Contenuto Principale

100 scatti di Robert Capa a Monza

Arriva all’Arengario di Monza dal 7 ottobre 2018 al 27 gennaio 2019 una grande mostra dedicata a R...

La Protezione Civile Monzese in Veneto

La Protezione Civile di Monza ha risposto alla richiesta di ANCI, Associazione Nazionale Comuni It...

L’omaggio di Monza al grande Rossini

Il 2018 è stato dichiarato “Anno Rossiniano” nel 150esimo anniversario della morte del gra...

Campagna sul possesso responsabile degli animali d'affezione

Iniziativa di sensibilizzazione sull’importanza della microchippatura dei cani e iscrizione in anagr...

Monza - dal 27 ottobre MonzaMontagna 2018

“MonzaMontagna” cresce anno dopo anno e per la quattordicesima edizione, partita lo scorso 7 ottobre...

  • 100 scatti di Robert Capa a Monza

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • La Protezione Civile Monzese in Veneto

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • L’omaggio di Monza al grande Rossini

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • Campagna sul possesso responsabile degli animali d'affezione

    Martedì 19 Settembre 2017 06:09
  • Monza - dal 27 ottobre MonzaMontagna 2018

    Sabato 07 Ottobre 2017 09:50

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Benessere & Salute
"Cartellino rosso" alla disidratazione: ecco come influisce sulle performance di arbitri e sportivi PDF Stampa E-mail
Martedì 25 Aprile 2017 21:43

Una lieve diminuzione dei livelli di idratazione può peggiorare le performance sportive e quelle mentali.

Uno studio mette in evidenza che può anche favorire gli errori degli arbitri

Una leggera disidratazione (2% del peso corporeo) influisce non solo sul rendimento atletico ma anche sulle capacità cognitive influenzando le decisioni degli arbitri: a dimostrarlo è uno studio[1] apparso sulla rivista Journal of Athletic Training riportato da HydrationLab.it (www.hydrationlab.it/news). Gli studiosi hanno preso in esame i comportamenti degli arbitri in occasione dei Mondiali di Calcio che si sono svolti in Brasile nel 2014, mettendo in evidenza che il clima caldo e il conseguente aumento del rischio di disidratazione potrebbero aver influenzato le decisioni prese durante la competizione.

Il cervello è infatti un organo ad elevata attività metabolica e come tale, per funzionare al meglio, necessita di una corretta e costante idratazione, soprattutto quando le attività svolte richiedono una particolare concentrazione, come per l’arbitraggio. Inoltre bisogna considerare che gli eventi sportivi, svolgendosi a diverse latitudini, sottopongono arbitri e giocatori a condizioni ambientali che possono essere molto diverse tra loro. Per questo motivo risulta fondamentale valutare e prestare attenzione alla quantità di acqua da assumere.

“La quantità di acqua necessaria per conservare l’equilibrio idrico dell’organismo per uno sportivo dipende da diversi fattori, come il tipo di attività praticata, la sua durata e le condizioni climatiche, e può oscillare tra il litro e mezzo e i tre al giorno” - spiega il Dott. Alessandro Zanasi, esperto dell’Osservatorio Sanpellegrino e membro della International Stockholm Water Foundation, e aggiunge – “Gli effetti che una scarsa idratazione produce sulle capacità cerebrali dell’individuo possono variare, a seconda del livello di disidratazione, dalla leggera stanchezza mentale, al mal di testa fino ad influenzare le abilità intellettive e ad ostacolare lo sviluppo dei processi cognitivi”.

Ma idratarsi correttamente è fondamentale non solo per gli sportivi di professione, bensì anche per chi lo sport lo pratica solo per passione. L’acqua svolge infatti per il nostro organismo un’importantissima funzione di termoregolazione, che ci consente di mantenere la temperatura interna costante intorno ai 37 gradi.

