Contenuto Principale

PROGRAMMA TEATRO MANZONI STAGIONE 2020/2021

In calendario otto spettacoli di altissima qualità con compagnie e attori di rilevanza nazionale e p...

MONZA: CERTIFICATI ANAGRAFICI IN TABACCHERIA

Dal 24 settembre 2020 i residenti monzesi possono richiedere presso 11 tabaccherie cittadine dei c...

Il Festival del Parco di Monza. Natura è Cultura

Ideato nel 2017 dall'Associazione Novaluna, il Festival del Parco di Monza è una manifestazione arti...

RISTORAZIONE SCOLASTICA: DAL 13 OTTOBRE AL VIA IL NUOVO MENÙ Partirà il prossimo martedì 13 ottobre

Partirà il prossimo martedì 13 ottobre il nuovo menù nelle mense scolastiche della città che prepara...

IL GRANDE IMPEGNO DEI SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE DURANTE L’EMERGENZA

 La situazione emergenziale determinata dall’epidemia di “coronavirus” ha messo a dura prova il Co...

  • PROGRAMMA TEATRO MANZONI STAGIONE 2020/2021

    Martedì 10 Marzo 2020 10:57
  • MONZA: CERTIFICATI ANAGRAFICI IN TABACCHERIA

    Lunedì 16 Marzo 2020 07:20
  • Il Festival del Parco di Monza. Natura è Cultura

    Sabato 04 Aprile 2020 07:02
  • RISTORAZIONE SCOLASTICA: DAL 13 OTTOBRE AL VIA IL NUOVO MENÙ Partirà il prossimo martedì 13 ottobre

    Martedì 07 Aprile 2020 08:12
  • IL GRANDE IMPEGNO DEI SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE DURANTE L’EMERGENZA

    Martedì 14 Aprile 2020 13:11

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

MonzaOggi
Ultimi aggiornamenti da Regione Lombardia con proposta unanime PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Martedì 20 Ottobre 2020 09:52

La proposta unanime con decorrenza dal 22 ottobre in Lombardia che precede altre regioni. Prevenzione è meglio considerando che i dati giornalieri fanno data da 15 giorni precedenti all'uscita in qunato risultano sempre retroattivi.

Stop di tutte le attività e degli spostamenti, ad esclusione dei casi ‘eccezionali’ (motivi di salute, lavoro e comprovata necessità), nell’intera Lombardia dalle ore 23 alle 5 del mattino. A partire da giovedì 22 ottobre.

È la proposta che, all’unanimità, i sindaci di tutti i Comuni capoluogo della Lombardia, il presidente dell’Anci, Mauro Guerra, i capigruppo di maggioranza e di opposizione e il governatore Attilio Fontana, preso atto di quanto rappresentato dal Comitato Tecnico Scientifico lombardo, chiederanno di condividere al Governo, nella persona del ministro della Salute, Roberto Speranza, per fronteggiare la diffusione del coronavirus.

Una proposta che nasce dalla rapida evoluzione della curva epidemiologica e dalla previsione della ‘Commissione indicatori’ istituita dalla DG Welfare. Secondo cui, al 31 ottobre, potrebbero esserci circa 600 ricoverati in terapia intensiva. E fino a 4.000 in terapia non intensiva.

Chiusura media e grande distribuzione non alimentare

Inoltre, nella riunione tenutasi lunedì 19 ottobre, oltre a condividere la richiesta di stop ad attività e spostamenti, tutte le parti intervenute hanno condiviso l’opportunità della chiusura, nelle giornate di sabato e domenica, della media e grande distribuzione commerciale. Tranne che per gli esercizi di generi alimentari e di prima necessità.

Al momento negli Ospedali lombardi non esistono criticità. Gia predisposte per evenntuali aumenti malati reparti Covid di degenza, sub intensiva eterapia intensiva. 

