Contenuto Principale

Come comportarsi in caso di precipitazioni nevose

Per la stagione invernale 2019 il Comune ha disposto le procedure di comportamento in caso di ghiacc...

La disciplina dei saldi in Lombardia: date, obblighi e facoltà.

I saldi sono disciplinati da Regione Lombardia con specifici obblighi (definiti da Delibere Regional...

L’omaggio di Monza al grande Rossini

Il 2018 è stato dichiarato “Anno Rossiniano” nel 150esimo anniversario della morte del gra...

Parco Regionale Valle Lambro: un corso per GEV

Vuoi diventare una Guardia Ecologica del Parco Valle Lambro?  Partecipa alla pre iscrizione.Vuoi e...

Al via il Piano freddo per i senza dimora

Anche quest'anno il Comune, in collaborazione con le associazioni di volontariato, ha predisposto ...

  • Come comportarsi in caso di precipitazioni nevose

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • La disciplina dei saldi in Lombardia: date, obblighi e facoltà.

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • L’omaggio di Monza al grande Rossini

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • Parco Regionale Valle Lambro: un corso per GEV

    Martedì 19 Settembre 2017 06:09
  • Al via il Piano freddo per i senza dimora

    Sabato 07 Ottobre 2017 09:50

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

MonzaOggi
NASA - A Human Adventure PDF Stampa E-mail
Martedì 19 Settembre 2017 05:51
Dal 27 settembre arriva per la prima volta in Italia, a Milano nello Spazio Ventura XV (via Privata Giovanni Ventura 15), NASA - A Human Adventure, la mostra sullo spazio prodotta da John Nurminen Events in collaborazione con AVATAR - che ha già affascinato nel suo tour mondiale iniziato nel 2011 milioni di visitatori perché concepita per adulti e bambini.
 
La mostra è un viaggio di conquiste e di scoperte che si estende per 1500 metri quadri, tra razzi, Space Shuttle, Lunar Rover, Simulatore di centrifuga spaziale, in un percorso didattico ed emozionante, scientifico e immersivo, che va dal primo lancio nello spazio ai giorni nostri e che presenta circa 300 manufatti originali provenienti dai programmi spaziali NASA, la maggior parte di essi in prestito dal Cosmosphere International Science Education Center e dallo Space Museum e dal U.S. Space & Rocket Center, molti dei quali sono stati nello spazio.
 
L'esposizione racconta la fantastica storia della National Aeronautics and Space Administration, per tutti la NASA, e le sue incredibili conquiste ottenute nei voli e nelle esplorazioni spaziali.
 
27 settembre 2017 – 4 marzo 2018
Spazio Ventura XV, Milano
 
Referendum lombardo: i cittadini hanno diritto a corretta informazione PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Martedì 19 Settembre 2017 05:50
«La Commissione parlamentare di vigilanza ritiene che 15 milioni di cittadini lombardi e veneti non sono un numero sufficiente per meritare un pieno diritto a essere informati dalla Rai sui contenuti del referendum per l’Autonomia, a cui il 22 ottobre prossimo sono chiamati a votare lombardi e veneti. Il presidente Fico si trincera – con un tono burocratese che ben poco si addice allo spirito grillino – dietro un'antica delibera del 2002. Tuttavia, se il Presidente avesse avuto a cuore non tanto il destino di questo referendum, ma il sacrosanto diritto a una piena e corretta informazione, avrebbe fatto valere tutto il suo peso politico, rendendo una pubblica esortazione alla testate regionali Rai di Lombardia e Veneto per invitarle a organizzare spazi informativi dedicati alla sfida referendaria». Lo dichiara Stefano Bruno Galli, a capo del gruppo consiliare “Maroni Presidente- Lombardia In Testa” al Consiglio regionale lombardo e relatore del referendum per l'autonomia della Lombardia.
 
