “Con la LIS… tutto è accessibile”, svoltosi oggi nella Sala Gonfalone di Palazzo Pirelli, i cui posti sono andati esauriti.
Leggi tutto...
 
Regione Lombardia: mozione per favorire installazione di impianti per abbattimento fumi PDF Stampa E-mail
Venerdì 02 Dicembre 2016 10:26
Aprire un bando per l'installazione, sui forni a legna degli esercizi commerciali e artigianali, di impianti per la depurazione e l'abbattimento dei fumi, attraverso la concessione di un contributo a fondo perso o il finanziamento a tasso zero dell'investimento. E' quanto richiesto da Lino Fossati, consigliere regionale del gruppo consiliare "Maroni Presidente", attraverso una mozione depositata a Palazzo Pirelli.
Leggi tutto...
 
Bonus casa: persa occasione. Ance e Federlegnoarredo commentano. PDF Stampa E-mail
Lunedì 28 Novembre 2016 07:07
131029 casa01Ance e Federlegnoarredo: «Il rinvio al senato della discussione sui bonus fiscali per l'edilizia e la casa rischia di penalizzare due tra i settori più colpiti dalla crisi».
Leggi tutto...
 
Nuovo centro civico in via Silva PDF Stampa E-mail
Venerdì 25 Novembre 2016 07:14
Sarà inaugurato sabato 26 novembre dal sindaco Roberto Scanagatti e dall’assessore alla Partecipazione, Egidio Longoni, il nuovo centro civico di via Silva 26, realizzato dall’amministrazione comunale e che sarà a servizio dei cittadini dei quartieri San Carlo e San Giuseppe.
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 10 di 91
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Se Starbucks non conosce bene la storia d’Italia

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso) Correva l’anno 1882 e il governo italiano guidato da Depretis comprava la Baia di Assab dalla società Rubattino per 104.100 lire. Lo Stato Italiano decideva quindi di avviare la sua politica coloniale seguendo l’esempio di altri stati europei come la Francia, il Belgio e l’Inghilterra. Da un lato, c’era il desiderio di non essere assenti dalla spartizione del continente africano, dall'altro c’era la reale necessità di trovare uno sbocco alla sovrabbondanza della popolazione.

Leggi tutto...

 
>