 
Seveso: sospeso cautelativamente un servizio di trasporto scolastico PDF Stampa E-mail
Martedì 20 Ottobre 2020 08:11
L’Amministrazione Comunale di Seveso sospende cautelativamente il servizio di trasporto scolastico limitatamente al pullman numero 3 che effettua servizio per e da la scuola secondaria di primo grado Leonardo da Vinci.
 
Il provvedimento è stato adottato a seguito del riscontro di una positività al virus Covid-19 di una alunna che utilizza questo pullman.
In attesa delle decisioni che prenderà l’Agenzia di Tutela della Salute della Brianza, e in condivisione con la Dirigenza Scolastica dell’Istituto Comprensivo Via De Gasperi, è stato suggerito ai genitori degli alunni che utilizzano il suddetto pullman di evitare agli stessi la frequenza scolastica in presenza almeno fino a comunicazione ufficiale in merito da parte, appunto, dell’ATS Brianza.
 
DAL 16 NOVEMBRE CAMPAGNA VACCINALE 2020 PDF Stampa E-mail
Lunedì 19 Ottobre 2020 11:23

Si svolgerà in città dal 16 novembre al 6 dicembre la campagna vaccinale antinfluenzale programmata da Regione Lombardia.

E’ di competenza dei medici curanti la predisposizione degli elenchi dei vaccinandi e l’organizzazione degli appuntamenti per i propri pazienti. Il Comune, rispondendo alla richiesta di collaborazione pervenuta da parte di ATS, ha messo a disposizione alcuni luoghi pubblici per consentire ai Medici di Medicina Generale di disporre di spazi adeguati per vaccinare in sicurezza e in tempi rapidi quanti rientrano nelle fasce di popolazione individuate da Regione Lombardia.

Su 74 medici presenti in città 35 sono risusciti ad organizzare l’attività in sicurezza nei propri ambulatori.

La restante parte ha chiesto al Comune spazi diversi per assicurare il servizio: “Nella scelta dei luoghi abbiamo privilegiato criteri di capillarità e prossimità – spiegano il Sindaco Dario Allevi e l’Assessore alle Politiche Sociali Desirée Merlini – per facilitare il più possibile le operazioni e garantire piena sicurezza ai pazienti e agli operatori”.

I luoghi individuati dal Comune sono:

Ospedale San Gerardo (vecchio), via Solferino 16 da lunedì a sabato

Casa del Volontariato, via Correggio 59 da lunedì a sabato

Cinema Metropol, via Cavallotti 154 da lunedì a domenica

Centro Anziani Corona Ferrea, via Procaccini 15 da lunedì a sabato

Centro Anziani Auser Casati, Via Aquileia 2 da lunedì a sabato

Farmasalus, via M. D’Agrate 26 da lunedì a sabato

Si stima così che nel giro di tre settimane possano essere somministrate circa 11.700 dosi vaccinali negli spazi pubblici individuati.

L’Amministrazione Comunale - in collaborazione con Croce Rossa, Gruppo Comunale di Protezione Civile, Auser, volontari del Centro Anziani Corona Ferrea ed altre associazioni di volontariato - garantisce l’apertura e la chiusura dei luoghi e ne cura l’allestimento. Assicura, inoltre, la sanificazione al termine delle attività e un adeguato numero di volontari per regolamentare i flussi di ingresso e di uscita nel rispetto delle prescrizioni AntiCovid in vigore.

 
Nuovo Dpcm, chiusure di vie e piazze. Dall’annuncio del dcpm al cambio a mezzanotte PDF Stampa E-mail
Lunedì 19 Ottobre 2020 11:19

Saranno i sindaci a dover decidere quali strade e piazze dovranno essere chiuse, ma anche prefetto e presidenti di Regione, dopo la modifica del testo del Dpcm avvenuta nella notte. In alcuni Comuni i sindaci stanno già stilando l’elenco delle zone ritenute a rischio e poi concorderanno con il prefetto - che dovrà disporre i presidi delle forze dell’ordine - la chiusura. Un compromesso arrivato al termine di una trattativa andata avanti per oltre sei ore ed è stata risolta alle 12,40 quando palazzo Chigi ha diffuso il testo definitivo.

