Contenuto Principale

PROGRAMMA TEATRO MANZONI STAGIONE 2020/2021

In calendario otto spettacoli di altissima qualità con compagnie e attori di rilevanza nazionale e p...

MONZA: CERTIFICATI ANAGRAFICI IN TABACCHERIA

Dal 24 settembre 2020 i residenti monzesi possono richiedere presso 11 tabaccherie cittadine dei c...

Il Festival del Parco di Monza. Natura è Cultura

Ideato nel 2017 dall'Associazione Novaluna, il Festival del Parco di Monza è una manifestazione arti...

RISTORAZIONE SCOLASTICA: DAL 13 OTTOBRE AL VIA IL NUOVO MENÙ Partirà il prossimo martedì 13 ottobre

Partirà il prossimo martedì 13 ottobre il nuovo menù nelle mense scolastiche della città che prepara...

IL GRANDE IMPEGNO DEI SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE DURANTE L’EMERGENZA

 La situazione emergenziale determinata dall’epidemia di “coronavirus” ha messo a dura prova il Co...

  • PROGRAMMA TEATRO MANZONI STAGIONE 2020/2021

    Martedì 10 Marzo 2020 10:57
  • MONZA: CERTIFICATI ANAGRAFICI IN TABACCHERIA

    Lunedì 16 Marzo 2020 07:20
  • Il Festival del Parco di Monza. Natura è Cultura

    Sabato 04 Aprile 2020 07:02
  • RISTORAZIONE SCOLASTICA: DAL 13 OTTOBRE AL VIA IL NUOVO MENÙ Partirà il prossimo martedì 13 ottobre

    Martedì 07 Aprile 2020 08:12
  • IL GRANDE IMPEGNO DEI SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE DURANTE L’EMERGENZA

    Martedì 14 Aprile 2020 13:11

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

MonzaOggi
Comunicazione del Sindaco Dario Allevi PDF Stampa E-mail
Lunedì 15 Marzo 2021 10:04

comune monzaA partire da lunedì 15 marzo, in concomitanza con l’istituzione della «zona rossa» in Lombardia per il contenimento del Covid, l’Amministrazione Comunale revoca in città la regolamentazione dei posti auto a disco orario inclusi gli stalli destinati al carico/scarico merci e la sosta a pagamento nelle strisce blu.

È sospeso, inoltre, il divieto di sosta per lavaggio strade e consentito il parcheggio senza limitazioni.

Tali provvedimenti resteranno in vigore fino alla permanenza della Regione Lombardia in «zona rossa».

Il Sindaco Dario Allevi, insieme all’Assessore alla Mobilità Federico Arena, hanno confermato il «pass temporaneo» per la ZTL riservato agli esercizi commerciali e ai ristoranti che possono richiedere un permesso per le consegne a domicilio nella Zona a Traffico Limitato.

Per ottenere il permesso i titolari delle attività commerciali che devono effettuare consegne ai clienti residenti in centro devono semplicemente inviare a «Monza Mobilità» una email all’indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. allegando un documento di identità, la copia della carta circolazione del mezzo utilizzato e la visura camerale.

Per ulteriori informazioni: tel. 039/209841 – dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 16.30

Ricordiamo che nel passaggio dalla «zona arancione rafforzata» a quella «rossa» le disposizioni governative comprendono anche la chiusura:

di tutte le scuole di ogni ordine e grado, compresi i nidi e i micronidi

dei negozi e dei mercati, ad eccezione di quelli di generi alimentari e di prima necessità.

Inoltre è vietato ogni spostamento anche all’interno del proprio Comune, se non per comprovati motivi di necessità, salute e lavoro e con modulo di autocertificazione.

qui di seguito l'ordinanza n.42

Settore Strade, Viabilità, Infrastrutture e Project Financing (comune.monza.it)

 
SP6 Monza-Carate: ULTIME OPERE DI ASFALTATURA PDF Stampa E-mail
Giovedì 11 Marzo 2021 11:42

Entro pochi giorni sarà completata la prevista fase di asfaltatura lungo i 357 m della galleria, con la stesa del conglomerato bituminoso e del Binder su entrambe le corsie del Tunnel che collegherà la SP6 Monza-Carate con l’Ospedale di Monza.