La temperatura corporea interna aumenta quando pratichiamo attività sportiva ma non solo, anche fattori ambientali, come il tasso di umidità, ad esempio, possono limitare la capacità del nostro corpo di eliminare il calore in eccesso per mezzo della sudorazione.” – afferma il Dott. Alessandro Zanasi, esperto dell’Osservatorio Sanpellegrino e membro della International Stockholm Water Foundation, e aggiunge - “Per comprendere l’importanza della funzione di termoregolazione assolta dall’acqua basti pensare che durante l’attività sportiva, in condizioni climatiche caldo umide il corpo può arrivare a produrre una quantità di calore fino a 10-15 volte superiore a quella prodotta a riposo, con un conseguente aumento dei livelli di temperatura corporea che senza la sudorazione potrebbe raggiungere il grado ogni 5 minuti”.

Quando la temperatura corporea aumenta, la sudorazione consente quindi all’organismo di disperdere l’energia calorica in eccesso. Tale meccanismo provoca tuttavia anche l’eliminazione di acqua e sali minerali che se non reintegrati potrebbero portare il corpo a disidratarsi: bere è quindi fondamentale per controbilanciare la perdita di liquidi e sali minerali indotta dalla sudorazione. A questo va aggiunto che un corpo disidratato produce meno sudore e rallenta il tasso di svuotamento gastrico, accrescendo ancor di più il livello di disidratazione[2]. È bene quindi per chi pratica attività sportiva prestare attenzione all’idratazione anche prima dell’allenamento, possibilmente scegliendo la tipologia di acqua più adatta alle proprie esigenze.

“Se è importante bere prima e durante l’allenamento, per un recupero più efficace è consigliabile anche scegliere il tipo di acqua da assumere considerandone le specifiche proprietà. Per un reintegro idrico rapido sono ad esempio indicate acque con un apporto salino contenuto, perché assimilabili in tempi molto veloci” – suggerisce il Dottor Zanasi - “Diversa invece la tipologia di acqua consigliata al termine dell’attività fisica: sono da privilegiare acque minerali con un residuo fisso più elevato che permettono un maggior apporto di sali, la cui assimilazione avviene in tempi più lunghi, quindi ideali per il recupero”.

Per ulteriori informazioni su sport e idratazione, consultare i seguenti articoli pubblicati su Hydrationlab.it/news:

- L'importanza dell'idratazione quando si va a sciare (https://www.hydrationlab.it/news/sci-bere-acqua)

- L'importanza di una corretta idratazione per i piccoli sportivi (https://www.hydrationlab.it/news/corretta-idratazione-cervello)

- Corretta idratazione e attività mentale (https://www.hydrationlab.it/news/corretta-idratazione-cervello)



[1] J Athl Train. 2016 Mar;51(3):264-6. doi: 10.4085/1062-6050-51.3.04. Epub 2016 Feb 16. Hydration: The New FIFA World Cup's Challenge for Referee Decision Making? Houssein M1,2, Lopes P3, Fagnoni B1, Ahmaidi S1, Yonis SM2, Leprêtre PM

[2] Consensus Paper “Acqua e salute. Come l’acqua protegge e migliora la salute nei suoi vari aspetti”, FEMTEC, p. 80

 
Un “ospedale pu-pazzesco”: progetto con i Clown della Croce Rossa e gli operatori del Sism PDF Stampa E-mail
Venerdì 24 Marzo 2017 21:54
Un tricheco a cui curare il mal di denti e un orso bianco a cui fare una flebo. Ma anche conigli, istrici e cagnolini, ognuno con la propria patologia.
Leggi tutto...
 
Ora legale: al mattino raddoppia il rischio mal di schiena PDF Stampa E-mail
Venerdì 24 Marzo 2017 20:09
Il ridotto riposo provoca squilibri chimici a livello cerebrale e si abbassa la soglia di sopportazione del dolore. I consigli dell'esperto Alessandro Napoli del Dipartimento di Scienze Radiologiche dell'Università La Sapienza di Roma
Leggi tutto...
 