L’omaggio di Monza al grande Rossini PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Giovedì 14 Settembre 2017 05:43

rosssiniIl 2018 è stato dichiarato “Anno Rossiniano” nel 150esimo anniversario della morte del grande compositore italiano, scomparso in Francia il 13 novembre 1868.


In programma un fitto calendario di eventi in molte città italiane, grandi e piccole: oltre a Pesaro, sua città natale, anche Lugo di Romagna, città del padre Giuseppe; Bologna, dove studiò musica nel liceo filarmonico; Faenza, dove nel 1807 fu maestro di cembalo; Napoli, Venezia, Milano, città nei cui teatri coronò i suoi più grandi successi, fino a Parigi dove visse per oltre vent’anni, in Boulevard des Italiens, con la seconda moglie Olympe.

Monza e Rossini. Anche la città di Monza partecipa all’anno Rossiniano con una ricca programmazione di eventi, a partire dal mese di settembre fino a dicembre, volti a raccontare Rossini nei suoi poliedrici aspetti, coinvolgendo diverse associazioni culturali monzesi. La manifestazione ha ottenuto il patrocinio del Comune di Pesaro.

“Monza partecipa a pieno titolo alle celebrazioni rossiniane insieme a tante città italiane - spiegano il Sindaco Dario Allevi e l’Assessore alla Cultura Massimiliano Longo – Tra Gioachino Rossini e i monzesi vi è infatti un legame speciale, considerando che le sue opere furono molto apprezzate dal pubblico del nostro Teatro Sociale oltre ad essere le più rappresentate nel primo ventennio di vita del teatro stesso, dominando la scena senza rivali”.

In particolare “Il barbiere di Siviglia” fu l’opera rossiniana più vista a Monza Teatro Sociale, programmata fino al 1920: per oltre un secolo, dunque, questo spettacolo accese gli entusiasmi e le emozioni del pubblico monzese e non. Inoltre l’amicizia con il poeta Giovanni Rajberti, chirurgo all’ospedale San Gerardo, accrebbe il trait d’union tra Monza e il Maestro.   

Le associazioni culturali coinvolte. Sono impegnate nell’organizzazione della rassegna monzese: Associazione Mnemosyne, Amici dei Musei, Associazione Mazziniana Italiana, Casa della Poesia, Italia Nostra, Centro Documentazione Residenze Reali, Università Popolare Monzese, Pro Monza, Centro Studi Liberi nell’Agorà, Accademia Italiana della Cucina, Amici della Musica, Sporting Club, Corale Monzese, Soffio di Artemisia.

GLI APPUNTAMENTI

Domenica 16 settembre - Museo del Teatro alla Scala
Visita guidata alla mostra dedicata a Rossini al Museo del Teatro alla Scala. A cura di Pro Monza. A pagamento.

Domenica 23 settembre ore 18, 30 - La cantina della Monaca
“Aperitivo rossiniano” aperitivo con bevande e pietanze, seguendo le ricette più amate da Rossini, La cantina della Monaca
A cura di Associazione Mnemosyne.  Ingresso a pagamento.

Sabato 29 settembre ore 17 - Primo Piano Nobile, Villa Reale
“Le feste in Villa Reale ai tempi di Eugenio de Beauharnais con le musiche di Rossini”. Conferenza al Primo Piano Nobile Villa Reale.
A cura di Centro Documentazione Residenze Reali. Ingresso gratuito.

Venerdì 12 ottobre ore 21 - Sala Maddalena
“Rossini e il Risorgimento” conferenza con esecuzione di brani musicali, Sala Maddalena. A cura di Associazione Mazziniana Italiana. Ingresso gratuito.

Giovedì 25 ottobre ore 21 - Teatro Binario 7.
“Tutto Rossini! in parole e musica” spettacolo teatrale e musicale, Teatro Binario 7. A cura di Università Popolare Monzese. Ingresso libero.

