Contenuto Principale

Basta walzer per favore, ne abbiamo le scatole piene

(Laura Giulia D'Orso) Per favore basta dirci bugie. Un intero popolo chiede che le Istituzioni non...

Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia

(Paolo Mariani) - Pur senza negare la correttezza dei numeri comunicati dai mezzi di informazione ...

Cina vs Italia: ospedali e gara di velocità

(Paolo Mariani) Fermo restando il massimo rispetto per tutti coloro che si sono prodigati e ancora s...

Annullamento delle giornate internazionali della European Academy of Religion 2020

Rimandata la conferenza per 1500 studiosi Bologna, 7 aprile 2020 - A causa dell'emergenza sanitar...

  • Coronavirus, gruppo FS Italiane: misure e iniziative

    Domenica 23 Febbraio 2020 20:55
  • Basta walzer per favore, ne abbiamo le scatole piene

    Martedì 10 Marzo 2020 10:57
  • Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia

    Lunedì 16 Marzo 2020 07:20
  • Cina vs Italia: ospedali e gara di velocità

    Sabato 04 Aprile 2020 07:02
  • Annullamento delle giornate internazionali della European Academy of Religion 2020

    Martedì 07 Aprile 2020 08:12

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Monza mille chitarre in piazza domenica 6 ottobre PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Lunedì 30 Settembre 2019 12:32

allevi Domenica 6 Ottobre «Mille Chitarre in piazza», l’unico concerto dove tutti sono protagonisti, aprirà «Monza Music Week», la settimana dedicata alla musica.

L’evento, un format di «Diffusione Arte» con lo storico media partner Radio Number One, avrà la sua cornice nella splendida piazza Trento e Trieste, nel centro di Monza.

L’evento è in collaborazione con «inLombardia», il marchio di promozione turistica di Regione Lombardia. Nato come raduno di appassionati delle sei corde da un’idea di Isaia Mori, chitarrista e cantautore bresciano, questo evento sin dalla prima edizione e in tutte le successive, ha portato nel cuore delle città migliaia di chitarristi. Ogni anno questa «festa della chitarra» dà vita a grandi concerti collettivi.

Ecco l’elenco delle canzoni che saranno suonate: 1. La canzone dell’amore perduto – Fabrizio De André (anno 1966); 2. C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e Rolling Stones – Mauro Lusini (anno 1966); 3. Imagine – John Lennon (anno 1971); 4. La canzone del sole – Lucio Battisti (anno 1971); 5. Urlando contro il cielo – Luciano Ligabue (anno 1991); 6. 10 ragazze per me – Lucio Battisti (anno 1969);  7. L’italiano – Toto Cutugno (anno 1983); 8. Liberi liberi – Vasco Rossi (anno 1988); 9. Mille chitarre – Isaia Mori (anno 2014); 10. Medley del 1000 chitarre in piazza (50 Special – Il gatto e la volpe – Odio i lunedì).

Mille chitarre è anche il titolo dell’inno dell’evento che è scaricabile gratuitamente su www.millechitarre.com. Sul sito ufficiale è possibile iscriversi gratuitamente e reperire tutte le informazioni per prepararsi al più grande raduno di chitarre d’Italia. Sono presenti anche dei video tutorial in cui Isaia e Antonio spiegano come riuscire a suonare tutti insieme.

Il programma della giornata prevede alle 14 la fase di accoglienza e «punzonatura» dei partecipanti, mentre «Aspettando Mille Chitarre» scalda il pubblico in attesa del concerto.

Alle 15.30 inizieranno le prove generali delle canzoni proposte, sul palco con Isaia Mori e Antonio D’Alessandro ci sarà Luca Viscardi di Radio Number One che coinvolgerà gli artisti ed il pubblico in un happening musicale di grande effetto. Alle 16.30 è il momento dove «tutti sono protagonisti»: «Mille Chitarre in Piazza». Alle 17.30 concerto con «Virgin Rock Live Band». In questa edizione sul palco troveremo anche ospiti di grande prestigio, quali Stef Burns, il chitarrista di Vasco Rossi, Andy dei «Bluvertigo» e tante altre sorprese.

 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

“Potevano scegliere fra il disonore e la guerra …”

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso)
Historia magistra vitae. Non dovremmo mai dimenticarlo ed invece, senza lungimiranza, dagli errori o dagli avvenimenti passati, sembra si resti estrani e non si impari nulla!
 
29 - 30 settembre 1938, Monaco, Germania. L'oggetto della Conferenza, tenutasi circa l’anno precedente lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, verteva sulle rivendicazioni tedesche della regione dei Monti Sudeti, posta in territorio cecoslovacco, ma abitata prevalentemente da popolazione di etnia tedesca. L’“Accordo di Monaco” con il quale Francia e Regno Unito cedevano alle richieste della Germania di Hitler, fu siglato dai principali uomini politici dell’epoca, Daladier e Chamberlain.

Leggi tutto...