Gli operai lavorano al coperto da settimane per ultimare i passaggi propedeutici alla posa del successivo tappetino di usura che completerà il pacchetto stradale entro fine marzo, meteo permettendo.

Il rifacimento dell’asfaltatura sulle rampe di accesso e uscita dal tunnel, già aperte al traffico in prossimità di Via Nobel tra Monza e Lissone, sarà eseguito in fase cronologica successiva.

Il Presidente della Provincia MB Luca Santambrogio con il consigliere delegato Fabio Meroni hanno effettuato un sopralluogo nel cantiere per verificare l’andamento dei lavori, sempre più prossimi al traguardo.

"Questo cantiere ha subito tanti stop and go lo sappiamo bene, per questo stiamo facendo il possibile per portare al termine i lavori e consegnare l’opera al territorio. Ci stanno scrivendo molti cittadini preoccupati e vogliamo rassicurarli: il cantiere avanza e gli operai sono al lavoro all’interno della galleria per finire la posa dell’asfalto.

Per quanto riguarda la convivenza del tunnel con il quartiere circostante stiamo incontrando i Comuni di Lissone e Monza per studiare la messa in sicurezza degli attraversamenti pedonali, valutando soluzioni di mobilità dolce.”. – spiegano il Presidente Santambrogio e il Consigliere Meroni.

L’apertura del tunnel rende necessario mettere in sicurezza il collegamento tra la via della Birona, nel Comune di Monza, e la via Zanella, nel Comune di Lissone.

Leggi tutto...
 
SERVIZI ONLINE COMUNE DI MONZA PDF Stampa E-mail
Giovedì 11 Marzo 2021 11:31

Con i Servizi Online del Comune di Monza puoi richiedere servizi, fare pagamenti e tante altre operazioni, comodamente da casa o dall'ufficio, risparmiando tempo e code.

Per usufruire dei servizi online è necessario cliccare su Accedi sul Portale del Comune di Monza e scegliere una fra le seguenti modalità:

Carta Regionale dei Servizi (CRS)*

SPID

Username e password**

* Per accedere con la Carta Regionale dei Servizi (CRS) (solo per certificati online) occorrono il relativo PIN e il lettore di smart card collegato al proprio pc. Guarda come fare

I cittadini residenti a Monza possono ottenere il PIN della Carta Regionale dei Servizi (CRS) direttamente presso lo Sportello al Cittadino che rilascia il PIN della CRS solo su appuntamento il martedi e giovedi. Per fissare un appuntamento telefonare al numero 039.2374363.

** ATTENZIONE: dal 26 febbraio 2021 non vengono più rilasciate nuove credenziali di tipo Username e password. Quelle rilasciate fino a tale data resteranno attive fino al 30 settembre 2021.

 
Lombardia raggiunto accordo: Vaccini anche nelle aziende. PDF Stampa E-mail
Giovedì 11 Marzo 2021 11:17

DSC 5114Fontana, Moratti e Guidesi hanno presentato a Palazzo Lombardia il ‘Protocollo per la partecipazione delle aziende produttive lombarde alla campagna vaccinale anti-Covid‘.

Il Protocollo per i vaccini nelle aziende coinvolge Regione Lombardia, Confindustria Lombardia, Confapi, Associazione Nazionale Medici d’azienda e competenti.

Lo hanno illustrato il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, la vicepresidente e assessore al Welfare, Letizia Moratti, l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Guido Guidesi, insieme a Marco Bonometti, presidente Confindustria Lombardia, Maurizio Casasco presidente Confapi e Rino Donghi, consiglio direttivo Associazione Nazionale Medici del Lavoro.

“Questo sui vaccini nelle aziende è il primo accordo del genere – ha sottolineato il presidente Fontana – che viene raggiunto in tutto il nostro Paese”. “Le imprese che aderiranno al Protocollo – ha proseguito – potranno vaccinare direttamente i propri dipendenti in azienda. Ci sarà l’opportunità di avere altri centri vaccinali, altri medici a disposizione dei cittadini perché siamo convinti che la vaccinazione di massa sia l’unico mezzo per vincere la battaglia”.

