Contenuto Principale

FISE ARE accoglie con plauso l'approvazione del Ddl Concorrenza

Fise Are, Associazione Imprese Servizi di Recapito Postale e Parcel accoglie con plauso l'approvaz...

Disoccupazione in calo in Italia: il commento di ALDAI-Federmanager

ALDAI-Federmanager guarda con cauto ottimismo ai dati sull'occupazione, analogamente a quanto esplic...

Gli adolescenti temono l'intelligenza artificiale

A Teen Parade di Radioimmaginaria gli adolescenti hanno parlato del loro futuro lavorativo e di ro...

Previsioni di assunzioni in crescita in Italia

Cresce al 3% la previsione di assunzioni in Italia per il prossimo trimestre I datori di lavoro m...

Vendite a domicilio in aumento

Il presidente di Univendita Ciro Sinatra: «Risultati migliori rispetto al commercio tradizionale, ...

  • FISE ARE accoglie con plauso l'approvazione del Ddl Concorrenza

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • Disoccupazione in calo in Italia: il commento di ALDAI-Federmanager

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • Gli adolescenti temono l'intelligenza artificiale

    Domenica 10 Settembre 2017 20:48
  • Previsioni di assunzioni in crescita in Italia

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • Vendite a domicilio in aumento

    Martedì 19 Settembre 2017 06:09

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Ti vedo, ti sento, mi perdo alla Scala PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Mercoledì 28 Febbraio 2018 15:25
(Vittoria Lìcari) I festeggiamenti che la città di Milano – nel cui Conservatorio insegnò dal 1974 al 1983 - ha riservato a Salvatore Sciarrino per i suoi settant’anni sono culminati con la prima rappresentazione assoluta, al Teatro alla Scala, della sua opera Ti vedo, ti sento, mi perdo (In attesa di Stradella), per la regia di Jürgen Flimm, con le scene di George Tsypin e i costumi di Ursula Kudrna.
 
Si tratta di un’azione scenica in due atti, su libretto del compositore stesso, che, come recita il sottotitolo, è incentrata sulla vana attesa di quello che può esserne considerato il protagonista, assente in persona, ma ben presente nei discorsi dei personaggi che si trovano sulla scena e nelle evocazioni di cui è cosparsa la partitura: Alessandro Stradella (1639 – 1682), compositore geniale dalla vita turbolenta, tragicamente conclusasi a Genova nel corso di una rissa i cui contorni non sono mai stati del tutto chiariti, la cui burrascosa biografia aveva già ispirato compositori di rilievo quali Friedrich von Flotow e César Frank, oltre a nomi di secondo piano come lo svizzero Louis Abraham de Niedermeyer (1802 – 1861), il tedesco Adolf Schimon (1820 – 1887)  e l’italiano Giuseppe Sinico (1836 – 1907).
L’essere sostanzialmente un autodidatta, l’avere preso le distanze dalle neoavanguardie del secondo Novecento e l’approfondito lavoro di ricerca e rivisitazione compiuto sui grandi archetipi musicali del passato fanno di Sciarrino un compositore singolare nel senso etimologico del termine, il che ne condiziona l’ascolto a un’assoluta libertà da schemi pregiudiziali. E, in effetti, Sciarrino concepisce ogni sua composizione come un “dramma dell’ascolto” in cui l’intenso lavoro operato dal musicista sulla percezione fa sì che l’ascoltatore sia anche attore in quanto impegnato, appunto, nell’atto dell’ascolto. Ecco perché un giudizio oggettivo sulla sua opera è praticamente impossibile, in quanto la percezione individuale modifica l’opera nel momento stesso in cui essa viene, appunto, percepita. Parlando quindi a titolo del tutto personale, posso affermare di avere particolarmente apprezzato il secondo atto, nel corso del quale ho avvertito la crescente tensione dell’attesa di colui che è protagonista in quanto costantemente presente nei discorsi dei personaggi e nelle citazioni musicali.
 
Nel contempo, mi è giunto anche un senso di distacco emotivo, come se i presenti in scena non fossero mai del tutto convinti dell’arrivo del personaggio tanto atteso e, in qualche modo, prevedessero il tragico epilogo. Ma si tratta, naturalmente, della mia reazione in quel momento in quanto “attrice dell’ascolto”. Per una approfondita e motivata analisi rimando quindi al saggio di Enzo Restagno all’interno del programma di sala.
 
