Contenuto Principale

PROGRAMMA TEATRO MANZONI STAGIONE 2020/2021

In calendario otto spettacoli di altissima qualità con compagnie e attori di rilevanza nazionale e p...

MONZA: CERTIFICATI ANAGRAFICI IN TABACCHERIA

Dal 24 settembre 2020 i residenti monzesi possono richiedere presso 11 tabaccherie cittadine dei c...

Il Festival del Parco di Monza. Natura è Cultura

Ideato nel 2017 dall'Associazione Novaluna, il Festival del Parco di Monza è una manifestazione arti...

RISTORAZIONE SCOLASTICA: DAL 13 OTTOBRE AL VIA IL NUOVO MENÙ Partirà il prossimo martedì 13 ottobre

Partirà il prossimo martedì 13 ottobre il nuovo menù nelle mense scolastiche della città che prepara...

IL GRANDE IMPEGNO DEI SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE DURANTE L’EMERGENZA

 La situazione emergenziale determinata dall’epidemia di “coronavirus” ha messo a dura prova il Co...

  • PROGRAMMA TEATRO MANZONI STAGIONE 2020/2021

    Martedì 10 Marzo 2020 10:57
  • MONZA: CERTIFICATI ANAGRAFICI IN TABACCHERIA

    Lunedì 16 Marzo 2020 07:20
  • Il Festival del Parco di Monza. Natura è Cultura

    Sabato 04 Aprile 2020 07:02
  • RISTORAZIONE SCOLASTICA: DAL 13 OTTOBRE AL VIA IL NUOVO MENÙ Partirà il prossimo martedì 13 ottobre

    Martedì 07 Aprile 2020 08:12
  • IL GRANDE IMPEGNO DEI SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE DURANTE L’EMERGENZA

    Martedì 14 Aprile 2020 13:11

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

MonzaOggi
Se ne va un industriale che ha contribuito alla ricchezza della Brianza e del Paese PDF Stampa E-mail
Mercoledì 11 Marzo 2015 10:18
150311 cestello lavatrice"Con Peppino Fumagalli se ne va un industriale che ha contribuito alla creazione di lavoro e ricchezza non solo a Monza e in Brianza ma in tutto il Paese. Pur guardando al mondo ha sempre voluto mantenere un forte radicamento sul nostro territorio, anche quando le convenienze avrebbero potuto suggerire altre scelte, dimostrando così un'etica del lavoro e dell'impresa che rappresentano valori fondamentali. Anche l'esperienza imprenditoriale di Peppino Fumagalli testimonia quali importanti risultati sono in grado di generare le qualità e i talenti a tutti i livelli che il sistema Italia riesce ad esprimere". Lo dichiara il sindaco di Monza, Roberto Scanagatti, prima dell'estremo saluto all'industriale.
 
Il Comune si apre ai cittadini PDF Stampa E-mail
Martedì 10 Marzo 2015 14:05
130916 monza stemmaSi terrà nella serata di giovedì 19 marzo, dalle 20.30 al Teatro Binario 7 di via Turati 8, il Rapporto alla città, durante il quale il sindaco di Monza, Roberto Scanagatti, e gli assessori della giunta comunale, illustreranno ai cittadini i progetti realizzati durante la prima metà del mandato amministrativo. L’articolazione del Rapporto seguirà la suddivisione in tre macroaree che ha caratterizzato il programma elettorale del sindaco, successivamente approvato dal Consiglio comunale: le persone, il territorio e le risorse.
Leggi tutto...
 
Altri 5 milioni per i profughi, intanto i monzesi subiscono PDF Stampa E-mail
Giovedì 05 Marzo 2015 16:42
150305 terrorismo(Comunicato Stampa) “Apprendiamo il Governo ha stanziato 5 milioni di euro per gestire, per l’anno 2015, 580 cosiddetti profughi in Brianza. Tale somma si andrà ad aggiungere agli altri milioni già spesi nel 2014. In questo modo verrà garantito ad ogni straniero alloggio, biancheria e vestiario, igiene, pulizia e lavanderia, ricarica telefonica, mancia giornaliera e naturalmente il vitto, stando bene attenti alle abitudini alimentari, come recita il bando emesso dalla Prefettura.
Leggi tutto...
 
Regione e Autodromo: la replica del Sindaco PDF Stampa E-mail
Giovedì 05 Marzo 2015 07:08
150305 dellorto su defiscalizzazione
Mi pare che attorno alla dichiarazione di inammissibilità in Commissione sia stato sollevato un gran polverone: come dimostrano gli atti della Camera, che sono pubblici, non c'è stato nessun voto, nessun parere o espressione del Governo, nessuna bocciatura politica alla proposta di defiscalizzare la condivisione tra enti pubblici della proprietà di immobili di proprietà pubblica. C'è stato un pronunciamento di natura esclusivamente tecnica.
Leggi tutto...
 
