Contenuto Principale

Blocco veicoli inquinanti dal 1 ottobre

Per migliorare la qualità dell’aria Regione Lombardia mette in atto dei provvedimenti per ridurre le...

La 12 ore di Monza fa la storia con Colnago

Si terrà di fine state, in  notturna andamento lento, non vuole essere unq competizione, a volte and...

BOOKCITY MILANO 2019 13-17 novembre

La grande festa partecipata dei libri, degli autori, dei lettori e dell'editoria e incontri con gl...

Statua Arengario: concorso on line per finanziare il restauro

Un concorso online per finanziare il restauro della statua che si nasconde tra le arcate dell’Arenga...

Manovra e bonus casa: un passo indietro sarebbe molto grave

Non è ancora chiaro se ci sarà o meno una proroga del bonus mobili, la misura fiscale che permette...

  • Blocco veicoli inquinanti dal 1 ottobre

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • La 12 ore di Monza fa la storia con Colnago

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • BOOKCITY MILANO 2019 13-17 novembre

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • Statua Arengario: concorso on line per finanziare il restauro

    Sabato 07 Ottobre 2017 10:00
  • Manovra e bonus casa: un passo indietro sarebbe molto grave

    Giovedì 19 Ottobre 2017 06:03

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Spese per abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Lunedì 10 Giugno 2019 09:24
trasporto L’abbonamento ai servizi di trasporto pubblico torna a essere un onere detraibile da inserire nella dichiarazione dei redditi e nel mod. 730. Con una norma già a regime a decorrere dall’ 1° gennaio 2018, il beneficio della detrazione Irpef del 19% sulle spese sostenute per l’acquisto degli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale.
I beneficiari della detrazione sono i soggetti che si servono del servizio di trasporto pubblico per la propria mobilità quotidiana, quali studenti, lavoratori, pensionati, e spetta per le spese sostenute sia per i familiari fiscalmente a carico sia per i contribuenti stessi, per un importo complessivo non superiore a 250 euro, per un risparmio complessivo di euro 47,50 ammissibile entro i limiti di capienza delle imposte dovute. In caso di mancato utilizzo della detrazione per incapienza, la parte eccedente si perde senza possibilità di rinviarne la fruizione all’anno successivo. Si tratta di una norma già in vigore negli anni 2008 e 2009 l’Agenzia ha chiarito che: il limite massimo di importo detraibile di 250 euro deve intendersi riferito cumulativamente alle spese sostenute dal contribuente per l’abbonamento proprio e dei familiari a carico e l’importo di 250 euro costituisce, inoltre, anche il limite massimo di spesa detraibile per ogni singolo abbonato al servizio di trasporto pubblico; pertanto, anche se il costo dell’abbonamento è suddiviso tra più soggetti, come ad esempio nel caso dei genitori che sostengano la spesa di 400 euro per l’abbonamento del figlio a carico, l’ammontare massimo di spesa detraibile da ripartire tra i genitori non può superare 250 euro.
Come “abbonamento” che deve intendersi quale “.. titolo di trasporto che consenta al titolare autorizzato di poter effettuare un numero illimitato di viaggi, per più giorni, su un determinato percorso o sull’intera rete, in un periodo di tempo specificato”. Dal concetto di abbonamento è possibile escludere le spese che implicano un utilizzo episodico del mezzo di trasporto pubblico. Secondo le indicazioni ministeriali, per le prestazioni di trasporto pubblico collettivo di persone per le quali non è obbligatoria l’emissione della fattura se non a richiesta dal cliente, i biglietti di trasporto assolvono la funzione dello scontrino fiscale purché contengano le seguenti indicazioni: 1. ditta, denominazione o ragione sociale o nome e cognome della persona fisica ovvero il logo distintivo dell’impresa e il numero di partita IVA del soggetto emittente il titolo di viaggio o che effettua la prestazione di trasporto; 2. descrizione delle caratteristiche del trasporto; 3. ammontare dei corrispettivi dovuti; 4. numero progressivo; 5. data da apporre al momento dell’emissione o della utilizzazione. Sul titolo di viaggio nominativo, che il contribuente è tenuto a conservare, devono essere indicate: la durata dell’abbonamento e la spesa sostenuta. (In caso di emissione o ricarica del titolo di viaggio realizzato in formato elettronico è necessario disporre di documentazione o certificazione che contenga le indicazioni essenziali a qualificare il titolo di viaggio nonché ogni altra informazione utile ad individuare il servizio reso, cioè l’indicazione soggetto utilizzatore, il periodo di validità, la spesa sostenuta e la data di sostenimento della spesa).
È possibile avvalersi dell’autocertificazione, vale a dire di una dichiarazione sostitutiva di atto notorio ex D.P.R. 445/2000, unitamente a fotocopia del documento di identità se il titolo di viaggio acquistato non è nominativo. La dichiarazione resa dal contribuente deve attestare, tra gli altri elementi utili allo scopo, che l’abbonamento è stato acquistato per il contribuente o per un suo familiare a carico.
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

L'umanità è diventata litigiosa per volontà.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Anche gli animali litigano, ma per qualcosa o qualcuno, ovvero per fame, per difendere i cuccioli, per il controllo del branco o di un territorio. E alla fine uno dei due litiganti, spesso, muore. Non obbediscono ad alcuna legge se non quella della natura. Non professano alcun credo, storia o cultura: seguono, semplicemente, il loro istinto.

Leggi tutto...