Contenuto Principale

Contrordine ragazzi, non è importante imparare le lingue

(Laura Giulia D’Orso) Frequentare un corso di lingua straniera, conoscere il francese, dialogare in ...

FISE ARE accoglie con plauso l'approvazione del Ddl Concorrenza

Fise Are, Associazione Imprese Servizi di Recapito Postale e Parcel accoglie con plauso l'approvaz...

Disoccupazione in calo in Italia: il commento di ALDAI-Federmanager

ALDAI-Federmanager guarda con cauto ottimismo ai dati sull'occupazione, analogamente a quanto esplic...

Gli adolescenti temono l'intelligenza artificiale

A Teen Parade di Radioimmaginaria gli adolescenti hanno parlato del loro futuro lavorativo e di ro...

Previsioni di assunzioni in crescita in Italia

Cresce al 3% la previsione di assunzioni in Italia per il prossimo trimestre I datori di lavoro m...

  • Contrordine ragazzi, non è importante imparare le lingue

    Giovedì 15 Dicembre 2016 07:28
  • FISE ARE accoglie con plauso l'approvazione del Ddl Concorrenza

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • Disoccupazione in calo in Italia: il commento di ALDAI-Federmanager

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • Gli adolescenti temono l'intelligenza artificiale

    Domenica 10 Settembre 2017 20:48
  • Previsioni di assunzioni in crescita in Italia

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Monza e street food: inaugurato Miss Posto PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Martedì 19 Settembre 2017 06:02
Una nuova proposta che accontenta gli indecisi, i palati più esigenti e gli esploratori del gusto. Domenica il food truck del lusso è stato inaugurato al Parco di Monza, andando a soddisfare ogni peccato di gola con prodotti ricercati, sfiziosi e attenti alla salute. Nel corso del pomeriggio, per celebrare l'inaugurazione, si è esibito il cantante figlio d'arte Rudy Smaila. Tra le proposte più originali il panino "Regina Teodolinda" e la crèpe "Villa Reale".
 
Nell'idilliaca cornice del parco di Monza, ospite del prestigioso ristorante Saint-George Premier, il food truck Miss Posto, una piccola bomboniera di atmosfera e charme, nei giorni scorsi ha dato ufficialmente inizio al percorso del gusto di Emma Villa e Patrizia Sesta, le ideatrici dell'iniziativa che le porterà in tour in giro per l'Italia. Dopo essersi incontrate per caso e aver instaurato una bella amicizia, Emma e Patrizia hanno ideato e progettato il proprio sogno imprenditoriale. Abbandonati uffici e preconcetti, le due Miss hanno messo da parte le vecchie vite da architetto e PR per aprirsi al percorso del gusto. O meglio, il buongusto, unione tra attualità e ricerca, tra gourmet e quotidiano. Lo vogliono proporre in un modo nuovo, rifiutando l'anonimo chioschetto. Il frutto delle loro ambizioni è un mezzo a quattro ruote, un food truck dallo stile unico e personalizzato in linea con la loro eleganza. Molto originali i piatti ispirati alla città di Monza, dal panino Re Vittorio Emanuele II con bresaola della Valtellina IGP, erba cipollina, ricotta e ravanelli, alla crèpe Corona Ferrea farcita a scelta con prodotti autentici siciliani quali crema al pistacchio, torrone o mandorla.
 
"Miss Posto è per noi la realizzazione di un sogno – commentano Emma e Patrizia – Da sempre innamorate del cibo di qualità, ci siamo lasciate prendere dall'idea di fornire prodotti ricercati e abbinamenti stuzzicanti a persone spesso troppo impegnate per recarsi in ristoranti di lusso. Attraverso la formula del food truck, potremo portare in giro per l'Italia il buongusto e la raffinatezza di ingredienti selezionati. Siamo pronte per questa nuova avventura".
 
All'inaugurazione della deliziosa caffetteria su quattro ruote, gli invitati hanno assistito allo spettacolo di Rudy Smaila, figlio d'arte dell'attore Umberto, lasciandosi coinvolgere dall'emozionante incontro di buongusto, eleganza e piaceri di gola: è stato possibile assaporare i prodotti di alta qualità mentre le due giovani imprenditrici hanno presentato il food truck e i progetti della loro startup. Tra le anticipazioni, non solo cibo da asporto ma anche servizi di catering su richiesta e un calendario che segnalerà le tappe di Miss Posto, in missione per portare il piacere del buon cibo in giro per la regione e successivamente per l'Italia.
 
La nostalgia degli anni '60 rievocata dalla texture scelta per carrozzeria e packaging dei prodotti si sposa perfettamente con l'attenzione per la qualità degli ingredienti, severamente selezionati secondo la filosofia del ritorno alla naturalità delle cose. La trasversalità investe ogni minuziosa scelta dell'offerta: in Miss Posto coesistono prodotti freschi e realizzati sul momento, accostamenti raffinati tra spezie e bevande senza conservanti, birre artigianali aromatizzate ed etichette commerciali note, sandwich gourmet e crèpe farcite, caffè espresso e varianti speciali. Una vasta offerta quindi per accontentare tutti i gusti, dai più salutari attenti alle golosità ricercate senza coloranti e dolcificanti artificiali, ai fedeli delle grandi marche; ma anche tutti i target di clientela. Emma e Patrizia hanno caratterizzato tutto il menù sulla città di Monza: suggeriscono quindi un panino Regina Teodolinda abbinato a birra Lager Sapporo a chi cerca un pasto sostanzioso e sfizioso, mentre cookies con babyccino ai giovani in cerca di una merenda golosa e fugace, o ancora un caffè tiramisù con crèpe dolce Corona Ferrea. Durante l'inaugurazione, il taglio della torta matrimoniale è stato un omaggio a due simbolici sodalizi: quello tra le due donne, unite nella realizzazione del loro sogno-startup, e quello tra i clienti di Miss Posto e il food truck, con la certezza che una volta avvicinati al brand, ne rimarranno legati per tutta la vita.
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Se Starbucks non conosce bene la storia d’Italia

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso) Correva l’anno 1882 e il governo italiano guidato da Depretis comprava la Baia di Assab dalla società Rubattino per 104.100 lire. Lo Stato Italiano decideva quindi di avviare la sua politica coloniale seguendo l’esempio di altri stati europei come la Francia, il Belgio e l’Inghilterra. Da un lato, c’era il desiderio di non essere assenti dalla spartizione del continente africano, dall'altro c’era la reale necessità di trovare uno sbocco alla sovrabbondanza della popolazione.

Leggi tutto...

 
>