Franceschini per Monza: fondi per Teatrino Villa Reale e Forum Unesco PDF Stampa E-mail
Giovedì 05 Marzo 2015 06:59
150304 Franceschini 6820Il sindaco di Monza e presidente del Consorzio Villa Reale e Parco di Monza, Roberto Scanagatti, ha incontrato nel pomeriggio a Roma il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini. All’incontro erano presenti il deputato brianzolo Roberto Rampi, membro della Commissione cultura della Camera e il direttore del Consorzio, Lorenzo Lamperti. Durante l’incontro il sindaco ha illustrato al ministro i tanti progetti e la stagione molto positiva che stanno vivendo Monza e tutta la Brianza: dall’apertura della Villa Reale, nel settembre scorso, che anche grazie a mostre di livello internazionale come quella dedicata a Steve McCurry e a Giorgio De Chirico, sta registrando migliaia di visitatori, al riallestimento degli Appartamenti reali, al recente completamento del lavoro di restauro degli affreschi degli Zavattari, nella cappella del Duomo di Monza che custodisce la Corona ferrea della Regina Teodolinda. E poi ancora l’inaugurazione, avvenuta nel giugno scorso, del nuovo museo della Città alla Casa degli umiliati, che ospita una ricca selezione di opere dei Musei civici, e l’apertura del museo del design di Triennale, nel Belvedere della Reggia.
Leggi tutto...
 
Brianzacque investe e apre al pubblico PDF Stampa E-mail
Martedì 03 Marzo 2015 22:37
150303 impianto depurazioneAdeguare l’impianto ai nuovi limiti di scarico imposti da Regione Lombardia entro la fine del 2016, in modo da evitare le sanzioni dell’Unione Europea. Eliminare quanto prima i miasmi prodotti nel quartiere.  Questi gli obiettivi di Brianzacque - gestore unico del servizio idrico integrato sul territorio di Monza e Brianza – illustrati oggi dall’ad Enrico Boerci alla presenza dei sindaci di Monza e Brugherio, Roberto Scanagatti e Marco Trojano, e del presidente della Provincia, Gigi Ponti, che ha presentato il piano di investimenti per l’ammodernamento della rete idrica brianzola e il nuovo progetto per la ristrutturazione del depuratore di Monza, che sarà spiegato anche ai cittadini nel corso di una visita pubblica all’impianto in programma sabato 14 marzo, dalle 10.30 alle 13.
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 Succ. > Fine >>

Pagina 71 di 83
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

“Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità”.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso). “Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità”. Cit. Goebbles  -  il ruolo delle fake news

La minoranza di coloro che leggeranno la frase la attribuirà ad un certo Joseph Goebbles. Altri la cercheranno su internet. Inoltre, navigando online, risulteranno richiami di articoli tipo quello, apparso nel 2016 sul Fatto Quotidiano: Gaffe di Farinetti: “Come diceva Goethe, a forza di ripetere una roba questa diventa vera. Ma la frase era di Goebbels!”

Ed ecco che ci troviamo, noi lettori, in un post fake! Senza saperlo. Più precisamente in un doppio fake!

Non esiste infatti una singola fonte, un singolo libro, un singolo discorso che confermi questa citazione come frase di Goebbels, eppure tutti sono convinti che sia sua.

Inoltre, al contrario, non esiste prova di nessun autore di questa massima; non era Goethe sicuramente ma neppure Goebbels. (che era un gerarca nazista, giusto per conoscenza).

Nella bibliografia di Goebbels, non c’è traccia anche se leggendo diversi siti di aforismi si trova costantemente la massima attribuitagli: dunque ognuno si convince della paternità della frase.

Peccato, fino a un certo punto, perché questo è l’esempio perfetto di come una bugia ripetuta mille volte diventi la verità.

E qui voglio arrivare! In campo politico per esempio.

La stessa bugia ripetuta mille volte diventa realtà, possiamo vederla nelle dichiarazioni dei politici del nostro Paese che dicono tutto e poi … forse anche no!. Abbiamo per esempio un partito che fa campagna elettorale parlando di vitalizi e pensioni, tagli, …forse ottimo cibo per “puri di cuore”!

Basta leggere certi giornali e media per accorgersi che sono pochissimi i giornalisti che spiegano l’inghippo, l’oltre, il prima ed il dopo. Non è interessante farlo, molto più facile riportare le dichiarazioni tali e quali e lasciare che il lettore ci si culli dentro.