Venerdì 26 ottobre – Duomo di Monza
“Stabat Mater”, concerto per soli, coro e orchestra.
A cura di Corale Monzese. Ingresso libero.

Domenica 28 ottobre ore 16,30 - Musei Civici
“Metafore rossiniane” azione scenica con arie tratte da “Armida” e brani di letterati che si sono ispirati ai temi rossiniani, Sala del’900 – Musei Civici. Ingresso al museo a pagamento, iniziativa inclusa nel prezzo.

Sabato 17 novembre ore 10, 30 - Biblioteca dei ragazzi
“La gazza ladra” narrata con la valigia dei racconti, il Kamishibai“ laboratorio artistico per bambini dai 5 agli 11 anni. Biblioteca dei ragazzi, Sistema Bibliotecario Urbano.
A cura di Associazione Mnemosyne, in collaborazione con Il soffio di Artemisia. Ingresso libero.

Lunedì 19 novembre ore 10 per le scuole ore 21 per la cittadinanza - Teatro Binario 7.
“Il Barbiere di Siviglia” riduzione dell’opera rossiniana proposto alla mattina per le scuole e alla sera per la cittadinanza. Teatro Binario 7.
A cura di Associazione Mnemosyne. Ingresso a pagamento.

Sabato 24 novembre ore 16,30 - Sala Maddalena
“Gioachino Rossini e la cultura artistica del XIX secolo” conferenza, Sala Maddalena. A cura di Italia Nostra. Ingresso libero.

Venerdì  30 novembre ore 20 - Salone delle Feste Sporting Club Monza
“A cena con Rossini” cena in tre atti con arie d’opera, letture sceniche e prelibatezze enogastronomiche. Salone delle Feste Sporting Club Monza
A cura di Accademia della Cucina delegazione di Monza e Brianza, in collaborazione con Associazione Mnemosyne. Ingresso a pagamento.

Domenica 2 dicembre ore 16,30 - Cappella Reale, Villa Reale
“Rossini sacro” concerto di arie tratte dalla Petite Messe solennelle, inframmezzate dalla lettura degli “Inni sacri” di Alessandro Manzoni. Cappella Reale, Villa Reale. A cura di Casa della Poesia. Ingresso libero.

Venerdì 21 dicembre ore 21 - Teatro Binario 7
“Crescendo rossiniano” spettacolo teatrale e musicale incentrato sulla vita di Gioachino Rossini. Teatro Binario 7. A cura di Centro Studi Liberi nell’Agorà.
Ingresso libero per le scuole.

Data creazione: 04 settembre 2018

Pagine collegate

 
Regione Lombardia: no a direttiva Bolkestein per associazioni dilettantistiche lacuali PDF Stampa E-mail
Sabato 09 Settembre 2017 05:56
Escludere le associazioni sportive dilettantistiche per gli sport lacuali e fluviali dalla direttiva Bolkestein, il discusso atto Ue sui servizi: è quanto chiede al Governo e al Parlamento una mozione presentata dal Gruppo consiliare “Maroni Presidente–Lombardia in testa”, approvata oggi all’unanimità dal Consiglio regionale della Lombardia.
 
Leggi tutto...
 
Villea Reale: 240 anni di storia PDF Stampa E-mail
Giovedì 07 Settembre 2017 20:41
Un ricco programma che vi accompagnerà sino al 3 dicembre, offrendovi ogni fine settimana occasioni interessanti, piacevoli, curiose e coinvolgenti per festeggiare insieme questa importante ricorrenza e conoscere meglio un'epoca che ha segnato la storia della Lombardia e di Monza.
 
Leggi tutto...
 
