Contenuto Principale

Blocco veicoli inquinanti dal 1 ottobre

Per migliorare la qualità dell’aria Regione Lombardia mette in atto dei provvedimenti per ridurre le...

La 12 ore di Monza fa la storia con Colnago

Si terrà di fine state, in  notturna andamento lento, non vuole essere unq competizione, a volte and...

BOOKCITY MILANO 2019 13-17 novembre

La grande festa partecipata dei libri, degli autori, dei lettori e dell'editoria e incontri con gl...

Statua Arengario: concorso on line per finanziare il restauro

Un concorso online per finanziare il restauro della statua che si nasconde tra le arcate dell’Arenga...

Manovra e bonus casa: un passo indietro sarebbe molto grave

Non è ancora chiaro se ci sarà o meno una proroga del bonus mobili, la misura fiscale che permette...

  • Blocco veicoli inquinanti dal 1 ottobre

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • La 12 ore di Monza fa la storia con Colnago

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • BOOKCITY MILANO 2019 13-17 novembre

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • Statua Arengario: concorso on line per finanziare il restauro

    Sabato 07 Ottobre 2017 10:00
  • Manovra e bonus casa: un passo indietro sarebbe molto grave

    Giovedì 19 Ottobre 2017 06:03

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Ripristinato l’obbligo di denuncia fiscale per vendita di alcolici per i soggetti in precedenza escl PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Giovedì 26 Settembre 2019 10:17
alcoliciSi ricorda agli esercenti impianti di trasformazione, di coordinamento e di deposito di alcole e bevande alcoliche assoggettati ad accisa devono, a norma dell’art. 29 comma 1, D.Lgs. n. 504/95, denunciarne l’esercizio alla competente Agenzia delle Dogane. La denuncia, finalizzata all’ottenimento della licenza, va presentata almeno 60 giorni prima dell’inizio dell’attività. Al riguardo, l’art. 13-bis, DL n.34/2019, c.d “Decreto Crescita” (introdotto in sede di conversione in legge), ha reintrodotto l’obbligo di denuncia fiscale per la vendita di alcolici per i soggetti che erano stati esclusi ad opera della Legge n. 124/2017 (c.d. Legge sulla Concorrenza). Conseguentemente, in virtù del novellato intervento normativo, sono di nuovo soggetti al suddetto obbligo di denuncia fiscale (al fine di ottenimento della licenza da parte dell'Ufficio delle dogane): i) gli esercizi pubblici; ii) gli esercizi di intrattenimento pubblico; iii) gli esercizi ricettivi; iv) rifugi alpini. Con la recente nota n. 131411/RU del 20 settembre 2019, l’Agenzia delle Dogane ha chiarito che, nonostante il mutato assetto normativo, permangono non soggette all'obbligo di denuncia fiscale, le attività di vendita di prodotti alcolici che avvengono nel corso di sagre, fiere, mostre ed eventi similari a carattere temporaneo e di breve durata, atteso il limitato periodo di svolgimento di tali manifestazioni. Atteso che la Legge n. 58/2019, di conversione del DL n. 34/2019, è entrata in vigore lo scorso 30.6.2019, consegue che l’obbligo di denuncia fiscale è reintrodotto a decorrere da tale data per tutte le attività che usufruivano dell’esonero. Sul punto, con la citata nota protocollo n. 131411/RU del 20 settembre 2019, l’Agenzia delle Dogane ha chiarito che, sono sottoposti ai neo introdotti obblighi di denuncia anche gli operatori che hanno iniziato l’attività dal 29 agosto 2017 (data di entrata in vigore della c.d. “Legge sulla Concorrenza”) senza essere tenuti all'osservanza del predetto vincolo. Conseguentemente, gli esercenti rientranti nella descritta fattispecie saranno tenuti a consolidare la loro posizione presentando all'Ufficio delle dogane territorialmente competente, entro il 31 dicembre 2019, la denuncia di attivazione di esercizio di vendita di alcolici, utilizzando l’apposito modello di denuncia reperibile sul sito dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli (www.adm.gov.it - Dogane - In un click - Accise - Modulistica).
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

L'umanità è diventata litigiosa per volontà.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Anche gli animali litigano, ma per qualcosa o qualcuno, ovvero per fame, per difendere i cuccioli, per il controllo del branco o di un territorio. E alla fine uno dei due litiganti, spesso, muore. Non obbediscono ad alcuna legge se non quella della natura. Non professano alcun credo, storia o cultura: seguono, semplicemente, il loro istinto.

Leggi tutto...