Contenuto Principale

"Avvicinare Leonardo"13 aprile al 19 maggio, Cappella Reale della Reggia di Monza

Un importante evento espositivo in occasione delle celebrazioni del 500.mo anniversario della mort...

“I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta.”

(Laura Giulia D'Orso). Il 7 Aprile 2004 viene ritrovato l’aereo di Antoine de Saint-Exupéry abbatt...

Storia di quelle tre note che da 155 anni onorano i Caduti di tutte le Guerre

(laura Giulia D'Orso). https://youtu.be/EV_Q03zvtkM La Liberazione .... il governo italiano aveva ...

L’omaggio di Monza al grande Rossini

Il 2018 è stato dichiarato “Anno Rossiniano” nel 150esimo anniversario della morte del gra...

Elezione del Parlamento Europeo fissata per il 26 maggio 2019

In occasione della prossima Elezione del Parlamento Europeo fissata per il 26 maggio 2019, anche i...

  • "Avvicinare Leonardo"13 aprile al 19 maggio, Cappella Reale della Reggia di Monza

    Giovedì 10 Gennaio 2013 21:01
  • “I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta.”

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • Storia di quelle tre note che da 155 anni onorano i Caduti di tutte le Guerre

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • L’omaggio di Monza al grande Rossini

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • Elezione del Parlamento Europeo fissata per il 26 maggio 2019

    Martedì 19 Settembre 2017 06:09

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

MonzaOggi
“CERTE DONNE BRILLANO”…. io credo tutte, caro Ligabue PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 18
ScarsoOttimo 
Giovedì 28 Marzo 2019 08:49
seaLa ragazza del Mare e quella lettera mai ritrovata

(LGD). Una lettera di carta rosa, sbiadita e sigillata da un dolore che è arrivato quando ho dovuto riconsegnare questo momento al passato. Perché la vita, in tutta la sua prepotente urgenza, alla fine, è sempre più forte di qualunque fantasma.La prima volta che mi hai visto. In quel ventoso pomeriggio di tramontana ero avvolta in una sciarpina di lino che riempiva la distanza sospesa tra te e tutto il resto. L’ultimo tavolo  accostato al muro ed alla vetrata … ho sempre avuto bisogno di certezze!

C’era un’aria opprimente fuori, nell’ampio locale ricolmo di piante verdi, aria condizionata. All’ingresso divanetti e tanti bagagli pesanti, come se l’afa aspettasse solo di essere inalata per diventare bollente e ustionare il respiro. Amavo la rarefazione dell’estate, ma quel giorno mi arrivava insopportabile. Quel giorno era pronta a riversarsi all’esterno, svuotandomi la gola.

Assurdo. Non riesco a ricordare il perché delle visioni sbiadite, il motivo di tanto malessere. Non riesco a mettere a fuoco niente prima dell’attimo in cui hai sollevato lo sguardo dai fogli e lo hai riempito di me. Sono nata in quel momento. Nel viaggio che la luce ha compiuto attraverso il vetro del bar, penetrando la cavità socchiusa dell’iride.

Il mio primo ricordo in questa vita di verità interrotte e poi riprese che affioravano sul bordo di ceramica di una piscina azzurra al tocco distratto della mano. Tra i fumi dell’acqua che, fra le dita, senza accorgersene tracciavano quel confine fra la fragilità dell’armonia e la durezza dell’universo. Ero assente, impalpabile. Attendevo immobile. Eppure, in quel non- gesto hai ascoltato il racconto dei miei giorni lontani, il rispetto del mare, l’intimità di una conchiglia, le risa di una bambina lungo il viale alberato di ghiaia.

Tutto splende; colori da una foto sbadita che non hai più ritrovato, che non ho più provato, persa fra le onde di un gran mare in tempesta di maestrale o di una tramontana che spazza allegria, sorrisi e risate. Solo i tuoi occhi ragionavano in infinite sfumature, e sentivo che qualcosa era cambiato. Qualcosa era accaduto.