Leggi tutto...
 
COMUNICATO del Sindaco Dario Allevi e dell’Assessore al Commercio Longo PDF Stampa E-mail
Giovedì 11 Marzo 2021 10:59

comune monzaUna seconda possibilità per le micro imprese che hanno subito la chiusura delle loro attività a causa delle misure di contenimento del Covid. Stanziato un «fondo ristoro» di 560 mila euro e aumentato fino a un massimo di 3.500 euro il contributo per ogni azienda. Dario Allevi: «Aiutiamo le imprese a riaccendere i motori»

Quelli appena trascorsi sono stati mesi di «stop and go» a causa delle chiusure e successive riaperture per molte attività economiche. «In questa fase - spiega il Sindaco Dario Allevi - abbiamo il dovere di iniettare benzina nel motore del sistema economico perché le imprese possano resistere e rimettersi in piedi: per questo abbiamo deciso di destinare, con due bandi, risorse per più di un milione di euro proprio al rilancio del sistema produttivo cittadino».

Un «fondo ristoro» da 560 mila euro. «Formula Monza» riapre i termini: una seconda possibilità per le micro imprese che hanno subito la chiusura - totale o parziale – delle attività nei mesi di marzo/maggio 2020, novembre/dicembre 2020 e anche gennaio 2021. A disposizione un contributo massimo di 3.500 euro per ogni micro impresa monzese, che sarà applicato anche alle domande già pervenute con il primo bando. Per sostenere questa misura l’Amministrazione Comunale ha stanziato un «fondo ristoro» di 560 mila euro.

Monza riprende a correre. «Il nome del bando - ha dichiarato l'Assessore al Commercio Massimiliano Longo - ricorda l’identità sportiva di Monza, ma soprattutto richiama la velocità e la benzina che sono le caratteristiche di questa misura di sostegno. I negozi, i bar, i ristoranti e le piccole imprese costituiscono i capisaldi della ripresa perché sono l’asse portante dell’economia monzese. Questi contributi servono ad aiutare a riaccendere i motori, poi le macchine sapranno correre da sole come hanno sempre fatto».

I numeri del primo bando. Il primo bando si era chiuso alla fine di gennaio e aveva concesso contributi a fondo perduto fino a un massimo di 2.500 euro a poco meno di duecento attività economiche per un budget complessivo di circa 500 mila euro.

I destinatari. I destinatari della misura sono le attività di ristorazione, somministrazione o vendita diretta al dettaglio di beni o servizi. Con questo secondo bando sono state aggiunte le attività immobiliari, gli studi fotografici, le agenzie viaggi, i servizi di fotocopiatura e le palestre. Si tratta di microimprese che, come previsto dal Regolamento U.E. n. 651/2014, hanno un numero di dipendenti inferiore alle 10 unità e un fatturato annuo non superiore ai 2 milioni di euro. Sono escluse le imprese delle filiere essenziali che – durante il lockdown e le limitazioni conseguenti - non hanno sospeso la loro attività.

Leggi tutto...
 
Programma Sviluppo Rurale 2014-2020 e 'Operazione 6.1.01 – “Incentivi per la costituzione di nuove PDF Stampa E-mail
Giovedì 11 Marzo 2021 10:46
RegLombNell'ambito del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 e dell'Operazione 6.1.01 – “Incentivi per la costituzione di nuove aziende agricole da parte di giovani agricoltori”, con il bando 2021 concessione di premio per il primo insediamento in qualità di titolare o legale rappresentante di un’impresa agricola.
CHI PUÒ PARTECIPARE
Titolare di una impresa agricola individuale; Legale rappresentante di una società agricola di persone, di capitali o cooperativa.
DOTAZIONE FINANZIARIA € 1.500.000,00. Tale dotazione potrà essere incrementata a seguito delle modifiche apportate al Programma di Sviluppo Rurale.
CARATTERISTICHE DELL’AGEVOLAZIONE L’aiuto è concesso sotto forma di premio di primo insediamento ai giovani agricoltori come pagamento forfettario in due rate. L’importo del premio, in relazione alla zona dove è ubicata l’azienda in cui avviene il primo insediamento, è di: € 50.000 in zone svantaggiate di montagna; € 40.000 in altre zone.
DATA APERTURA DOMANDE 17 marzo 2021 DATA CHIUSURA DOMANDE Ore 12:00 del 20 giugno 2022
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 97
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

