Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Coronavius e smart working, ULI mette gratuitamente a disposizione dei propri clienti una piattaforma di videoconferenze Stampa
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Mercoledì 11 Marzo 2020 10:05
200311 videocall uliDal dipendente d’ azienda al libero professionista all’insegnante. A causa dell’emergenza Coronavirus (Covid-19),  i clienti di  ULI – Utility Line Italia, uno tra i più antichi ISP (Internet Service Provider) italiani, fondato a Seveso nel 1995 nell’hinterland milanese, da oggi possono gratuitamente usufruire di una piattaforma di webmeeting tramite cui lavorare da casa in modalità smart working e in tutta sicurezza per i dati  grazie alla rete virtuale privata (VPN) criptata.
La piattaforma è caratterizzata da massima semplicità d’utilizzo per consentire la più ampia partecipazione, fino a 250 persone. Bastano Internet e un browser, è accessibile tramite  Pc, tablet e smarthphone. I partecipanti ricevono l’invito ad aderire tramite link via e-mail e possono condividere lo schermo, file e  strumenti di disegno su lavagna bianca, soluzione ideale per organizzare un’aula scolastica o una riunione virtuali. L’organizzatore dell’evento ha la possibilità di controllare il desktop da remoto.
“In questo periodo di difficoltà per aziende e dipendenti – afferma Vittorio Figini, ceo di ULI -  ci  sembra corretto mettere a disposizione, gratuitamente per i nostri clienti, la piattaforma di webmeeting, che utilizziamo normalmente per usi professionali. Le aziende hanno la necessità di continuare a fare riunioni, contattare i propri clienti o fornitori. E’ il caso di Fabio, responsabile commerciale di un nostro cliente, che si recava fisicamente dai suoi clienti per proporre servizi e oggi li contatta tramite webmeeting. La piattaforma può essere impiegata anche a scopo didattico, organizzando una classe virtuale e consentendo al docente, connesso in webcam, di vedere i propri alunni, condividere il proprio schermo, file, effettuare sondaggi senza installare software sul proprio pc o su quello degli studenti”.