Si è cresciuti, è cresciuto il mondo, sono cresciuti i problemi … la vita ha ripreso a camminare veloce. Dodici anni e poi sedici e ancora sento il rumore sordo del cuore mentre riattacco la cornetta di un telefono.

 

C’era la musica in salotto. Il sole carico di primavera filtrato dalle persiane dischiuse sul giardino. L’odore pungente dell’aria gonfia di vita… E quella canzone… Non sono più riuscita ad ascoltarla. Se non fosse stata così gettonata, forse con il tempo sarei stata in grado di dimenticare. Ho bruciato tutte le lettere rosa. Fino ad oggi neppure una lacrima. Nemmeno una lacrima. Forte e risoluta. Non c’è posto.  Non c’era più posto per ciò. Te lo dicevo sempre, in continuazione, io sono forte … Sono stata una stupida, ero io quella da proteggere, non tu. Ma mi hai camminato a fianco.
Leggi tutto...
 
Incendio a Monza PDF Stampa E-mail
Lunedì 25 Marzo 2019 21:59
In serata è scoppiato un incendio, dalle cause ancora ignote, a Monza in un edificio nei pressi della rotatoria di Viale Lombardia. Sono accorsi i pompieri, ma il vento non aiuta. Al momento di pubblicare questa notizia le operazioni di spegnimento sono ancora in corso e le fiamme con una densa nube di fumo sono visibili a distanza. Finora non si hanno notizie di feriti.
 Ringraziamo il cittadino che dalla finestra della sua abitazione ha filmato l'accaduto e ci permette di condividere le immagini.
 
 
 
 
“I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta.” PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 
Lunedì 07 Agosto 2017 21:28

pppp(Laura Giulia D'Orso). Il 7 Aprile 2004 viene ritrovato l’aereo di Antoine de Saint-Exupéry abbattuto il 31 luglio 1944. Del corpo dell’autore, nessuna traccia.

Il Lockheed Lightning P-38 era in ricognizione tra la Corsica e la Provenza: quel tratto di mare fu l’ultima cosa a cui l’autore di uno dei libri più amati della storia, “Il Piccolo Principe”, andò incontro, colpito a morte da un caccia della Luftwaffe, la temibile aviazione tedesca della II guerra mondiale. Ci vollero 60 anni per venire a capo di quello che sembrava essere un mistero quasi irrisolvibile. Era passato così tanto tempo, era caduto il Muro che divideva le due Germanie. Era il 7 aprile del 2004.

Quasi che la Storia volesse tenere per sé una leggenda, un racconto di vita che i bambini potevano leggere come fosse Peter Pan, il ragazzo che non moriva mai. L’autore del Piccolo Principe sapeva volare proprio come nelle favole!

Il racconto, infatti, fu pubblicato il 6 aprile del 1943 da Reynald & Hitchcock in lingua inglese, seguito a pochi giorni di distanza in francese per arrivare ai giorni nostri ad essere una delle opere letterarie più lette della storia, tradotto in quasi 250 lingue in tutto il mondo, stampato in oltre 134 milioni di copie.

L’aereo con cui affondò il suo autore fu ritrovato il 7 aprile di 61 anni dopo…… ma di lui, nessuna traccia.

“… gli uomini hanno delle stelle che non sono tutte uguali. Per gli uni, quelli che viaggiano, le stelle sono delle guide; per gli altri … non sono che delle piccole luci…. ma tutte queste stelle stanno zitte, tu avrai delle stelle che nessuno ha!...”

Leggi tutto...
 
Il sogno Monza 2020 nel tennis brianzolo PDF Stampa E-mail
Mercoledì 20 Marzo 2019 13:27

E la voglia di rivalsa del tennis italiano, in particolare milanese, non si ferma certo qui. Infatti, quest’anno Monza ha lanciato la propria candidatura per un nuovo possibile torneo internazionale. Si potrebbe chiamare Monza 250. L’idea è quella di inserire un torneo ATP  , a partire dal 2020, nella cornice incantevole dell’autodromo di Monza. Allestire 6 campi da tennis in  erba naturale e poi utilizzare le già presenti infrastrutture delle tribune e dei parcheggi per portare il grande tennis giovanile a Monza. È questa l’idea dell’ex arbitro Giorgio Tarantola, ideatore del progetto.