LE DONNE & GLI UOMINI E DIO

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D'Orso) - Dopo che Adamo ed Eva furono espulsi dal Paradiso, ebbero figli, e figli dei loro figli. Riuniti a tavola una sera, sorse fra loro una discussione. L’avvio lo diede Calmana, che aveva scelto di fare la direttrice d’orchestra, ma che voleva farsi chiamare “direttore”. S’aprirono le cateratte del cielo, coi pareri più discordanti. Deborah redarguì la sorella tirando in ballo la dignità della Donna.
A quel punto, Caino, acquisita coscienza di sé, chiese che la di lui testa non fosse più chiamata al femminile, essendo egli maschio. Abele gli fece osservare che “testo” significava già altro, e che v’era rischio di confusione. Ma Caino, che la giurò proprio quella sera ad Abele, ribatté che allora avrebbe abolito il femminile per la milza, la lingua, la gola. Awan sorrise soddisfatta, e cominciò a contare quante cose di sé avrebbe appellato diversamente: fegato, cuore, rene, polmone. La gamba era già al suo posto, ma osservò che il braccio, l’orecchio e il ginocchio erano transgender, poiché al singolare suonavano maschi, mentre al plurale femmine. Le costole, invece, erano coerentemente femmine sempre e comunque, la qual cosa faceva arrabbiare assai Adamo, andato in crisi di identità sessuale e che ricorse ad uno psicologo, perché non capiva come potesse avere dentro di sé il pezzo fondante di Eva, lui che era maschio. Il piccolo Enos, allora, anima candida, si guardò attorno, e chiese come mai gli alberi avessero pressoché tutti nomi maschili.
La madre Azura gli fece presente che alle volte, da un albero maschio, nascevano frutti femmine: le mele, le pere, le banane, e che comunque parecchi fiori erano femmine, mentre altri maschi, eppur tutti graziosi. Deborah andò allora su tutte le furie, lamentando che il frutto del fico fosse invece rimasto aggrappato alla “Y”, e urlò: “Cielo e mare, perché devono essere maschi?”. ”Beh, se è per questo, perché la terra, le stelle e la luna sono femmine?”, rispose serafico Abele, che a quel punto decretò la sua condanna a morte, giacché Caino avrebbe preferito terro, stelli e luno. Insomma, ne venne fuori un putiferio che mancò solo di anticipare la Torre di Babele: mischiando maschi e femmine, a un certo punto, non si capì più nulla.
Fu a quel punto che spuntò il buon Dio, il quale disse: “Se v’ho fatto maschi e femmine, uomini e donne, avrò avuto le mie buone ragioni. Credo, fra l’altro, che in questo momento abbiate problemi un poco più seri di cui occuparvi. Chiamatevi pure come accidenti volete: l’importante è che non vi manchiate mai di rispetto, mai. Gli uni con gli altri!”.
P.S.: Ma chi l’ha detto che il Covid-19 è maschio? Ecco, apriamo una bella discussione sul fatto che “virus” è ingiusto, perché dovrebbe chiamarsi “vira” (è latino). Rimane il problema che “vira”, in italiano, è un verbo (1^ coniugazione, 3^ persona singolare del presente indicativo, o anche 2^ persona singolare dell’imperativo), o no? Va beh: inutile insistere. Non se ne esce. Forza allora a tutte le Donne. A quelle che sanno chi sono senza necessità di etichette e sostantivi concordanti oltre ogni ragionevolezza, e anche a quelle che di etichette e sostantivi hanno bisogno.