Contenuto Principale

“I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta.”

(Laura Giulia D'Orso). Il 7 Aprile 2004 viene ritrovato l’aereo di Antoine de Saint-Exupéry abbatt...

Giovannini 2019

Si terrà lunedì 24 giugno come da tradizione alle ore 12.00 in Piazza Roma, sotto i portici dell’Are...

La morte si è portato via l’uomo, non la leggenda

Niki Lauda, la leggenda della Formula 1, si è spento il 20 maggio in una clinica svizzera. Aveva 70 ...

In arrivo gli "Angeli del Parco" di Monza

Gli articoli 20 e 27 del Regolamento del Parco di Monza e dei Giardini Reali sono chiari: i cani dev...

SUMMERMONZA2019»: l'estate è adesso

Sabato 8 giugno, con il Corteo storico, inizia la seconda edizione del «Summer Monza 2019», il gra...

  • “I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta.”

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • Giovannini 2019

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • La morte si è portato via l’uomo, non la leggenda

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • In arrivo gli "Angeli del Parco" di Monza

    Sabato 07 Ottobre 2017 09:50
  • SUMMERMONZA2019»: l'estate è adesso

    Sabato 07 Ottobre 2017 10:00

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Un monzese in Toscana (in B&B) PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Martedì 26 Marzo 2019 06:55
podere la casina 6(Publiredazionale) “Noi lo consideriamo il nostro rifugio lontano dalla città e abbiamo ritenuto che fosse doveroso aprirlo ad altri amanti della pace e della quiete, che solo la campagna può regalare” queste sono le motivazioni che hanno spinto Alberto Vannucci, monzese di 45 anni, e sua moglie Lorena Sampietro ad avviare un’attività di accoglienza nel loro podere in Toscana, a Monsummano Terme.
 
Il Podere La Casina è la casa di famiglia dei Vannucci, di origine fiorentina, come il cognome suggerisce; fu costruita da suo nonno ai primi del 900, quando nessuna strada ancora passava da quelle colline immacolate. Più di un secolo dopo e in seguito ad una ristrutturazione, La Casina accoglierà fra i suoi ulivi turisti da tutto il mondo, alla ricerca del verde e di una vera esperienza agreste.
Gli agriturismi moderni sono bellissimi, niente da dire” riflette Vannucci, “piscine con vista mozzafiato, ristoranti splendidi, camere da cinque stelle e spesso anche spa, golf e altri servizi turistici. Dell’esperienza della campagna rimane però poco, sembra di essere semplicemente in splendidi hotel in un contesto verde. La Casina è un vero podere rurale: i nostri ospiti possono scendere nei campi di ulivi, nella vigna, entrare nell’orto e coglierne i frutti, riposarsi in giardino, tutto a contatto con la natura. Inoltre abbiamo solo due appartamenti in affitto, quindi non si corre il rischio di essere disturbati neanche dagli altri ospiti”.
 
podere la casina 4Allora un dubbio ci sorge e lo sottoponiamo a Vannucci: con tutta questa pace e questa natura, non si corre il rischio di annoiarsi? “Non credo che questi tramonti o questi colori possano annoiare, ma uno dei nostri principali punti di forza è la posizione strategica. Mezz’ora da Lucca e Firenze, a 10 o 15 minuti dalle principali località termali come Montecatini e Monsummano, con numerosi piccoli borghi medievali nei paraggi come Montevettolini, Vinci, Serravalle Pistoiese, attività quali cicloturismo e birdwatching e percorsi enogastronomici, come la rinomata Strada del Vino e dell’Olio del Montalbano. Insomma, ogni giorno si può fare una gita in qualche perla della Toscana e poi tornare per gustarsi la cena nei numerosi ristoranti locali che saremo ben lieti di indicare.
 
Vannucci parla con passione della sua Casina e non è possibile non rallegrarsi che un monzese “esporti” con entusiasmo la nostra proverbiale capacità di impresa in un piccolo borgo toscano, quindi gli chiediamo come divida la sua vita fra Brianza e Toscana: “Spostandomi spesso fra Montevettolini e Monza, credo di essere in grado di cogliere e apprezzare le peculiarità di entrambe. Fin da bambino a Monza andavo a giocare al Parco e in Toscana pigiavo quintali di uva durante la vendemmia, qui andavo a vedere il Gran Premio e là salivo sul trattore coi contadini, al liceo e all’università studiavo nei Giardini della Villa Reale, ma anche nell’aia della Casina, all’ombra dell’ulivo che c’è all’ingresso. Vivo da sempre in entrambi i mondi e ora ho deciso di aprire la “mia” Toscana a chi vorrà venire a trovarci.
 
podere la casina 1     podere la casina 3
       
 
 
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Io sto con la Legge Italiana :#io NON sto con Carola

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D'Orso). Sarà che sono stata “tirata su” a pane, studio, sport e disciplina. Sarà che se vìoli le regole dello sport che pratichi sei fuori dai giochi. Sarà che è sempre più facile per chiunque dire sì che opporre un divieto, sarà che in uno Stato di Diritto quale l’Italia è, si presuppone che l’agire dello Stato sia sempre vincolato e conforme alle Leggi vigenti e lo Stato stesso sottopone esso medesimo al rispetto di Codici e di Costituzioni scritte, sarà per questo che #io NON sto con Carola! Si chiamasse pure Paola o Cristina e fosse francese o italiana non farebbe alcune differenza per me.
Trasformata da imbellettati e ricchi esponenti di sinistra in paladina, la signorina in questione ha violato la legge italiana. Intenzionalmente e volutamente. Riprendendo il tormentone della sinistra di qualche tempo fa (ma non gli è bastata la batosta elettorale!?!) del “senza se e senza ma” … in Italia si applica in maniera pragmatica la legalità e non si pretenda perciò di forzare il Codice di diritto del Mare e della Navigazione, il cui codice ho avuto modo di leggerlo già all’epoca dei Marò detenuti illegalmente in India.