Monza 250 potrebbe collocarsi verso la fine di giugno nel calendario ATP.  Poco prima del grande Slam di Wimbledon. Il progetto a breve verrà presentato agli sponsor e alla stessa FIT degli ATP. Poi tutto potrebbe partire e verrebbe realizzato dalla Mito Group di Roma.

Dopo gli Internazionali di tennis a Roma,l’Italia potrebbe trovarsi presto in casa un nuovo grande palcoscenico.

 
Ricordati di Vittorio Brambilla quando arrivi a Monza PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 16
ScarsoOttimo 
Domenica 10 Marzo 2019 17:55
(Mattia Mauri, blogger esperto automobilismo). Mattia Mauri in libertà 
Mercoledì sera la sala stampa dell’Autodromo Nazionale di Monza pullulava di appassionati ed addetti ai lavori: qualcuno è addirittura rimasto in piedi. Quella sala stampa, che ha accolto nella lunga storia dell’autodromo le più svariate star mondiali del panorama motoristico, trasudava, in occasione della presentazione del libro di Walter Consonni ed Enzo Mauri “Vittorio Brambilla – il mago della pioggia”, un orgoglio tutto brianzolo: l’orgoglio di un popolo visto spesso quale un gruppo di cinici lavoratori, demattiaditi alla “fabbrichetta”, che ha mostrato, nel ricordo di Vittorio Brambilla, una vena di sana e genuina passione motoristica, piena di aneddoti impregnati di benzina e velocità.
Non mancava nessuno a ricordare e celebrare un pilota che, per quanto probabilmente poco conosciuto ai più giovani, è uno di quei monzesi di cui tutti dovremmo andare fieri. Una storia monzese, nata in via Cimarosa, dove Ernesto (conosciuto ai più come “Tino”) e Vittorio (il “Mago della pioggia”) respirano l’aria dei motori sin da piccoli nell’officina gestita da papà Carletto. Si sa, respirare aria buona fa bene ai bambini: ai Brambilla fa benissimo, diventando entrambi piloti di Formula 1. Tino, come ogni buon fratello maggiore, sprona e consiglia Vittorio, conscio che è “un gran manico, ul mè fradèl ”. I risultati non tardano ad arrivare: Vittorio si dimostra un pilota versatile, come in voga ai tempi, affermandosi dapprima nelle corse motociclistiche, per poi scalare la piramide delle corse automobilistiche. Dato che correre in macchina è da sempre una disciplina (anche) economicamente impegnativa, la famiglia Brambilla, già impegnata a sostenere la carriera di pilota di Tino, non può garantire risorse a sufficienza per il secondogenito, che deve accontentarsi di un kart per iniziare ad affinare le proprie capacità di pilota di motociclette trapiantato nelle quattro ruote. Cominciando con un kart col telaio prodotto direttamente in officina dai Brambilla, Vittorio arriva ad affermarsi Campione del Mondo nella classe 200 cc nel 1962. La carriera automobilistica sta sbocciando, non serve far altro che continuare a coltivarla: il tanto agognato sedile di Formula 3, visto quale traguardo naturale per una campione di kart, deve aspettare ancora qualche tempo per poter fare da appoggio alle terga di Vittorio. Ci sarà ancora qualche anno di palestra nella Formula 4, fino al 1968, l’anno della svolta in casa Brambilla. Tino ottiene infatti il sedile di una Formula 2, per cui si libera lo spazio per il fatidico esordio di Vittorio in Formula 3. Il talento di Vittorio