Run for Parkinson: sensibilizzare sulla malattia PDF Stampa E-mail
Venerdì 24 Marzo 2017 20:07

Una corsa che non è solamente appuntamento sportivo, ma testimonianza. Si corre domenica 26 dicembre a Legnano (MI) la Run for Parkinson, manifestazione organizzata da AsPI (Associazione Parkinson Insubria) Legnano con il patrocinio del Comune e il sostegno, tra gli altri, della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 10
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Ad buon intenditor poche parole

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso) Esistono numerosi studi economici che analizzano l’impatto del cambio di un manager sulle performance di un’azienda. Le stime sono rilevate in genere nelle aziende quotate in borsa ma risultano ignote nelle aziende di dimensioni più piccole. I dati presi dallo sport non fanno eccezione: in particolare, quelli del calcio. In genere “il manager” che viene rimosso per primo e sostituito nel calcio è l’allenatore, che affronta il rischio dell’esonero. Si parla sempre più di leadership, di motivazione: il vero capo è colui che sa tirare fuori il meglio dai suoi collaboratori, creando un gruppo unito ed una missione da raggiungere. Nel calcio è cercare di vincere una partita, allora i giocatori non sono troppo diversi, ognuno con il proprio ruolo, dal team di un’azienda che punta alla realizzazione di un progetto di successo. I dati calcistici hanno quattro vantaggi, in particolare, per studiare questo fenomeno. Innanzitutto, la performance è misurata su base settimanale, attraverso tre semplici indicatori: vittoria, pareggio o sconfitta della squadra. Le scelte dell’allenatore sono osservabili da tutti, cioè i giocatori schierati ed il tipo di gioco adottato. Le competizioni calcistiche sono relativamente omogenee tra loro, confrontando tra loro squadre con gli stessi obiettivi Le caratteristiche importanti degli allenatori sono conosciute, come l’esperienza pregressa nello sport, l’età, e i risultati ottenuti in passato. Si possono estrarre da questi dati tre ipotesi La prima è la teoria del “senso comune”, secondo la quale un allenatore è il responsabile dei risultati deludenti di una squadra. La seconda teoria è quella del “circolo vizioso”: nonostante l’esonero, la squadra continuerà a fare male, a causa della confusione all’interno delle relazioni societarie. Il cambio allenatore avrà un effetto destabilizzante, in negativo. La terza teoria che tenta di spiegare il fenomeno dell’esonero prende il nome del “rito del capro espiatorio”. Un tecnico è allontanato solo per divergenze con la società ma ha l’appoggio dei tifosi, dei media e soprattutto dei suoi giocatori. Ma è davvero così o potrebbe trattarsi di una sorta di illusione ottica? I risultati del campo possono essere influenzati da diversi fattori, che non sono presi in considerazione da un approccio comparativo semplicistico. Innanzitutto, il nuovo allenatore e quello precedente non giocano contro gli stessi avversari, né un nuovo management ha per forza di fronte le stesse sfide di quello precedente. Ad esempio, è possibile che l’allenatore esonerato abbia iniziato la stagione affrontando gli avversari più forti, mentre il nuovo si trova lungo il percorso avversari meno forti. Oppure che il management abbia dato vita a un’opera di risanamento lacrime e sangue i cui effetti si vedranno solo in un futuro più lontano. Quindi, cambiare allenatore o management può essere del tutto inutile? Nel caso delle piccole e medie squadre gli studi dicono di si, porta incertezza. Da quanto il Monza Calcio è passato di mano ed i nuovi proprietari sono Silvio Berlusconi e l’ad. Galliani, la squadra non ha più vinto. I risultati positivi delle prime tre partite si sono trasformate in una sconfitta e due pareggi. Certamente non aiuta al gruppo, all’allenatore e allo staff tecnico, leggere e sentire da certa stampa nomi accostati a quello o a questo. Non aiutano sapere che già si cerca un nuovo allenatore o che lo staff potrebbe essere “invaso” da ex milanisti. Diamo perciò a Mister Zaffaroni ciò che è di Mister Zaffaroni: il merito di avere creato un gruppo unito, una missione da raggiungere, una leadership forte dello staff e ……. basta “sparate”.