Contenuto Principale

GP di Italia Monza e Ferrari binomio vincente

53 giri di tensione, sempre al comando con, alle spalle il “5 volte” campione del mondo Hamilton e...

La 12 ore di Monza fa la storia con Colnago

Si terrà di fine state, in  notturna andamento lento, non vuole essere unq competizione, a volte and...

La morte si è portato via l’uomo, non la leggenda

Niki Lauda, la leggenda della Formula 1, si è spento il 20 maggio in una clinica svizzera. Aveva 70 ...

La Mezza di Monza si terrà il 29 settembre

Domenica 29 settembre Autodromo e Parco di Monza Mezza di Monza - MONZA21 HALF MARATHON I percorsi ...

Manovra e bonus casa: un passo indietro sarebbe molto grave

Non è ancora chiaro se ci sarà o meno una proroga del bonus mobili, la misura fiscale che permette...

  • GP di Italia Monza e Ferrari binomio vincente

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • La 12 ore di Monza fa la storia con Colnago

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • La morte si è portato via l’uomo, non la leggenda

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • La Mezza di Monza si terrà il 29 settembre

    Sabato 07 Ottobre 2017 10:00
  • Manovra e bonus casa: un passo indietro sarebbe molto grave

    Giovedì 19 Ottobre 2017 06:03

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Politica & Territorio
BONIFICA DELLE AREE EX ICMESA, IL COMUNE FA MODIFICARE IL PROGETTO PDF Stampa E-mail
Mercoledì 18 Settembre 2019 13:11
Approvazione condizionata al recepimento delle prescrizioni dettate dai Comuni interessati: è l’esito della Conferenza dei Servizi tenutasi oggi in Regione Lombardia che doveva decidere se approvare o bocciare il Progetto Operativo di Bonifica delle aree ex Icmesa interessate dal progetto di prolungamento dell’Autostrada Pedemontana Lombarda da Lentate sul Seveso a Cesano Maderno. I Comuni di Seveso, Cesano Maderno, Bovisio Masciago, Desio e Barlassina hanno sottoscritto un parere congiunto prodotto nelle scorse settimane e che oggi è stato ascoltato con attenzione dai dirigenti preposti di Autostrada Pedemontana Lombarda, i quali hanno accettato di accogliere molte delle richieste avanzate dai sindaci del territorio. Le due più significative riguardano l’effettuazione del campionamento per il collaudo mediante sondaggi o “a mano” con fustelle anziché utilizzando ancora l’escavatore meccanico, che riprodurrebbe il rischio di aerodispersione della diossina fuoriuscita in occasione dell’incidente chimico del 1976, e l’effettuazione della bonifica oltre i 20 centimetri di scavo nelle maglie ove l’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale riscontrasse nell’aliquota del campione da essa acquisita concentrazioni elevate di contaminante. “Il risultato ottenuto oggi in Conferenza dei Servizi – commenta il Sindaco Luca Allievi – è il frutto di un lavoro congiunto di diversi Comuni della zona interessata dalle opere per la realizzazione della tratta B2 dell’Autostrada Pedemontana Lombarda, infrastruttura necessaria per lo sviluppo del territorio. In questo caso si può proprio parlare di ‘unione che fa la forza’ perché unendo le forze abbiamo potuto avvalerci di una consulenza tecnica di valore, che ci ha dato l’opportunità di richiedere modifiche migliorative a un progetto di bonifica già tutelante dei cittadini, residenti e di passaggio. Nei mesi scorsi avevo dichiarato che il Comune di Seveso non ha alcuna intenzione di subire passivamente eventuali decisioni calate dall’alto che dovessero mettere a repentaglio la salute dei suoi abitanti. Ho fatto e farò di tutto affinché Seveso, che tanto ha già pagato in passato in fatto di salute e di danni all’ambiente, non abbia ripercussioni negative a riguardo. Come Amministrazione Comunale continueremo a verificare e a controllare che tutti gli studi e le analisi siano corrette, senza speculazioni sulla pelle dei cittadini. Ribadisco che per noi salute e sviluppo del territorio non devono più essere in antitesi”.
 