spicca anche in Formula 3: nel 1972, infatti, raggiunge la vetta del campionato italiano. Il trionfo di Vittorio in Formula 3 è la prova più evidente del fil rouge che percorre questa storia: l’orgoglio brianzolo del successo di un pilota nato a Monza, alla guida di una monoposto perfezionata in un’officina monzese (quella dei Brambilla), con un telaio omologato da una Casa kartistica lissonese (quella fondata da Guido Sala, Birel), sponsorizzata da un’azienda di utensili sovicese (la Beta).
Quello che succede dopo è storia: l’approdo in Formula 1, quella Formula 1 magica ed ormai scomparsa, dove i piloti arrivavano in moto al circuito, facevano la coda con i tifosi per entrare e passavano i momenti in cui non si correva al fianco di meccanici privi di laptop ma con enorme manualità ed arte dell’arrangiarsi. Culmine dell’epopea in Formula 1 di Vittorio Brambilla è il grande successo del 17 agosto 1975 sul circuito di Zeltweg, Austria. Una gara corsa sotto l’acqua battente, in un autodromo paragonabile per i più ad “una piscina”, dove fece la differenza la grande sensibilità di Vittorio: una sensibilità che, come lui stesso sottolineò in un’intervista concessa qualche anno dopo alla tv pubblica, derivava anche dalla precedente esperienza di pilota di moto. In quella domenica di pioggia incessante Vittorio portò la sua March 751 davanti a nomi del calibro di James Hunt, Patrick Depailler, Emerson Fittipaldi e Clay Regazzoni. La presentazione del libro su questo grande monzese è stata una bellissima occasione per trovarsi tra brianzoli prestati al mondo dei motori: c’erano i due autori del libro, Walter Consonni ed Enzo Mauri; due giornalisti del calibro di Giorgio Terruzzi, che ha raccontato un paio di retroscena vissuti con Vittorio Brambilla, e Pino Allievi, reporter della Gazzetta dello Sport che ha vissuto da vicino la carriera di entrambi i ​ fratelli Brambilla; tra le autorità, spiccavano il direttore generale dell’Autodromo Pietro Benvenuti, che ha raccontato del proprio entusiasmo di concedere la sala stampa per la presentazione di un libro che aspettava da tanti anni, ed il sindaco di Monza Dario Allevi, che ha svelato come sia proprio Vittorio Brambilla il terzo nell’Olimpo dei suoi piloti preferiti insieme a Gilles Villeneuve ed Ayrton Senna.
È un libro che qualunque brianzolo dovrebbe leggere: il più banale dei motivi potrebbe essere quello di capire quanto è stato grande questo monzese per guadagnarsi l’intitolazione del piazzale antistante l’ingresso di Vedano al Lambro del Parco, quello che conduce direttamente in Autodromo. Dovrebbe comunque leggerlo perché non è la semplice storia del sogno di un meccanico che ha sfidato gli dèi dell’automobilismo: è la storia di uno di noi, di uno che ha passato “più ore in officina dell’orologio appeso alla parete” e, proprio grazie a quella dedizione, ha coronato dei sogni che i mezzi disponibili raffiguravano come utopia. È la storia dell’orgoglio di una terra, che dimostra come questo popolo di dediti lavoratori sappia coniugare la tipica (apparente) pragmaticità con il romanticismo delle storie più intrise di passione, come quella che Vittorio aveva per le gare ed i motori.
https://mattiamauriblog
 
