Contenuto Principale

Lamento

(Paolo Mariani) Il Comitato Olimpico Internazionale di Losanna sta valutando attentamente di istitui...

Sgombero ex casa delle aste in viale Cesare Battisti

Venerdì 1 marzo intorno alle ore 7.30, è stato effettuato un nuovo sgombero nella ex casa delle aste...

potenziamento del servizio di trasporto pubblico a Monza

  E' questa la principale novità per Monza introdotta dal Programma di Bacino del Trasporto Pubblic...

L’omaggio di Monza al grande Rossini

Il 2018 è stato dichiarato “Anno Rossiniano” nel 150esimo anniversario della morte del gra...

Elezione del Parlamento Europeo fissata per il 26 maggio 2019

In occasione della prossima Elezione del Parlamento Europeo fissata per il 26 maggio 2019, anche i...

  • Lamento

    Giovedì 10 Gennaio 2013 21:01
  • Sgombero ex casa delle aste in viale Cesare Battisti

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • potenziamento del servizio di trasporto pubblico a Monza

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • L’omaggio di Monza al grande Rossini

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • Elezione del Parlamento Europeo fissata per il 26 maggio 2019

    Martedì 19 Settembre 2017 06:09

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

MonzaOggi
Tutto pronto per la 58a Monza – Resegone PDF Stampa E-mail
Mercoledì 20 Giugno 2018 13:01
Si avvicina l’edizione numero 58 della Monza - Resegone, la maratona podistica che unisce le provincie di Monza e della Brianza e Lecco. Come già annunciato si sfideranno fino all’arrivo in Capanna Monza sul Monte Resegone 280 squadre di cui: 14 femminili, 19 miste composte da due donne e un uomo, 73 terne con due uomini e una donna e 174 team tutti al maschile, per un totale di 840 atleti.
 
Leggi tutto...
 
Calcio e Beneficenza. Torneo EDOniamosperanza Onlus, grande soddisfazione per Mattia Mauri. PDF Stampa E-mail
Domenica 17 Giugno 2018 11:47
 
 
pppGrande tifo e numerose squadre partecipanti per il torneo organizzato dall’Associazione Onlus EDOniamosperanza. La manifestazione ha riscontrato un successo importante: dieci le compagini che si sono affrontate nel centro sportivo di Vedano al Lambro, allo Sport Park. Torneo di calcio a cinque, suddiviso in due gironi, i primi due di ogni gironi hanno partecipato alle semifinali e le finaliste si sono incontrate in tarda serata. Per la cronaca hanno vinto i “turchesi”, ma l’importante, ovviamente, era partecipare non vincere. Poi, come nel mondo del “rugby che conta”, il terzo tempo, anche se un po’ acciaccati è stato sugellato da pizze per tutti! edoEDOniamosperanza sgorga dal cuore di mamma Maria, di suo papà Mario e di suo fratello Mattia ben prima del 12 ottobre 2013, giorno in cui viene ufficialmente fondata. Nasce il 5 dicembre 2012, quando Edo, dopo tre duri mesi, li lascia. Genesi di questa Associazione sta in quanto accaduto ad Edo, il fratellino di Mattia.
Leggi tutto...
 
Lombardia: oltre 64 milioni per le cure degli stranieri non in regola PDF Stampa E-mail
Venerdì 15 Giugno 2018 15:52
"Altro che 35 euro al giorno. Il costo allo Stato di ogni richiedente asilo è ben più salato. E a dirlo è la Corte dei Conti, che ha messo in luce tutte le criticità del fenomeno dell'accoglienza, calcolando che in media, tra il 2008 e il 2016, per la protezione di ogni immigrato sono stati spesi 203,95 euro al giorno. 
 
Leggi tutto...
 
MEMORIAL VINCENZO LAPOMARDA – Triangolare Esordienti classe 2006 PDF Stampa E-mail
Domenica 10 Giugno 2018 14:24
 