Il marketing digitale diventa strategico con il call center PDF Stampa E-mail
Martedì 17 Settembre 2019 12:36
Marketing digitale e call center possono essere il volano del settore automotive. Lo dimostra una ricerca del call center Zeuner di Seveso, azienda con 135 collaboratori e 1,9 milioni di fatturato nel 2018, che ha analizzato i dati 2018/2019 delle sue attività di post vendita su alcuni clienti del settore automobilistico.
Il settore in Italia conta 258mila addetti diretti e indiretti per un fatturato di attività industriali dirette e indirette di 100,4 miliardi di euro (dati ANFIA - Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica). Tuttavia i margini del comparto sono sempre minori. A gamma inferiore corrispondono margini inferiori: dal 4% di un’utilitaria al 12% di una di media serie, al 18% di alta. Così il marketing diventa strategico. Si pensi solo agli investimenti in pubblicità televisiva, con 15 case automobilistiche tra le prime 25 al mondo di tutti i settori che spendono in advertising.  
Il marketing digitale sta producendo un notevole cambiamento nell’automotive: servono figure specializzate per gestire la brand reputation, organizzare i contatti che arrivano attraverso la rete, fidelizzare il cliente nel post vendita attraverso attività di customer satisfaction/survey. Sempre più richiesta è la figura professionale dell’ADM - Automotive Digital Manager. Il 75% dei concessionari italiani dichiara di voler aumentare il numero di persone impiegate nell'area web e digital all'interno della propria azienda (fonte: MotorK, azienda leader in Europa nel digital automotive).
 
Le attività di inbound del call center oggi consentono all’azienda automotive di essere al fianco del cliente non solo via telefono, ma anche attraverso Live Chat, Social Care e ChatBot migliorando la Brand reputation dell’azienda stessa.  Questa è la tendenza del futuro. Il cliente potrà essere supportato nella configurazione di auto e nei servizi post-vendita e le aziende automobilistiche nel miglioramento dell'esperienza di customer service, nei casi più evoluti attraverso sistemi di CRM – Customer Relationship Management e CIC - Customer Interaction Center. In questo modo il lavoro del concessionario viene monitorato e sostenuto sia nel contattare i proprietari d’auto per fissare l’agenda degli appuntamenti (es. tagliando o scadenze amministrative), sia nell’ ottimizzare la proposta di alcuni dispositivi o strumenti di bordo, che spesso hanno contratti o costi connessi, come l’assicurazione, che possono rientrare nel valore complessivo di acquisto della autovettura.
 
Leggi tutto...
 
CONVEGNO 2019: riflessioni sul cambiamento climatico PDF Stampa E-mail
Martedì 03 Settembre 2019 13:24
Brianza cambia clima pieghevole compresso 1
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Brianza cambia clima pieghevole compresso 2
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Credito d’imposta per l’ammodernamento dei registratori di cassa PDF Stampa E-mail
Venerdì 23 Agosto 2019 06:53

L’articolo 2, comma 1, del decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 127, prevede che, a decorrere dal 1° gennaio 2020, gli esercenti che effettuano le operazioni di cui all’articolo 22 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, debbano memorizzare elettronicamente e trasmettere telematicamente all'Agenzia delle entrate i dati dei corrispettivi giornalieri. L’applicazione di tale disposizione è anticipata al 1° luglio 2019 per gli esercenti con un volume d’affari superiore a 400 mila euro.

Il contributo

Allo scopo di agevolare, negli anni 2019 e 2020, l’acquisto o l’adattamento degli strumenti necessari per effettuare la memorizzazione e la trasmissione dei corrispettivi, l’articolo 2, comma 6-quinquies, del citato d.lgs. n. 127 del 2015, ha previsto la concessione di un contributo ai suddetti esercenti pari al 50 per cento della spesa sostenuta (fino a un massimo di 250 euro in caso di acquisto e di 50 euro in caso di adattamento) per ogni strumento.

Utilizzo del credito di imposta

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 106
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

L'umanità è diventata litigiosa per volontà.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Anche gli animali litigano, ma per qualcosa o qualcuno, ovvero per fame, per difendere i cuccioli, per il controllo del branco o di un territorio. E alla fine uno dei due litiganti, spesso, muore. Non obbediscono ad alcuna legge se non quella della natura. Non professano alcun credo, storia o cultura: seguono, semplicemente, il loro istinto.

Leggi tutto...