Ben più oggettivamente si può invece parlare dell’esecuzione, che ha visto i cantanti impegnati in ruoli asperrimi sul piano tecnico e musicale: la nutrita compagine – di cui facevano parte anche allievi dell’Accademia scaligera e del Conservatorio “Giuseppe Verdi” -  era composta da Laura Aikin (la Cantatrice), Charles Workman (il Musico), Otto Katzameier (il Letterato), e poi Sónia Grané, Lena Haselmann, Thomas Lichtenecker, Christian Oldenburg, Emanuele Cordaro. L’orchestra della Scala era guidata da Maxime Pascal, giovane direttore particolarmente indicato per questa occasione in quanto con il gruppo Le Balcon, di cui è fra i fondatori, persegue una visione performativa della musica che coinvolge integralmente lo spettatore, sposando quindi perfettamente l’estetica sciarriniana.
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

L'elogio della mela

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

 
-align: justify;">(Laura Giulia D’Orso). Aiuto, da oggi mi si è allargato il paniere! Lo ha deciso con fermezza l’Istat. Nel 2018 entreranno cinque nuovi prodotti: l'Avocado, il Mango, i Vini liquorosi, la Lavasciuga, il Robot aspirapolvere e ne usciranno la Telefonia pubblica, il Canone Rai (che rientra dalla finestra sotto forma di bolletta dell’elettricità) ed il Lettore Mp4. Mi è venuta l’ansia. Ho aperto il frigo ma tra gli alimenti da me acquistati ho avuto la certezza non ci fossero né il mango né l’avocado.
E adesso?! Sarà, ma qualcosa non mi torna. Resto basita da una tal richiesta di frutta tropicale stile hipster qui in Italia. Per meglio farci comprendere l’Istat, sul suo sito, scrive che “I prodotti di prima necessità del paniere ed il peso loro attribuito sono definiti sulla base della spesa effettiva delle famiglie, in modo da rappresentare la struttura dei consumi della popolazione”. La fonte principale è l'indagine che l’Istat svolge sui consumi coinvolgendo circa 28mila famiglie italiane (?). Sono però utilizzate anche altre fonti, interne (stime di contabilità nazionale, indagini su commercio estero e produzione industriale) ed esterne (dati ACNielsen, Banca d'Italia), per assicurare un'accurata copertura informativa.
Così perplessa svolgo la mia piccola indagine personale. Munita di penna e taccuino resto ad osservare per un’oretta buona, nel reparto di ortofrutta di un noto centro commerciale, il cestone degli avocado esposti. Di avventori neanche l’ombra! Attendo invano, vanno a ruba le arance, banane, pere, kiwi ma gli avocado non se li fila nessuno!. Il giorno dopo, al mercato del giovedì, alla mia richiesta di tre manghi e due avocado mi sento “cusa te s’è drè a dì?. Grazie tutto a posto, è per il paniere … Risposta un po’ alterata:“anca mò, ab’bjamo nà sporta!
Ci spiegano che l’Europa ha raddoppiato il consumo di avocado nel corso degli ultimi sei anni, raggiungendo ben 0,75 chilogrammi pro capite annui (Fonte: Rabobank su dati UN Comtrade) prima viene l’Olanda, ultima l’Italia con 0,25 chilogrammi. Poi, a ben cercare, scopro che il 2018 sarà l’anno dell’avocado, e che a Rimini, i principali attori della produzione e del commercio mondiale di avocado e mango si daranno appuntamento a Macfrut, un evento unico a livello internazionale. Si chiamerà “Tropical Fruit Congress”, primo summit in Europa dedicato a questa tipologia di frutti esotici, alla Fiera di Rimini il 10 e 11 maggio 2018. Leggo che si svolgerà una due giorni per esplorare le attuali tendenze del mercato, dei consumi e degli scambi, ampliando lo sguardo anche agli sviluppi scientifici, alle tecnologie e ai metodi di vendita di prodotti sempre più richiesti nei mercati globali primo fra tutti i Messico. Due i prodotti al centro del Congresso: Avocado e Mango.
E allora mi sorge un dubbio, senza nulla togliere al guacamole, alle maschere di bellezza e alle virtù salutiste ed alternative di una filosofia di vita “veg” perché non rivalutiamo la nostra vecchia e cara mela di casa nostra!