staffIeri pomeriggio, 9 giugno 2018, sotto un solleone che ha alzato l’asticella della temperatura a 32 gradi, ha preso il via la prima edizione del torneo giovanile “Memorial Vincenzo Lapomarda”. Dopo i saluti del presidente del Ges. Francesco Vincelli e dell’avvocato Gianpiero Lapomarda, il figlio di Vincenzo che ha fortemente voluto l’organizzazione del torneo, è stato dato il calcio d’inizio. Tre le squadre monzesi che hanno visto in campi piccoli talenti accompagnati da un tifo degno delle migliori occasioni, e tre sono le squadre che nel corso degli anni passati hanno visto la figura di Vincenzo come punto di riferimento per giovanissimi. Monzese da adozione Vincenzo Lapomarda era passato dai tornei serali, alle giovanili dell’allora Calcio Monza con compagni di squadra come CastelNicolò Narducci miglio portierelini, Traspedini, Blangero, Ciceri, e altre bandiere biancorosse dei quali si sente ancora parlare in qualche bar monzese tra un partita di scopa e l’altra. Una lieve parentesi al Palermo e successivamente al Corleone per poi tornare in città e trovarsi davanti la possibilità di continuare la carriera con la Pro Sesto.
Erano anni in cui i giovanissimi non avevano tante possibilità e le famiglie non riuscivano a regalare a questi gli agi che invece oggi spremiazono quasi scontati: la necessità di aggregarsi fisicamente e non come adesso rimanere asettici dietro ad un telefonino o ad un computer era la spinta a continuare nel sociale. C’erano due possibilità per i ragazzi:
Leggi tutto...
 
Bonus Mobili ancora una prologa PDF Stampa E-mail
Lunedì 11 Giugno 2018 08:27
 
La legge di bilancio 2018 ha prorogato ancora una volta il bonus per l’acquisto dei mobili e dei grandi elettrodomestici. La principale novità è data dal fatto che per i beni acquistati nel 2018, il contribuente potrà beneficiare dell’agevolazione solo se ha anche effettuato a partire dal 1° gennaio 2017 un intervento di ristrutturazione edilizia. Le principali trappole da evitare Chi beneficia dell’agevolazione in esame deve evitare alcune trappole che possono mettere a repentaglio la spettanza della detrazione. Analizziamo le principali. Il fattore tempo La legge di bilancio 2018 ha subordinato la spettanza del bonus mobili alla circostanza che il contribuente abbia anche dato inizio a lavori relativi a interventi di recupero del patrimonio edilizio a partire dal 1° gennaio 2017.
Si ricorda che gli acquisti dei mobili e dei grandi elettrodomestici effettuati nel corso 2017 permettono al contribuente di accedere alla detrazione soltanto se l’intervento per il recupero del patrimonio edilizio è iniziato dal 1° gennaio 2016. L’ecobonus non dà diritto al bonus mobili L’agevolazione introdotta dal D.L. n. 63/2013, cosiddetto bonus mobili ed elettrodomestici, è strettamente correlato a quello per i lavori di recupero del patrimonio edilizio. In altre parole, va ricordato che gli interventi riguardanti le opere per il risparmio energetico non comportano il diritto a usufruire del bonus mobili. Un diverso trattamento deve essere riservato a chi effettua l’acquisto delle caldaie. Infatti, la sostituzione della caldaia rientra tra gli interventi di “manutenzione straordinaria” anche se, ricorda l’Agenzia delle entrate, è comunque necessario che per tale acquisto si possa dimostrare che vi sia stato un risparmio energetico rispetto alla situazione preesistente. 2 Attenzione anche al box auto Il diritto a beneficiare del bonus mobili è altresì precluso a chi acquista o costruisce il box auto pertinenziale. L’Agenzia delle entrate, infatti, ha più volte ricordato che «Tra gli interventi di recupero del patrimonio edilizio che permettono di avere la detrazione per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici non sono compresi quelli per la realizzazione di box o posti auto pertinenziali rispetto all’abitazione principale».
Leggi tutto...
 
I candidati Mariani e Roncalli si presentano PDF Stampa E-mail
Lunedì 19 Febbraio 2018 07:12
20180217 125047 CopiaLo scorso Sabato 17 febbraio, in una vivace e gremita sala convegni dell’istituto Artigianelli a Monza - si sono contate oltre 150 persone - Marco Mariani ed Elisabetta Roncalli si sono presentati quali candidati al Consiglio di Regione Lombardia, illustrando idee e proposte per i settori cui si legano le loro professionalità e la loro esperienza.
Autonomia, sicurezza, rispetto per il territorio, residuo fiscale sono i temi guida della campagna elettorale condivisi dai due candidati.
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 6 di 61
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Noi che .... anche senza treccine

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D'Orso). Noi che non avevamo smartphone, tablet e connessioni per riprenderci in corteo e farci selfie ma quando dovevamo comunicare usavano il telefono di quel “toscanaccio” di Antonio Meucci.

Noi che, se non eravamo figli unici, ci “passavamo” i vestiti, i cappotti, e … le scarpe si facevano risuolare. (E’ nato così l’abbigliamento unisex!!!)

