Contenuto Principale

Equitalia: è impreciso dire "rottamazione"

(Laura Giulia D’Orso) E’ iniziato il conto alla rovescia per la rottamazione degli interessi e more ...

Contrordine ragazzi, non è importante imparare le lingue

(Laura Giulia D’Orso) Frequentare un corso di lingua straniera, conoscere il francese, dialogare in ...

Definiti i contributi IVS 2017 di artigiani e commercianti

(Laura Giulia D’Orso) Il contributo IVS (Invalidità, Vecchiaia, Superstiti) è una forma di contribuz...

Le novità del Modello 730/2017

A partire dal 15 Aprile 2017, il modello 730 precompilato verrà messo a disposizione del contribuent...

Comunicazione IVA e liquidazioni periodiche

Il D.L. 193/2016, convertito in L. 225/2016, ha previsto dal 2017 un nuovo adempimento fiscale consi...

  • Equitalia: è impreciso dire "rottamazione"

    Mercoledì 02 Novembre 2016 07:25
  • Contrordine ragazzi, non è importante imparare le lingue

    Giovedì 15 Dicembre 2016 07:28
  • Definiti i contributi IVS 2017 di artigiani e commercianti

    Martedì 21 Febbraio 2017 07:14
  • Le novità del Modello 730/2017

    Venerdì 07 Aprile 2017 06:41
  • Comunicazione IVA e liquidazioni periodiche

    Giovedì 04 Maggio 2017 05:35

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Registrazioni dei colloqui con i medici ma solo con consenso PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Mercoledì 08 Marzo 2017 21:25
Autorizzare l’inserimento, nella documentazione sanitaria del paziente, esclusivamente delle registrazioni audio/video realizzate con il consenso del professionista sanitario: è quanto prevede una mozione approvata dal Consiglio regionale della Lombardia, che impegna la Giunta anche ad istituire un tavolo di confronto con i rappresentanti degli Ordini dei Medici, i componenti delle direzioni strategiche e le direzioni generali interessate al fine, si legge nel testo della mozione, “di predisporre un documento che favorisca il miglioramento qualitativo del sistema sanitario, rispettando le basilari regole di relazione interpersonale, sia nell’ambito della fiducia medico-paziente, sia nell’ambito della fiducia nel sistema sanitario”.
“La registrazione è uno strumento utile da usare con trasparenza al fine di migliorare la piena riuscita di una prestazione medica assistenziale – osserva Antonio Saggese, consigliere e componente della Commissione Sanità e politiche sociali –. Tuttavia non può essere dimenticato, come riporta il Manuale delle registrazioni dei pazienti di Regione Lombardia, approvato lo scorso novembre, che un nodo importante della registrazione è la sua natura “nascosta” o meno, cioè se viene fatta informandone, ad esempio, il medico che sta fornendo la prestazione”.

“In Italia – sottolinea Saggese – l’art. 5 della legge sulla privacy consente, per questioni che ci riguardino direttamente, le registrazioni “covert”, senza cioè chiedere all’interlocutore, in questo caso il medico, il permesso di registrare il colloquio. Cosa differente è “se le registrazioni fossero utilizzate per finalità di diffusione diversa (ad esempio sui social media)”. Con la possibilità di registrare il rapporto medico-paziente all’insaputa del medico, che la legge sembra consentire, si potrebbe però provocare il paradosso di diffondere la sfiducia dei cittadini nei confronti degli operatori del servizio sanitario regionale”.

“Condivido quanto affermato nel Manuale, ovvero che “è da ritenersi buona norma che il paziente informi preventivamente il professionista della sua intenzione di registrare il loro incontro”. Con l’istituzione del taccuino personale – ricorda il consigliere della Lista Maroni – ogni cittadino ha facoltà di inserire nel proprio fascicolo sanitario elettronico informazioni riguardanti i documenti sanitari, le terapie farmacologiche e quindi anche le eventuali registrazioni audio/video effettuate dall’assistito. Bisogna prendere atto di un progressivo incremento dell’uso delle registrazioni e riconoscerne il potenziale valore all’interno di un buon rapporto operatore sanitario-paziente – conclude Antonio Saggese –, tuttavia è bene ribadire l’importanza della trasparenza del rapporto tra le parti, unico presupposto per un rapporto di qualità tra medico e paziente”.
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Se Starbucks non conosce bene la storia d’Italia

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso) Correva l’anno 1882 e il governo italiano guidato da Depretis comprava la Baia di Assab dalla società Rubattino per 104.100 lire. Lo Stato Italiano decideva quindi di avviare la sua politica coloniale seguendo l’esempio di altri stati europei come la Francia, il Belgio e l’Inghilterra. Da un lato, c’era il desiderio di non essere assenti dalla spartizione del continente africano, dall'altro c’era la reale necessità di trovare uno sbocco alla sovrabbondanza della popolazione.

Leggi tutto...

 
>