Contenuto Principale

Basta walzer per favore, ne abbiamo le scatole piene

(Laura Giulia D'Orso) Per favore basta dirci bugie. Un intero popolo chiede che le Istituzioni non...

Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia

(Paolo Mariani) - Pur senza negare la correttezza dei numeri comunicati dai mezzi di informazione ...

  • Coronavirus, gruppo FS Italiane: misure e iniziative

    Domenica 23 Febbraio 2020 20:55
  • Basta walzer per favore, ne abbiamo le scatole piene

    Martedì 10 Marzo 2020 10:57
  • Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia

    Lunedì 16 Marzo 2020 07:20

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Lunedì 16 Marzo 2020 07:20
Indice
Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia
2. Dati demografici
3. Patologie pre-esistenti
4. Sintomi
5. Complicanze e Decessi di età inferiore a 40 anni
Tutte le pagine
200316 coronavirus(Paolo Mariani) - Pur senza negare la correttezza dei numeri comunicati dai mezzi di informazione ritengo utile riportare un documento stilato dall’Istituto Superiore di Sanità sulle “caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia”. Ferma restando la gravità della situazione è opportuno notare come le poche parole di un titolo e i pochi secondi di un servizio giornalistico non possano riassumere in modo esaustivo lo stato delle cose e contenuti che sarebbero da spiegare più dettagliatamente, così come a nulla giova sottolineare continuamente la desertificazione di luoghi simbolo del nostro Paese, solitamente affollati (se la popolazione deve stare in casa è ovvio che i luoghi pubblico siano deserti. Dove sta la notizia?)
(…) Il presente report è basato sui dati aggiornati al 13 Marzo 2020
 
1.    Campione
Il presente report descrive le caratteristiche di 1016 pazienti deceduti e positivi a COVID-19 in Italia. La distribuzione geografica dei decessi è la seguente:

REGIONI

N

%

Abruzzo

2

0.2

Bolzano

1

0.1

Emilia-Romagna

146

14.4

Friuli-Venezia Giulia

5

0.5

Lazio

9

0.9

Liguria

13

1.3

Lombardia

762

75.0

Marche

3

0.3

Piemonte

18

1.8

Puglia

5

0.5

Toscana

3

0.3

Trento

1

0.1

Veneto

48

4.7

     

TotalE

1016

100.0

 

L’età media dei pazienti deceduti e positivi a COVID-19 è79.4 anni (mediana 80.0, range 38-100, Range InterQuartile - IQR 75.0-85.8). Le donne sono 289 (28.4%). La figura 1 mostra che l’età mediana dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 è più alta di circa 15 anni rispetto a quella dei pazienti che hanno contratto l’infezione (età mediane: pazienti deceduti 80 anni – pazienti con infezione 65 anni). La figura 2 mostra il numero dei decessi per fascia di età. Le donne decedute dopo aver contratto infezione da COVID-19 hanno un’età più alta rispetto agli uomini (età mediane: donne 84 – uomini 79). La figura 3 mostra la letalità (decessi/malati) per fascia di età. Come mostra la figura la letalità aumenta in maniera marcata dopo i 70 anni.

Figura 1. Età mediana deceduti e diagnosticati positivi a COVID-19

200316 Report CoronaVirus Figura 01
 
 
 
 
 
 
 

 

200316 Report CoronaVirus Figura 02
 
 
 
 
 
 
 
 Figura 2. Numero di decessi per fascia di età
 
200316 Report CoronaVirus Figura 03
 
 
 
 
 
 
 
Figura 3. Letalità per fascia di età 
 

La tabella 1 presenta le più comuni patologie croniche pre-esistenti (diagnosticate prima di contrarre l’infezione) nei pazienti deceduti. Questo dato è stato ottenuto in 268/1016 deceduti (26.4% del campione complessivo). Il numero medio di patologie osservate in questa popolazione è di 2.7 (mediana 2, Deviazione Standard 1.5). Complessivamente, 3 pazienti (1.1% del campione) presentavano 0 patologie, 7 0 (26.1%) presentavano 1 patologia, 69 presentavano 2 patologie (25.7%) e 126 (47.0%) presentavano 3 o più patologie
 
Tabella 1. Patologie più comuni osservate nei pazienti deceduti a seguito di infezione da COVID-2019

Patologie

N

%

Cardiopatia ischemica

100

37.3

Fibrillazione atriale

71

26.5

Ictus

22

8.2

Ipertensione arteriosa

205

76.5

Diabete mellito

100

37.3

Demenza

12

4.5

BPCO

26

9.7

Cancro attivo negli ultimi 5 anni

52

19.4

Epatopatia cronica

7

2.6

Insufficienza renale cronica

47

17.5

     

Numero di patologie

   

0 patologie

3

1.1

1 patologie

70

26.1

2 patologie

69

25.7

3 o più patologie

126

47.0

 

La figura 4 mostra i sintomi più comunemente osservati prima del ricovero nei pazienti deceduti COVID-19 positivo. Come mostrato nella figura, dispnea e febbre rappresentano i sintomi di più comune riscontro, meno comuni sono tosse, emottisi e diarrea.
 
Figura 4. Sintomi di più comune riscontro nei pazienti deceduti COVID-19 positivi
200316 Report CoronaVirus Figura 04
 
 
 
 
 
 
 
 


L’insufficienza respiratoria è stata la complicanza più comunemente osservata in questo campione (98.8% di casi), seguita da shock (22.9%), danno renale acuto (16.9%) e sovrainfezione (10.8%).
 
6. Decessi di età inferiore ai 40 anni
Ad oggi (13 marzo) sono 2 i pazienti deceduti COVID-19 positivi di età inferiore ai 40 anni. Si tratta di 1 persona di età di 39 anni, di sesso maschile, con pre-esistenti patologie psichiatriche, diabete e obesità, deceduta presso il proprio domicilio e di 1 persona di 39 anni, di sesso femminile, con pre-esistente patologie neoplastica deceduta in ospedale.
 (Fonte: Report sulla caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia [Report per COVID 2019_ITA_Draft_2020-03-13_FINAL.pdf])
 
 
 
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Cina vs Italia: ospedali e gara di velocità

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Paolo Mariani) Fermo restando il massimo rispetto per tutti coloro che si sono prodigati e ancora si impegnando in questa situazione di emergenza i paragoni tra l’allestimento dei padiglioni fieristici di Bergamo e Milano con la costruzione dell’ospedale Huoshenshan sono impropri. In ciascuno dei due casi il lavoro è encomiabile. Entrambi sono stati realizzati in una situazione di emergenza, ma ciascuna delle due soluzioni parte da un modo diverso di affrontare e gestire il problema.