Noi che avevamo un solo paio di scarpe da ginnastica (si badi bene…. ginnastica e non sneaker) e che venivano usate prettamente a scuola in palestra).

Noi che conoscevamo a memoria la toponomastica della nostra città, ma non solo, anche quella del capoluogo più vicino perché, gambe in spalla, ce le siamo percorse tutte a piedi, sviluppando orientamento ed istinto, senza bisogno del navigatore (al limite c’era “tuttocittà”).

Noi che avevamo un solo cappotto pesante, uno leggero e quando aprivamo l’armadio per scegliere un vestito per qualche occasione non esclamavamo mai che non avevamo nulla da indossare quando i capi trabordavano dalle ante chiuse a forza.

Noi che non ci facevamo investire in città o chiamare dai genitori cento volte per la cena perché non avevamo gli auricolari nelle orecchie a tutto volume.

Noi che avevamo uno o due televisori al massimo ma non pagavamo immense cifre per lo streaming, per i canali via satellite, per gli abbonamenti al calcio, ai film, alle serie tv e sentivamo 90’ minuto la domenica e andavamo al cinema solo nelle ricorrenze, per non creare polveri sottili che poi avremmo inalato!

Noi che abbiamo sempre mangiato a chilometro 0, pane con burro, nutella o salame e non facevamo venire dall’altro emisfero con gli aerei (vedi scie chimiche!!!) come i “radical chic” il Guacamolo, i Burrito, il Kebab, il Pisco, i Donats.

Noi che per comprare qualsiasi cosa entravamo in un negozio e se ci andava bene e ci piaceva lo compravamo, non usavamo e-commerce e non avevamo bisogno di fare arrivare qualcosa ordinandolo on-line da distanze siderali per poi rispedirlo indietro perché non era la misura giusta o non era quello che ci eravamo immaginati.

Noi che a scuola si studiava geografia astronomica e sapevamo che le era glaciali erano state almeno 5 (vd. Charpentier e Warren) e che nel Protozoico c’erano state variazioni dell’orbita terrestre che avevano mutato il clima surriscaldandolo. (non mi risulta ci fossero già in circolazione automobili o caldaie o fabbriche o plastica)

Noi che fino a quando non abbiamo messo “su famiglia” non avevamo problemi di comprare auto diesel euro 6, benzina rossa, verde o gpl ma usavamo i mezzi pubblici intrisi d’inverno di quel bel “bagnato” che trasudava da alito e sudore a piccole gocce sui finestrini appannati.

Noi che vogliamo tutti un mondo migliore ma che non ci facciamo strumentalizzare!

p.s. Firma anche tu la petizione: non volere più le cannucce quando ordini un cocktail al bar, bevi dal bicchiere!

 

Nomen Omen - Sanremo 2019

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Non ne faccio sicuramente una questione di italiano o non italiano, il pezzo di Mahmood poteva cantarlo anche un fiorentino con l'accento toscano incallito, o romano “de” Trastevere, solo che il motivo che ha vinto questa edizione del festival è di una bruttezza assoluta. Questo è il mio parere da “giornalista”, ma visto che il parere della Stampa e della Giuria tecnica (decisamente poco competente per quel compito), vale un …. sacco (anche se non si è capito quanto), allora mi permetto di giudicare. Se si pensa che adesso rappresenterà l’Italia all’Eurofestival, beh gli faccio proprio gli in bocca al lupo.
Ultimo è piaciuto al pubblico, questo è un dato di fatto! Visto che Dandini, Bastianch & company al limite si limiteranno a comprare un cd, vedo più commercializzabile il pezzo del ragazzo romano che ….. scusate tanto non è proprio l’ultimo dei “barlafüs” e accettate il mio lombardismo.
Nato a Roma ha seguito tutto il percorso di studi al Conservatorio Santa Cecilia, fondata nel 1556, incentrato sullo studio del pianoforte e poi della composizione, inizia a scrivere e comporre canzoni già all'età di quattordici anni. Il Conservatorio di Musica “Santa Cecilia” di Roma, conosciuto in tutto il mondo accademico musicale, opera in ambito nazionale ed internazionale, svolge un’opera attenta, seria, e professionale nello sviluppo dei talenti sul territorio, realizza attività di formazione.
Il tempo è un ottimo misuratore di torti e ragioni. Basta aspettare. Diceva già tempo addietro Mark Twain: «se votare facesse qualche differenza non ce lo lascerebbero fare».