Provinciali 2017: nessun candidato per la Lega Nord PDF Stampa E-mail
Lunedì 04 Settembre 2017 20:10
"La Lega Nord non presenta il proprio candidato presidente alle elezioni provinciali del 24 settembre. Abbiamo questioni ben più importanti da seguire piuttosto che perdere il nostro tempo con elezioni truffa, di cui si sa già l'esito perché potranno votare solo i consiglieri comunali e i sindaci del territorio. Stiamo infatti preparando una grande campagna per il Sì al referendum sull'autonomia del 22 ottobre e lanceremo a breve una serie di iniziative con i nostri sindaci per fermare l'immigrazione clandestina e garantire più sicurezza ai cittadini brianzoli." E' quanto fanno sapere il segretario provinciale della Lega Nord di Monza e Brianza Emanuele Pellegrini e il suo vice Alessandro Corbetta.
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 9 di 59
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Siamo sicuri che la Supercoppa Juventus -Milan sia progresso?

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D'Orso).Jean-Jacques Rousseau, nel suo Discorso sulle scienze e sulle arti (1750), denunciava il carattere illusorio e mendace della civilizzazione. Dal suo punto di vista, l’unica qualità che poteva distingue i popoli più evoluti era l’abilità nell’occultare, che significava evitare la brutalità dei rapporti sociali. “La raffinatezza, scriveva, è un velo steso sopra la barbarie”. Il Discorso sulle scienze e sulle arti è un capolavoro di retorica. Si apre con un panegirico del progresso umano che riprende e porta all'apice i valori illuministi: l’eroica vittoria su ciò che è brutale, l’uscita dell’umanità dalle tenebre, lo slancio prometeico verso una conoscenza che abbracciava sia il mondo fisico, sia il progresso tecnologico sia il mondo morale.

Il mito del progresso sull’emancipazione delle donne a Gedda viene svuotato dietro la gloriosa apparenza tecnologica del settore per le donne, nelle piccole giocatrici che scendono in campo con i più grandi calciatori del mondo. La Supercoppa diventa perciò un potente effetto retorico, si compie in una società dove la cultura ammanta l’oppressione politica e dove le convenzioni impongono l’ipocrisia, rendendo impossibile ogni comunicazione autentica.

Eppure lo spirito ha anche i suoi bisogni al pari o forse superiori a quelli del corpo. Questi sono il fondamento della società, l’ornamento primario di un vero progresso. Mentre il governo e le leggi provvedono alla sicurezza e al benessere delle persone.

“La ricchezza dell’adornamento può rivelare un uomo opulento e la sua eleganza un uomo di gusto; ma l’uomo sano e robusto si riconosce da altri segni: sotto l’abito rustico d’un agricoltore, non sotto la doratura di un cortigiano si troverà la forza e il vigore del corpo. L’adornamento non è meno estraneo alla virtù, la quale è la forza e il vigore dell’anima. L’uomo dabbene è un atleta, che si compiace di lottar nudo; egli disprezza tutti quei vili ornamenti che impaccerebbero l’uso delle sue forze, e che per la maggior parte non son stati inventati che per nascondere qualche deformità.”

Fino a quando i giornali scriveranno …”che allo stadio sono attesi 62mila tifosi tra cui 15mila donne … e non …”sono attesi 77mila spettatori, continueranno ad edulcorare un primario ordinamento di progresso.

 

La notte di San Silvestro

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

La notte di San Silvestro, vigilia di Capodanno, corrisponde alla notte tra il 31 dicembre e il 1º gennaio (Capodanno). Essa è celebrata in diversi modi a seconda della nazione. Si chiama così in quanto il 31 dicembre il santo che si festeggia è appunto san Silvestro papa. Il 31 dicembre viene spesso anche erroneamente chiamato Capodanno, pur trattandosi in realtà solo della vigilia di esso.

Silvestro I (... – Roma, 31 dicembre 335) è stato il 33º vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica dal 314 alla sua morte. È venerato come santo dalla Chiesa cattolica e dalle Chiese ortodosse. Grazie ad una serie popolarissima di leggende (prodotte soprattutto nel medioevo) fu considerato in passato colui che convocò il primo concilio ecumenico di Nicea e riuscì a convertire Costantino il Grande, imperatore romano, e quindi vero "fondatore della Chiesa".