Modificato rispetto a quello inviato alle Regioni e al Cts. Al centro della disputa il potere di chiudere piazze e strade per impedire gli assembramenti che ha provocato l’ira del presidente dell’Anci Antonio Decaro, determinato a fermare quello che ha definito «uno scaricabarile».

La prima bozza

Alle 19,30 del 18 ottobre viene inviato il testo alle Regioni per la condivisione delle norme. È scritto che «i sindaci dispongono la chiusura al pubblico, dopo le ore 21,00, di vie o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento, fatta salva la possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private». Decaro chiama il ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia, chiede di cambiarla. Ricorda che nessuno li ha consultati. Parla anche con il ministro della Salute Roberto Speranza. La questione sembra risolta.

La conferenza stampa

Si capisce che non è andato come previsto quando alle 21,30 quando Conte parla in tv e sui canali social ribadendo che «i sindaci hanno il poter di chiudere strade e piazze». L’Associazione Sindaci d’Italia tra cui Decaro tweettano la loro contrairetà, chiedono che la norma sia modificata. Quando la conferenza stampa finisce Conte e Decaro si parlano. Il presidente del Consiglio chiarisce che è stato il Partito Democratico a suggerire la norma, il ministro Dario Franceschini in particolare. Decaro chiarisce che nessuno degli oltre 4.000 sindaci Pd è mai stato consultato. Conte assicura che sarà cambiata.

Ultima stesura e pubblicazione

Due minuti dopo la mezzanotte Palazzo Chigi diffonde il testo definitivo ma risulta uguale alla lettura delle 21.30. Arriva una nota urgente che chiede di annullare la pubblicazione e attendere perché «c’è stato un errore». Alle 12,40 di oggi viene diramato il testo definitivo: «Delle strade o piazze nei centri urbani dove si possono creare situazioni di assembramento può essere disposta la chiusura al pubblico, dopo le ore 21,00, fatta salva la possibilità di accesso deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private».

 
 
 

Saranno i sindaci a dover decidere quali strade e piazze dovranno essere chiuse, ma anche prefetto e presidenti di Regione, dopo la modifica del testo del Dpcm avvenuta nella notte. In alcuni Comuni i sindaci stanno già stilando l’elenco delle zone ritenute a rischio e poi concorderanno con il prefetto - che dovrà disporre i presidi delle forze dell’ordine - la chiusura. Un compromesso arrivato al termine di una trattativa andata avanti per oltre sei ore ed è stata risolta alle 12,40 quando palazzo Chigi ha diffuso il testo definitivo. E modificato rispetto a quello inviato alle Regioni e al Cts. Al centro della disputa il potere di chiudere piazze e strade per impedire gli assembramenti che ha provocato l’ira del presidente dell’Anci Antonio Decaro, determinato a fermare quello che ha definito «uno scaricabarile».

La prima bozza

Alle 19,30 del 18 ottobre viene inviato il testo alle Regioni per la condivisione delle norme. È scritto che «i sindaci dispongono la chiusura al pubblico, dopo le ore 21,00, di vie o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento, fatta salva la possibilità di accesso e deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private». Decaro chiama il ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia, chiede di cambiarla. Ricorda che nessuno li ha consultati. Parla anche con il ministro della Salute Roberto Speranza. La questione sembra risolta.

Leggi anche:

  • Il nuovo Dpcm in vigore da lunedì 19: ecco cosa prevede

  • Nuovo Dpcm, lite furibonda Speranza-Spadafora. E quella parola vietata: coprifuoco

  • Movida, la rivolta die comuni conto il Dpcm

La conferenza stampa

Si capisce che nulla è deciso alle 21,30 quando Conte parla in tv e sui canali social ribadendo che «i sindaci hanno il poter di chiudere strade e piazze». Decaro scrive anche a lui, chiede che la norma sia modificata. Quando la conferenza stampa finisce Conte e Decaro si parlano. Il presidente del Consiglio chiarisce che è stato il Partito Democratico a suggerire la norma, il ministro Dario Franceschini in particolare. Decaro chiarisce che nessuno degli oltre 4.000 sindaci Pd è mai stato consultato. Conte assicura che sarà cambiata.