Lo stesso avviene quando si parla di medicina in questi tempi di pandemia.

Siamo un Paese in cui conta più la visibilità mediatica di chi parla che le sue competenze mediche sul campo, o che si candida per dare un aiuto … “tecnicamente politico”!.

Abbiamo avuto un Ministro che citava una coppia di famosi novax, ringraziandoli per il loro impegno sul fronte medico, Sottosegretari che si contraddicevano sulla geografia, sui numeri dei decessi, sui tempi verbali, sui “cementificare rispetto al cementare amicizie” e potrei continuare…

Proprio di questi giorni una nota soubrette ops “economista” ha pontificato:” … e allora chi lo paga il PIL?!!!!!” Non rispondo perché non sono una economista, ricordo però che PIL è l’acronimo di Prodotto Interno Lordo perciò se produci … aumenta il pil!

Lascio la parola ad uno più esperto di me.

“Se tu paghi la gente che non lavora e tassi quando lavora non puoi essere sorpreso se si produce disoccupazione” Milton Friedman, premio Nobel per l’economia Brooklyn 31 luglio 1912 – San Francisco 2006. (The role of Monetary Policy, vol. 58).

Cerchiamo perciò noi giornalisti tutti il coraggio di tornare a fare informazione.

di Laura Giulia D’Orso

 

“Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità”. Cit. Goebbles  - il ruolo delle fake news

 

La minoranza di coloro che leggeranno la frase la attribuirà ad un certo Joseph Goebbles. Altri la cercheranno su internet. Inoltre, navigando online, risulteranno richiami di articoli tipo quello, apparso nel 2016 sul Fatto Quotidiano: Gaffe di Farinetti: “Come diceva Goethe, a forza di ripetere una roba questa diventa vera. Ma la frase era di Goebbels!”

Ed ecco che ci troviamo, noi lettori, in un post fake! Senza saperlo. Più precisamente in un doppio fake!

Non esiste infatti una singola fonte, un singolo libro, un singolo discorso che confermi questa citazione come frase di Goebbels, eppure tutti sono convinti che sia sua.

Inoltre, al contrario, non esiste prova di nessun autore di questa massima; non era Goethe sicuramente ma neppure Goebbels. (che era un gerarca nazista, giusto per conoscenza).

Nella bibliografia di Goebbels, non c’è traccia anche se leggendo diversi siti di aforismi si trova costantemente la massima attribuitagli: dunque ognuno si convince della paternità della frase.

Peccato, fino a un certo punto, perché questo è l’esempio perfetto di come una bugia ripetuta mille volte diventi la verità.

E qui voglio arrivare! In campo politico per esempio.

La stessa bugia ripetuta mille volte diventa realtà, possiamo vederla nelle dichiarazioni dei politici del nostro Paese che dicono tutto e poi … forse anche no!. Abbiamo per esempio un partito che fa campagna elettorale parlando di vitalizi e pensioni, tagli, …forse ottimo cibo per “puri di cuore”!

Basta leggere certi giornali e media per accorgersi che sono pochissimi i giornalisti che spiegano l’inghippo, l’oltre, il prima ed il dopo. Non è interessante farlo, molto più facile riportare le dichiarazioni tali e quali e lasciare che il lettore ci si culli dentro.

Lo stesso avviene quando si parla di medicina in questi tempi di pandemia.

Siamo un Paese in cui conta più la visibilità mediatica di chi parla che le sue competenze mediche sul campo, o che si candida per dare un aiuto … “tecnicamente politico”!.

Abbiamo avuto un Ministro che citava una coppia di famosi novax, ringraziandoli per il loro impegno sul fronte medico, Sottosegretari che si contraddicevano sulla geografia, sui numeri dei decessi, sui tempi verbali, sui “cementificare rispetto al cementare amicizie” e potrei continuare…

Proprio di questi giorni una nota soubrette ops “economista” ha pontificato:” … e allora chi lo paga il PIL?!!!!!” Non rispondo perché non sono una economista, ricordo però che PIL è l’acronimo di Prodotto Interno Lordo perciò se produci … aumenta il pil!

Lascio la parola ad uno più esperto di me.

“Se tu paghi la gente che non lavora e tassi quando lavora non puoi essere sorpreso se si produce disoccupazione” Milton Friedman, premio Nobel per l’economia Brooklyn 31 luglio 1912 – San Francisco 2006. (The role of Monetary Policy, vol. 58).

Cerchiamo perciò noi giornalisti tutti il coraggio di tornare a fare informazione.