Leggi tutto...

Ad buon intenditor poche parole

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso) Esistono numerosi studi economici che analizzano l’impatto del cambio di un manager sulle performance di un’azienda. Le stime sono rilevate in genere nelle aziende quotate in borsa ma risultano ignote nelle aziende di dimensioni più piccole. I dati presi dallo sport non fanno eccezione: in particolare, quelli del calcio. In genere “il manager” che viene rimosso per primo e sostituito nel calcio è l’allenatore, che affronta il rischio dell’esonero. Si parla sempre più di leadership, di motivazione: il vero capo è colui che sa tirare fuori il meglio dai suoi collaboratori, creando un gruppo unito ed una missione da raggiungere. Nel calcio è cercare di vincere una partita, allora i giocatori non sono troppo diversi, ognuno con il proprio ruolo, dal team di un’azienda che punta alla realizzazione di un progetto di successo. I dati calcistici hanno quattro vantaggi, in particolare, per studiare questo fenomeno. Innanzitutto, la performance è misurata su base settimanale, attraverso tre semplici indicatori: vittoria, pareggio o sconfitta della squadra. Le scelte dell’allenatore sono osservabili da tutti, cioè i giocatori schierati ed il tipo di gioco adottato. Le competizioni calcistiche sono relativamente omogenee tra loro, confrontando tra loro squadre con gli stessi obiettivi Le caratteristiche importanti degli allenatori sono conosciute, come l’esperienza pregressa nello sport, l’età, e i risultati ottenuti in passato. Si possono estrarre da questi dati tre ipotesi La prima è la teoria del “senso comune”, secondo la quale un allenatore è il responsabile dei risultati deludenti di una squadra. La seconda teoria è quella del “circolo vizioso”: nonostante l’esonero, la squadra continuerà a fare male, a causa della confusione all’interno delle relazioni societarie. Il cambio allenatore avrà un effetto destabilizzante, in negativo. La terza teoria che tenta di spiegare il fenomeno dell’esonero prende il nome del “rito del capro espiatorio”. Un tecnico è allontanato solo per divergenze con la società ma ha l’appoggio dei tifosi, dei media e soprattutto dei suoi giocatori. Ma è davvero così o potrebbe trattarsi di una sorta di illusione ottica? I risultati del campo possono essere influenzati da diversi fattori, che non sono presi in considerazione da un approccio comparativo semplicistico. Innanzitutto, il nuovo allenatore e quello precedente non giocano contro gli stessi avversari, né un nuovo management ha per forza di fronte le stesse sfide di quello precedente. Ad esempio, è possibile che l’allenatore esonerato abbia iniziato la stagione affrontando gli avversari più forti, mentre il nuovo si trova lungo il percorso avversari meno forti. Oppure che il management abbia dato vita a un’opera di risanamento lacrime e sangue i cui effetti si vedranno solo in un futuro più lontano. Quindi, cambiare allenatore o management può essere del tutto inutile? Nel caso delle piccole e medie squadre gli studi dicono di si, porta incertezza. Da quanto il Monza Calcio è passato di mano ed i nuovi proprietari sono Silvio Berlusconi e l’ad. Galliani, la squadra non ha più vinto. I risultati positivi delle prime tre partite si sono trasformate in una sconfitta e due pareggi. Certamente non aiuta al gruppo, all’allenatore e allo staff tecnico, leggere e sentire da certa stampa nomi accostati a quello o a questo. Non aiutano sapere che già si cerca un nuovo allenatore o che lo staff potrebbe essere “invaso” da ex milanisti. Diamo perciò a Mister Zaffaroni ciò che è di Mister Zaffaroni: il merito di avere creato un gruppo unito, una missione da raggiungere, una leadership forte dello staff e ……. basta “sparate”.