https://mattiamauriblog
 
Ponte via Colombo: progetto per la demolizione e ricostruzione PDF Stampa E-mail
Mercoledì 06 Marzo 2019 12:38

Ponte colombo news.jpg 2087686907Si è svolto l’incontro tra l’Amministrazione Comunale, i commercianti e i residenti coinvolti dai disagi conseguenti alla chiusura del ponte di via Colombo.

La riunione - voluta dal Sindaco Dario Allevi che vi ha partecipato insieme al Vicesindaco Simone Villa, all’Assessore alla Viabilità Federico Arena e all’Assessore al Commercio Massimiliano Longo - è stata l’occasione per condividere l’iter progettuale che i tecnici del Comune hanno predisposto per l’abbattimento e la ricostruzione del ponte stesso.

Il manufatto - costituito da una campata composta da sei travi e cinque traversi in calcestruzzo - è chiuso al traffico dal 19 settembre scorso. a seguito dei controlli ispettivi che avevano evidenziato “situazioni di pericolo in relazione alla capacità portante”, cui è seguito l’inevitabile provvedimento di chiusura.

Con l’obiettivo di comprimere il più possibile i tempi, la giunta comunale già nel 2018 aveva individuato le risorse necessarie alla demolizione e alla ricostruzione dell’attraversamento sul Lambro, approvando un primo piano di fattibilità tecnico economica da 600.000 euro circa.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 62
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

L’uomo che scoprì come dialogare con Dio

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Si racconta che Johann Sebastian Bach fosse un uomo chiuso e di pochissime parole, per dialogare con lui bisognava conoscere solamente la musica. Conobbe sua moglie in una chiesa ad Amburgo, lei giovane cantante ventenne, lui organista oramai quarantenne, nella Chiesa di Santa Caterina. Lui era da solo, intento a provare nel silenzio freddo, senza pubblico. Lei rimase invisibile agli occhi di lui e restò lì per ascoltare quel linguaggio celestiale che egli dedicava a Dio.

Poi con lo spegnersi delle ultime note i loro sguardi si incontrarono. Nel dicembre del 1721, lui la chiese in sposa e lei accettò sapendo che non c’era per lui altro che Dio e la sua musica.

A pensarci bene, da sempre, solamente Amore e Musica sono le lingue primordiali che tutti gli uomini di tutti i tempo possono comprendere e con cui possono comunicare, senza l’ambiguità delle parole, solo sette note, 88 tasti tra cui 52 bianchi e 36 neri, semitoni cromatici o diatonici.

E lui di essi viveva.

Il giorno insegnava musica agli studenti a costo di fatica e sacrifici economici e Anna Magdalena mescolava la sua anima alla sua.

Conoscerlo non era stato facile per lei. Lui poche parole e tanti pentagrammi, lavorava di giorno e di notte i suoi occhi erano dedicati a comporre, scriveva spartiti al buio di una candela anche quando cominciò a soffrire di cataratta. Allora fu lei sotto dettatura a continuare per lui.

Non vendette mai uno spartito, la musica composta erano come uno scambio epistolare fra lui ed il Divino, fra lui e Magdalena. Niente parole solo musica fra loro.

Si spense a sessantacinque, dopo aver dato la possibilità a Dio di venire sulla terra fra gli uomini. In vita aveva composto un libretto in cui erano annotati tutti i suoi brani e Magdalena lì prese in consegna, e a lei sembrava che rileggendo quegli spartiti composti per lei, lui fosse ancora, che non potesse morire mai.

Si dice che succeda sempre così “chi vede Dio poi resti cieco”.

Dopo dieci anni fu il suo turno, richiamata a Dio sepolta e dimenticata.

Dovettero passare anni perché un certo Felix Mendelsshon, riscoprisse gli spartiti del maestro.

La musica, si sa non si addice ai sordi di spirito e Bach aveva scritto in un tempo troppo poco maturo. Lui aveva compreso in anticipo che dialogare fra un uomo e una donna era la sublimazione dell’unione, anche senza parole. Musica che avevate messo entrambi al servizio di Dio.

Leggi tutto...

Parigi val bene una Messa

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Siamo alla fine del ‘500, la Francia è dilaniata dalla guerra civile. Combattevano tra loro Enrico di Navarra, Enrico III ed Enrico di Guisa da qui il soprannome della “guerra dei tre re”. Il dilaniare del conflitto provocò un enorme spargimento di sangue e, alla fine, a uscirne vincitore fu Enrico di Navarra, il quale divenne il primo re appartenente al ramo dei Borboni a conquistare la monarchia di Francia.
La tradizione richiedeva che colui che si apprestasse a salire sul trono fosse cattolico. Per Enrico di Navarra ciò avrebbe potuto costituire un problema, dal momento che egli era ugonotto e, quindi, di religione protestante. Da qui il detto “Parigi val bene una messa”: insomma, pur di diventare re valeva la pena di convertirsi alla religione cattolica. E così Enrico di Navarra diventò Enrico IV di Francia.
 
15 aprile 2019. Nella notte un incendio devasta Notre Dame de Paris.