Contenuto Principale

Blocco veicoli inquinanti dal 1 ottobre

Per migliorare la qualità dell’aria Regione Lombardia mette in atto dei provvedimenti per ridurre le...

Motivi leonardeschi nelle stampe dei Musei Civici

Inaugurazione della mostra venerdì 25 ottobre – ore 18 (ingresso libero fino a esaurimento posti) In...

Per tutto il mese di dicembre nelle Biblioteche monzesi

Una speciale atmosfera curata dai bibliotecari monzesi accoglierà i lettori per tutto il periodo n...

It's Christmas Time again: tutti gli eventi

Dal 30 novembre al 6 gennaio, l’atmosfera delle feste abbraccia le vie e le piazze della città: Pist...

Manovra e bonus casa: un passo indietro sarebbe molto grave

Non è ancora chiaro se ci sarà o meno una proroga del bonus mobili, la misura fiscale che permette...

  • Blocco veicoli inquinanti dal 1 ottobre

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • Motivi leonardeschi nelle stampe dei Musei Civici

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • Per tutto il mese di dicembre nelle Biblioteche monzesi

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • It's Christmas Time again: tutti gli eventi

    Sabato 07 Ottobre 2017 10:00
  • Manovra e bonus casa: un passo indietro sarebbe molto grave

    Giovedì 19 Ottobre 2017 06:03

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Io sto con la Legge Italiana :#io NON sto con Carola PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Martedì 02 Luglio 2019 05:55
(Laura Giulia D'Orso). Sarà che sono stata “tirata su” a pane, studio, sport e disciplina. Sarà che se vìoli le regole dello sport che pratichi sei fuori dai giochi. Sarà che è sempre più facile per chiunque dire sì che opporre un divieto, sarà che in uno Stato di Diritto quale l’Italia è, si presuppone che l’agire dello Stato sia sempre vincolato e conforme alle Leggi vigenti e lo Stato stesso sottopone esso medesimo al rispetto di Codici e di Costituzioni scritte, sarà per questo che #io NON sto con Carola! Si chiamasse pure Paola o Cristina e fosse francese o italiana non farebbe alcune differenza per me.
Trasformata da imbellettati e ricchi esponenti di sinistra in paladina, la signorina in questione ha violato la legge italiana. Intenzionalmente e volutamente. Riprendendo il tormentone della sinistra di qualche tempo fa (ma non gli è bastata la batosta elettorale!?!) del “senza se e senza ma” … in Italia si applica in maniera pragmatica la legalità e non si pretenda perciò di forzare il Codice di diritto del Mare e della Navigazione, il cui codice ho avuto modo di leggerlo già all’epoca dei Marò detenuti illegalmente in India.
Per chi avesse mai visto Airport Security, programma televisivo che si basa sui rigidi controlli di tanti paesi e sulle persone che richiedono il visto di ingresso, sa di cosa sto parlando! Le regole sono regole, le leggi sono leggi, e, se le infrangi, tieni un comportamento illegale. Mai mi sognerei, e mi è capitato tante volte, di essere fermata per dei controlli e di scappare. Se lungo la strada trovassi i carabinieri con paletta e mitra che intimano l'alt io so che devo accostare e non sfondare il posto di blocco. Ma se, nella sciagurata idea, decidessi di scappare e speronassi la camionetta dell’Arma, sono sicura che, se mi andasse di fortuna, sarei solamente rincorsa armi in pugno ed arrestata e ancora più grave sarebbe se nel baule avessi dei clandestini nascosti. E nessuno alzerebbe un dito in mia difesa (giustamente).
Mi pare di ricordare che “il più famoso dei nostri cugini d’Oltralpi”, abbia dato ordine di rimandare legati e di notte gli immigrati in Italia da Ventimiglia e che i “passeurs” vengano arrestati ed il mezzo requisito. Inoltre, provate a non mostrare un documento “nell’ospitale” Germania, solidale solo a parole. In confronto la reazione dei Nocs è acqua fresca. E lo stesso dicasi a Barcellona durante un inseguimento fra turisti stupefatti e forze dalla Guardia Civile ed immigrati clandestini. (ne sono stata testimone tutte le volte).
Carola Rackete ha sfondato il blocco ordinato dal Viminale, ha violato la legge, ha speronato una motovedetta e pensa ancora di avere ragione. Comincia a non andare a prenderli, e vedi che i “profughi” ci penseranno due volte a venire in Italia. E non arrivare a prenderli vicino alla Libia. La ragazza si è rifiutata di riportare i migranti a Tripoli, dopo avere ottenuto l'ok, sostenendo che c'è la guerra, poi a Tunisi che era il porto più vicino (Diritto della Navigazione), poi a Malta (porto di riferimento). Carola ha puntato dritta sull’Italia ed i parlamentari saliti a bordo della nave in favore di telecamere sono la dimostrazione, con i loro stipendi “da fame” e le “loro camicie bianche fatte su misura” che quello era il vero scopo.
L'obiettivo finale era tornare a spalancare le porte dell’Italia agli sbarchi. Smettiamola di farci prendere in giro da chi ha violato la legge e si occupino del loro giardinetto curato a dovere il Lussemburgo, la Francia, La Germania, l’Olanda. Solamente per questo gli Italiani, dotati di buon senso, dovrebbero dire forte e chiaro "io non sto con chi infrange le nostre leggi".
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Quanto è il valore ed il peso dell’amore. (Laura Giulia D’Orso)

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

L’affermazione potrebbe sembrare una sinestesia, non si può usare una unità di misura per qualcosa che non risulta reale. Eppure, a ben riflettere, nel nostro agire quotidiano, siamo talmente abituati a controllare il costo delle cose, che siano beni o servizi, che spesso riteniamo che sia appunto quel dato prezzo ad identificarlo e così succede nei sentimenti. Siamo, però, così sicuri che il prezzo identifichi anche il reale valore di ciò che acquistiamo o proviamo? Certo, il prezzo è immediato e semplice da capire, mentre il valore presuppone un’analisi più approfondita.

Leggi tutto...

L'umanità è diventata litigiosa per volontà.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Anche gli animali litigano, ma per qualcosa o qualcuno, ovvero per fame, per difendere i cuccioli, per il controllo del branco o di un territorio. E alla fine uno dei due litiganti, spesso, muore. Non obbediscono ad alcuna legge se non quella della natura. Non professano alcun credo, storia o cultura: seguono, semplicemente, il loro istinto.

Leggi tutto...