Contenuto Principale

Equitalia: è impreciso dire "rottamazione"

(Laura Giulia D’Orso) E’ iniziato il conto alla rovescia per la rottamazione degli interessi e more ...

Contrordine ragazzi, non è importante imparare le lingue

(Laura Giulia D’Orso) Frequentare un corso di lingua straniera, conoscere il francese, dialogare in ...

Definiti i contributi IVS 2017 di artigiani e commercianti

(Laura Giulia D’Orso) Il contributo IVS (Invalidità, Vecchiaia, Superstiti) è una forma di contribuz...

Le novità del Modello 730/2017

A partire dal 15 Aprile 2017, il modello 730 precompilato verrà messo a disposizione del contribuent...

Comunicazione IVA e liquidazioni periodiche

Il D.L. 193/2016, convertito in L. 225/2016, ha previsto dal 2017 un nuovo adempimento fiscale consi...

  • Equitalia: è impreciso dire "rottamazione"

    Mercoledì 02 Novembre 2016 07:25
  • Contrordine ragazzi, non è importante imparare le lingue

    Giovedì 15 Dicembre 2016 07:28
  • Definiti i contributi IVS 2017 di artigiani e commercianti

    Martedì 21 Febbraio 2017 07:14
  • Le novità del Modello 730/2017

    Venerdì 07 Aprile 2017 06:41
  • Comunicazione IVA e liquidazioni periodiche

    Giovedì 04 Maggio 2017 05:35

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Teatro alla Scala. Anna Bolena PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Venerdì 26 Maggio 2017 06:05
170530 Anna Bolena ph Jp Boisseau 0349(Vittoria Lìcari) Anna Bolena di Gaetano Donizetti è uno di quei titoli – insieme alla verdiana Traviata e alla belliniana Norma – che, specie se rappresentati alla Scala, sono destinati a subire il peso del confronto con l’interpretazione che negli anni cinquanta dello scorso secolo ne diede, proprio su quel palcoscenico, Maria Callas.

Non a caso, dopo la celeberrima ripresa callasiana del 1957/1958 sotto la direzione di Gianandrea Gavazzeni, la Bolena aveva dovuto attendere fino al 1982 per essere ripresentata a Milano, e poi altri trentacinque anni fino all’odierno nuovo allestimento. Il direttore Ion Marin non ha effettuato tagli sostanziali alla partitura, come invece era d’abitudine un tempo, ma ha eliminato solo alcuni ritornelli, presentando dunque il contenuto melodico integralmente e mantenendo altrettanto integra la sostanza formale e drammaturgica. I panni della protagonista sono stati vestiti dalla russa Hibla Gerzmava, voce dalle belle agilità, dotata di bei suoni gravi, ma dagli acuti purtroppo non sempre impeccabili, probabilmente a causa delle fatiche di una ormai lunga e intensa carriera, caratterizza, oltretutto, da un repertorio estremamente eterogeneo.
 
Forse per motivi analoghi, Sonia Ganassi, un tempo grande Giovanna Seymour, dava l’impressione di essere un po’ spenta. Stesso discorso per il basso Carlo Colombara (Enrico VIII), apparso alquanto sotto tono, mentre decisamente positive sono state le prove di Piero Pretti (Percy) e, soprattutto, dell’ottimo contralto Martina Belli (Smeton). Completavano il cast Mattia Denti (Lord Rochefort) e Giovanni Sebastiano Sala (Hervey), quest’ultimo solista dell’Accademia scaligera. Con grande perizia, Ion Marin ha assicurato una buona omogeneità di base nella resa complessiva della compagine vocale e, correttamente interpretando la prassi esecutiva belcantistica, ha consentito agli interpreti di eseguire le cadenze perfette in acuto. A parere di chi scrive, però, tale concessione si sarebbe dovuta limitare alle cadenze finali dei vari numeri: cadenzare verso l’alto a metà di un duetto, subito prima del tempo di mezzo, com’è accaduto nel duetto del primo atto fra Bolena e Percy, contraddice palesemente l’andamento drammaturgico-musicale dell’opera. Inoltre, se non adeguatamente sorretti, gli acuti hanno meno impatto drammatico di una ben sostenuta risoluzione sulla quinta discendente.
 
L’allestimento dell’Opéra National de Bordeaux, con la regia di Marie-Louise Bischofberger, era basato su di una scenografia sostanzialmente astratta, disegnata da Eric Wonder, dove l’unico elemento fisso e realistico era un trono che, nella scena finale, si trasformava in patibolo. I costumi, di Kaspar Glarner, erano sostanzialmente atemporali per gli uomini, mentre quelli femminili erano storicamente più definiti, allo scopo di rappresentare la minore libertà goduta dalle donne, il cui destino era – e in alcuni casi è ancora oggi - condizionato dagli uomini e dalla loro sete di potere. Per nulla originale, nonché di dubbia efficacia, la materializzazione dell’amato durante la scena di follia; interessante, invece, l’idea di portare in scena la figura della piccola Elisabetta, figlia di Anna ed Enrico, a ricordare che Bolena, a dispetto della damnatio memoriae che a lungo ha perseguitato la sua figura, fu anche una madre.
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Se Starbucks non conosce bene la storia d’Italia

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso) Correva l’anno 1882 e il governo italiano guidato da Depretis comprava la Baia di Assab dalla società Rubattino per 104.100 lire. Lo Stato Italiano decideva quindi di avviare la sua politica coloniale seguendo l’esempio di altri stati europei come la Francia, il Belgio e l’Inghilterra. Da un lato, c’era il desiderio di non essere assenti dalla spartizione del continente africano, dall'altro c’era la reale necessità di trovare uno sbocco alla sovrabbondanza della popolazione.

Leggi tutto...

 
>