Contenuto Principale

Come comportarsi in caso di precipitazioni nevose

Per la stagione invernale 2019 il Comune ha disposto le procedure di comportamento in caso di ghiacc...

potenziamento del servizio di trasporto pubblico a Monza

  E' questa la principale novità per Monza introdotta dal Programma di Bacino del Trasporto Pubblic...

L’omaggio di Monza al grande Rossini

Il 2018 è stato dichiarato “Anno Rossiniano” nel 150esimo anniversario della morte del gra...

Elezione del Parlamento Europeo fissata per il 26 maggio 2019

In occasione della prossima Elezione del Parlamento Europeo fissata per il 26 maggio 2019, anche i...

Al via il Piano freddo per i senza dimora

Anche quest'anno il Comune, in collaborazione con le associazioni di volontariato, ha predisposto ...

  • Come comportarsi in caso di precipitazioni nevose

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • potenziamento del servizio di trasporto pubblico a Monza

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • L’omaggio di Monza al grande Rossini

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • Elezione del Parlamento Europeo fissata per il 26 maggio 2019

    Martedì 19 Settembre 2017 06:09
  • Al via il Piano freddo per i senza dimora

    Sabato 07 Ottobre 2017 09:50

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Festa della donna? Un po' di buon senso PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 
Mercoledì 08 Marzo 2017 21:11
(Laura Giulia D’Orso) Non ho festeggiato ieri l’8 marzo, festa della donna. E non ho neppure scioperato. Sono solo stata me stessa e basta. Non si può accettare che tutto si riduca ad una semplice data o ad una giornata di protesta rosa. Non è così che funziona e non è così che noi donne dobbiamo agire.
Ieri si è sceso in piazza per reclamare diritti e per libertà mancate che i nostri stessi figli e i nostri stessi compagni hanno voluto o non hanno attuato. Siamo noi stesse ad aver messo al mondo tutto l’universo maschile che ci circonda e che tanto adesso condanniamo, e siamo noi che li abbiamo cresciuti e li abbiamo coccolati, viziati e adorati e spero anche educati.
Se qualcosa non ha funzionato o non funziona forse riflettere sul nostro ruolo di educatrici sarebbe cosa più utile.
Mi permetterò solo piccoli consigli, pratici, semplici, stupidi forse.

Mamme, se vi nascesse una femminuccia non vestitela tutta di rosa dai piedini alla testa, fiocchetti, perline e pizzetti stile bambolina ottocento. I figli, voluti o no, non sono bambolotti da mostrare, ma piccolissimi esseri umani da crescere ed educare.

Le gonne per giocare sono scomode e le calzamaglie o i collant pizzicano!
Sono cresciuta “appiccicata” a mio fratello maggiore di un anno, jeans resistenti a cadute e sbucciate e scarpe da tennis da inzaccherare. Ho potuto correre, saltare, sporcarmi e fare giochi divertenti e “maschili”. E mi sono sempre divertita parecchio. Palla-battaglia, balla-base, calcio anche, se occorreva un difensore, mi sono arrampicata sugli alberi, ho costruito case e palazzi con il Lego e con il Meccano. Ho smontato radio rotte e sveglie, che peraltro non sono mai riuscita a rifare funzionare.

Non aveva senso per me vestire, spogliare e rivestire bambole, apparecchiare e cucinare con piccoli piattini o far finta di pulire o stirare con attrezzi domestici in miniatura. Quello lo avrei dovuto poi fare per una vita intera!

Quando ho ricevuto la casa delle bambole ci ho fatto scorrazzare dentro Billy, il criceto di mio fratello, non me ne vogliano gli animalisti. Credo che la bestiola si sia anche divertita. Epocale è rimasto il giorno in cui ha evacuato nel piccolissimo gabinetto della casa!

Ho sempre scelto io, nello sport da praticare, nelle scuole da intraprendere, nelle amicizie da frequentare, impuntandomi all’occorrenza se necessario. Con tutti i difetti che potrei riconoscere ai miei genitori non c’è sicuramente la frase “tuo fratello lo può fare perché è maschio.” Ho fatto tutto e tanto, velocemente, esattamente come lui: studio, sport, laurea, lavoro, matrimonio. E ho studiato, tanto. Molto per curiosità, poco per obbligo. Alle ragazze di oggi dico: studiate, leggete tutto quello che vi passa sotto gli occhi. La conoscenza vi rende consapevoli e libere! Non lo smalto laccato sulle unghie o i capelli “stirati” perché usa! Dovete piacere a voi stesse non seguire le altre!

A 25 anni ho detto al mio attuale ed unico marito dopo sei mesi di frequentazione: ”io sono così, nel bene e nel male, non sarai tu a cambiarmi; non lo potrai fare e io non cambierò te”. E ci siamo sposati. Perché le persone non si cambiano una volta che sono cresciute! E’ l’educazione e l’ambiente sociale e familiare che le forgia. Si cambierà certo, ma sarà la vita a farlo perché non si rimane se stessi in eterno.
Gli eventi belli e brutti che si avvicenderanno nel corso degli anni ci faranno cambiare ma saremo noi a modificarci scientemente e non altre persone a farlo.