Ultima bozza

Due minuti dopo la mezzanotte Palazzo Chigi diffonde il testo definitivo. È uguale alla prima bozza. Arriva una nota urgente che chiede di annullare la pubblicazione e attendere perché «c’è stato un errore». Alle 12,40 viene diramato il testo definitivo: «Delle strade o piazze nei centri urbani dove si possono creare situazioni di assembramento può essere disposta la chiusura al pubblico, dopo le ore 21,00, fatta salva la possibilità di accesso deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private».

 
Ultimi aggiornamenti Covid 14 Ottobre 2020 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Giovedì 15 Ottobre 2020 10:36

La Prefettura di Monza e della Brianza ha aggiornato il vari sindaci della Provincia di Monza e Brianza. in data 13 ottobre nell’intera provincia, che conta 878.267 abitanti, ci sono + 176 casi. Quindi 7443 che rispetto al numero di abitanti è lo 0,85%.

A Monza Città + 22 casi nuovi registrati rispetto a 13 ottobre.

All’Ospedale di Monza, nuovamente trasformato in centro Covid seguendo scrupolosamente tutti i protocolli necessari gli ospedalizzati sono 55, 7 sono in terapia sub intensiva e 6 in terapia intensiva ma non si riscontrano carenze organiche né saturazione dei reparti né delle terapie intensive, nessun decesso. Il direttore Generale Mario Alparone conferma che l’Ospedale San Gerardo fa parte dei 10 hub (a marzo erano 17) predisposti alle cure dei casi più complessi.

L’Ospedale di Vimercate informa che + 53 persone sono sottoposte a sorveglianza, 9 cittadini ricoverati, nessun decesso. A casa in isolamento 267

All’Ospedale di Desio 6 pazienti risultano ricoverati in terapia sub intensiva. Nella cittadina i contagi assistiti a domicilio sono 393.

A Carate Brianza i numeri i contagiati sono 204

A Concorezzo una Rsa risulta con 46 ospiti positivi e risultano 6 decessi di pazienti anziani trovati anche positivi al Covid.

Il Sindaco di Seveso, Luca Allievi, riguardo al numero delle persone contagiate da virus Covid-19 residenti nel Comune. Il bollettino riporta ora + 25 nominativi, +18 sono attualmente assistiti a domicilio, nessun decesso e 87 sono guariti.

La riapertura delle scuole sta incidendo in maniera sensibile alla ricrescita dei contagi. Dopo le due classi della scuola primaria Enrico Toti di Baruccana, lo scorso fine settimana l’Agenzia di Tutela della Salute della Brianza ha posto in isolamento domiciliare (quarantena) una classe della scuola secondaria di primo grado Leonardo da Vinci fino al 16 ottobre 2020 e una classe della sede coordinata di Seveso dell’istituto professionale Luciano Milani fino al 19 ottobre 2020, a seguito del riscontro di una positività al virus Covid-19 per classe.

A Limbiate 271, a Giussano 221, a Seregno 342, a Cesano Maderno 303, a Brugherio 342. Tutti in isolamento domiciliare.

 

 
Teamservicecar HRC Monza - C.P. Grosseto: modalità d'ingresso al Palasport di Biassono PDF Stampa E-mail
Mercoledì 14 Ottobre 2020 20:28
A seguito di quanto disposto dal recente DPCM, il Teamservicecar HRC Monza comunica che per la gara di sabato 17 ottobre alle 20.45 contro il C.P. Grosseto e per le successive partite - e fino a nuove disposizioni - potranno accedere al Palasport di Biassono un massimo di 130 spettatori.
 
