Contenuto Principale

“I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta.”

(Laura Giulia D'Orso). Il 7 Aprile 2004 viene ritrovato l’aereo di Antoine de Saint-Exupéry abbatt...

Giovannini 2019

Si terrà lunedì 24 giugno come da tradizione alle ore 12.00 in Piazza Roma, sotto i portici dell’Are...

La morte si è portato via l’uomo, non la leggenda

Niki Lauda, la leggenda della Formula 1, si è spento il 20 maggio in una clinica svizzera. Aveva 70 ...

In arrivo gli "Angeli del Parco" di Monza

Gli articoli 20 e 27 del Regolamento del Parco di Monza e dei Giardini Reali sono chiari: i cani dev...

SUMMERMONZA2019»: l'estate è adesso

Sabato 8 giugno, con il Corteo storico, inizia la seconda edizione del «Summer Monza 2019», il gra...

  • “I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta.”

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • Giovannini 2019

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • La morte si è portato via l’uomo, non la leggenda

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • In arrivo gli "Angeli del Parco" di Monza

    Sabato 07 Ottobre 2017 09:50
  • SUMMERMONZA2019»: l'estate è adesso

    Sabato 07 Ottobre 2017 10:00

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Incontro formativo per ginecologi e medici di base sull'infertilità PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
Martedì 11 Giugno 2019 14:08
Calo della natalità e accesso a informazioni affidabili e specifiche sull’infertilità per ginecologi e medici di base: due tematiche strettamente connesse
Il Centro di Medicina della Riproduzione Biogenesi organizza a Monza venerdì 14 giugno un corso di formazione sul tema
 
Secondo un recente studio scientifico, il 56% dei ginecologici italiani crede erroneamente che il limite dell’età fertile della donna sia tra i 44 e i 50 anni e che la procreazione assistita possa sempre sopperire ai problemi di infertilità. Le pazienti ignorano che già dai 35 anni la fertilità declina rapidamente e anche i medici di base sono insufficientemente informati su questo tema. Il Centro di Medicina della Riproduzione Biogenesi degli Istituti Clinici Zucchi di Monza, parte del Gruppo San Donato, organizza un incontro per condividere con ginecologi e medici di base i percorsi di prevenzione, diagnostici e terapeutici per la sterilità di coppia
 
La denatalità in Italia sta assumendo dimensioni e caratteristiche allarmanti: i nuovi nati sono la metà dei nati all’epoca del baby boom. La “trappola demografica” nata da questo fenomeno è di duplice natura e conduce da una parte ad un continuo calo di nati per anno e dall’altra ad una sempre crescente diminuzione di potenziali genitori tra 20 o 30 anni.
 
L’infertilità di coppia interessa il 20% della popolazione in età fertile e tra le cause responsabili dell’aumento della problematica di infertilità - oltre ai fattori di rischio, alle patologie che hanno influsso sulla fertilità e alle condizioni ambientali - assume un ruolo sempre più rilevante il mutamento delle esigenze e delle abitudini sociali. Mentre una volta la famiglia veniva costituita presto e le gravidanze si conseguivano in età giovane, i cambiamenti sociali, le necessità di studio e carriera, la difficoltà maggiore a trovare un partner o un lavoro stabile portano sia le donne che le coppie a posporre la gravidanza. Quando si accorgono che sta diventando tardi, però, spesso è veramente troppo tardi per potere avere un figlio con i propri ovociti. La fertilità femminile, infatti, subisce un drastico declino a partire dai 35 anni. E nessuno spiega chiaramente che la medicina della riproduzione non è in grado di sopperire completamente al declino della fertilità.
 
È importante informare le coppie su questi limiti e far sì che i medici di base e ginecologi – spesso il primo riferimento per le coppie con problemi di fertilità - sappiano affrontare le problematiche legate all’infertilità con percorsi aggiornati sia nella prevenzione che nella diagnostica e nella terapia. E’ necessario informarli dei continui progressi in ambito di Medicina della Riproduzione per potere accorciare i tempi nel percorso per il raggiungimento della gravidanza, soprattutto nelle coppie dove il fattore legato all’età rappresenta la principale causa del mancato concepimento. Attenzione ai limiti dell’età fertile, accesso alla fecondazione assistita con gameti propri o donati e adozioni: i percorsi possibili sono molti ma devono essere illustrati alla coppia nei tempi corretti.
 
Da un recente studio scientifico  emerge invece che il 56% dei ginecologi italiani che lavorano in strutture ospedaliere pubbliche e private ritengono non rara la possibilità di avere un figlio spontaneamente e senza aborto dopo i 44 anni e fino ai 50. Il 49% è convinto che la PMA possa sopperire completamente al declino naturale della fertilità femminile, mentre solo il 44% dei medici sa come calcolare la riserva ovarica di una donna, ovvero la quantità di ovociti disponibili nelle ovaie per iniziare una gravidanza. L’informazione ai pazienti sulla fertilità e sulla sua preservazione è ancora un argomento di massima rilevanza nella formazione e nell’aggiornamento di molti medici. Da qui nasce l’idea dell’incontro informativo organizzato dal Centro di Medicina della Riproduzione Biogenesi.
 
Il corso, dedicato a ginecologi e medici di base, prevede il pagamento di una quota di iscrizione e il riconoscimento di 4 crediti formativi. I posti disponibili sono 50. È possibile verificare la disponibilità di posti scrivendo a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
L’incontro si terrà presso gli Istituti Clinici Zucchi di Monza. Tra i relatori il Dott. Rubens Fadini, Responsabile del Centro di Medicina della Riproduzione Biogenesi e il Dott. Mario Mignini Renzini, Direttore Medico del Centro di Medicina della Riproduzione Biogenesi e Responsabile dell'Unità Operativa di Ginecologia presso gli Istituti Clinici Zucchi di Monza.
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Io sto con la Legge Italiana :#io NON sto con Carola

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D'Orso). Sarà che sono stata “tirata su” a pane, studio, sport e disciplina. Sarà che se vìoli le regole dello sport che pratichi sei fuori dai giochi. Sarà che è sempre più facile per chiunque dire sì che opporre un divieto, sarà che in uno Stato di Diritto quale l’Italia è, si presuppone che l’agire dello Stato sia sempre vincolato e conforme alle Leggi vigenti e lo Stato stesso sottopone esso medesimo al rispetto di Codici e di Costituzioni scritte, sarà per questo che #io NON sto con Carola! Si chiamasse pure Paola o Cristina e fosse francese o italiana non farebbe alcune differenza per me.
Trasformata da imbellettati e ricchi esponenti di sinistra in paladina, la signorina in questione ha violato la legge italiana. Intenzionalmente e volutamente. Riprendendo il tormentone della sinistra di qualche tempo fa (ma non gli è bastata la batosta elettorale!?!) del “senza se e senza ma” … in Italia si applica in maniera pragmatica la legalità e non si pretenda perciò di forzare il Codice di diritto del Mare e della Navigazione, il cui codice ho avuto modo di leggerlo già all’epoca dei Marò detenuti illegalmente in India.