Ho cresciuto due figli, sono maschi. In casa ho insegnato loro sin da piccoli a riordinare le camere, ha rifare i letti, a preparare la cartella ad assumersi compiti domestici. Ho insegnato loro a cucinare, a fare la spesa, a svuotare lavastoviglie e stendere i loro vestiti lavati, sistemare il guardaroba.

Non è stato né semplice né facile, assolutamente. Ci sono stati e ci sono ancora tentativi di “ribellione” e musi lunghi, ma non ho lasciato perdere. Io l’ho fatto per loro ma soprattutto per le loro eventuali compagne che la vita porrà loro accanto.

Ad oggi sono 30 anni che “lavoro” da mamma. Se riscuoto anche gli anni universitari salgo a 34. Sono in età pensionabile, credo! Fornero docet. Un bel piatto di pasta o una bistecca in padella sono sicura che a 27 e 26 anni i miei figli se la sanno cuocere perfettamente mentre io mi guardo la televisione!

 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Nomen Omen - Sanremo 2019

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Non ne faccio sicuramente una questione di italiano o non italiano, il pezzo di Mahmood poteva cantarlo anche un fiorentino con l'accento toscano incallito, o romano “de” Trastevere, solo che il motivo che ha vinto questa edizione del festival è di una bruttezza assoluta. Questo è il mio parere da “giornalista”, ma visto che il parere della Stampa e della Giuria tecnica (decisamente poco competente per quel compito), vale un …. sacco (anche se non si è capito quanto), allora mi permetto di giudicare. Se si pensa che adesso rappresenterà l’Italia all’Eurofestival, beh gli faccio proprio gli in bocca al lupo.
Ultimo è piaciuto al pubblico, questo è un dato di fatto! Visto che Dandini, Bastianch & company al limite si limiteranno a comprare un cd, vedo più commercializzabile il pezzo del ragazzo romano che ….. scusate tanto non è proprio l’ultimo dei “barlafüs” e accettate il mio lombardismo.
Nato a Roma ha seguito tutto il percorso di studi al Conservatorio Santa Cecilia, fondata nel 1556, incentrato sullo studio del pianoforte e poi della composizione, inizia a scrivere e comporre canzoni già all'età di quattordici anni. Il Conservatorio di Musica “Santa Cecilia” di Roma, conosciuto in tutto il mondo accademico musicale, opera in ambito nazionale ed internazionale, svolge un’opera attenta, seria, e professionale nello sviluppo dei talenti sul territorio, realizza attività di formazione.
Il tempo è un ottimo misuratore di torti e ragioni. Basta aspettare. Diceva già tempo addietro Mark Twain: «se votare facesse qualche differenza non ce lo lascerebbero fare».
 

Siamo sicuri che la Supercoppa Juventus -Milan sia progresso?

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D'Orso).Jean-Jacques Rousseau, nel suo Discorso sulle scienze e sulle arti (1750), denunciava il carattere illusorio e mendace della civilizzazione. Dal suo punto di vista, l’unica qualità che poteva distingue i popoli più evoluti era l’abilità nell’occultare, che significava evitare la brutalità dei rapporti sociali. “La raffinatezza, scriveva, è un velo steso sopra la barbarie”. Il Discorso sulle scienze e sulle arti è un capolavoro di retorica. Si apre con un panegirico del progresso umano che riprende e porta all'apice i valori illuministi: l’eroica vittoria su ciò che è brutale, l’uscita dell’umanità dalle tenebre, lo slancio prometeico verso una conoscenza che abbracciava sia il mondo fisico, sia il progresso tecnologico sia il mondo morale.

Il mito del progresso sull’emancipazione delle donne a Gedda viene svuotato dietro la gloriosa apparenza tecnologica del settore per le donne, nelle piccole giocatrici che scendono in campo con i più grandi calciatori del mondo. La Supercoppa diventa perciò un potente effetto retorico, si compie in una società dove la cultura ammanta l’oppressione politica e dove le convenzioni impongono l’ipocrisia, rendendo impossibile ogni comunicazione autentica.

Eppure lo spirito ha anche i suoi bisogni al pari o forse superiori a quelli del corpo. Questi sono il fondamento della società, l’ornamento primario di un vero progresso. Mentre il governo e le leggi provvedono alla sicurezza e al benessere delle persone.

“La ricchezza dell’adornamento può rivelare un uomo opulento e la sua eleganza un uomo di gusto; ma l’uomo sano e robusto si riconosce da altri segni: sotto l’abito rustico d’un agricoltore, non sotto la doratura di un cortigiano si troverà la forza e il vigore del corpo. L’adornamento non è meno estraneo alla virtù, la quale è la forza e il vigore dell’anima. L’uomo dabbene è un atleta, che si compiace di lottar nudo; egli disprezza tutti quei vili ornamenti che impaccerebbero l’uso delle sue forze, e che per la maggior parte non son stati inventati che per nascondere qualche deformità.”

Fino a quando i giornali scriveranno …”che allo stadio sono attesi 62mila tifosi ed anche 15mila donne … e non …”sono attesi 77mila spettatori, continueranno ad edulcorare un primario ordinamento di progresso.