Per gli eventi legati alla Serie A1 non ci saranno biglietti disponibili e potranno fare il loro ingresso solamente i possessori delle tessere Sosteniamo HRC Monza, che dovranno essere presentate all'ingresso prima di ogni incontro casalingo.
 
Le tessere saranno acquistabili presso il palazzetto di Biassono il mercoledì e il giovedì dalle 20.00 alle 21.30 e al botteghino nella giornata di gara, a partire dalle ore 19.45.
Le card non vengono considerate come "abbonamenti" alla stagione sportiva 2020/21, ma sono bensì una mera forma di sostegno per il Club. Pertanto, chi lo desiderasse, con una sola tessera (che sia indistintamente Gold da € 200, Silver da € 100 oppure Bronze  € 50) potrà richiedere un ulteriore ingresso per una persona, inviandone i dati all'email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
 
Sarà possibile prenotare il proprio posto fino alle ore 12.00 di sabato fino ad esaurimento del numero di ingressi, dopo di che, per una mera questione numerica, avrà diritto ad entrare solo un utilizzatore della card Sosteniamo HRC Monza.
 
Per gli accrediti, si invitano i giornalisti iscritti all'ordine e gli addetti stampa non in lista H2 Cov oltre agli aventi diritto federali, a richiederne l'emissione nel più breve tempo possibile, scrivendo sempre a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .
Si comunica infine che per motivi di sicurezza, le gare di ogni altra categoria (Serie B, Under 19, 17, 15, 13, 11, minihockey) saranno sempre svolte a porte chiuse, ad eccezione del personale minimo indispensabile, che dovrà essere appositamente registrato. 
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 89
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

I Lombardi

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D'Orso)

In Lombardia fin da piccolo impari che:

“Non ce la faccio – non si può dire.

“Non ci riesco – non esiste.

“Sono stanco” … non è mai abbastanza!

Ecco come sono i Lombardi nel bene o nel male a seconda di come

li vuoi guardare!

Testa bassa e lavorare.

I Lombardi, quelli veri, chiamati per scherzo Polentoni, sì, perché era la

polenta che si mangiava in tempi di difficoltà. Ma offendersi, mai.

Sì, perché la polenta è ruvida e dura fuori, con quella crosticina che si forma

quando si raffredda ma dentro dolce ed avvolgente.

I Lombardi sono così: dentro sono buoni, con il cuore tenero, fieri delle cose

rassicuranti: acqua sale e farina gialla.

I Lombardi ci sono.                                                                                                                                                                                

Sempre.

Silenziosi ma presenti, su loro puoi contare, sempre.

Molti non li sopportano, lo si percepisce, ma se te ne innamori … beh allora

sei spacciato perché sarà per sempre.

Piange la Lombardia, in silenzio e con orgoglio.

Lo fa senza rumore per non disturbare, con toni semplici e concreti.

Tenendo gli occhi bassi e la testa piena di mille pensieri, cercando soluzioni.

Passano le ambulanze con le sirene accese e i lombardi sentono e continuano.

Se la Lombardia si potesse abbracciare lo farei adesso, forte.

Non mollare, non lo hai mai fatto.

Ricordi? Non si può dire “non ce la faccio”

“non riesco” qui non esiste”

“sono stanca! non è mai abbastanza, ancora un po’”!

Una regione non si misura dalla sua lunghezza e larghezza ma dall’ampiezza

delle sue visioni e se decidi di sceglierla come “casa” devi sapere che

devi essere all’altezza dei suoi sogni!

 

“Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità”.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso). “Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità”. Cit. Goebbles  -  il ruolo delle fake news

La minoranza di coloro che leggeranno la frase la attribuirà ad un certo Joseph Goebbles. Altri la cercheranno su internet. Inoltre, navigando online, risulteranno richiami di articoli tipo quello, apparso nel 2016 sul Fatto Quotidiano: Gaffe di Farinetti: “Come diceva Goethe, a forza di ripetere una roba questa diventa vera. Ma la frase era di Goebbels!”

Leggi tutto...