Contenuto Principale

Basta walzer per favore, ne abbiamo le scatole piene

(Laura Giulia D'Orso) Per favore basta dirci bugie. Un intero popolo chiede che le Istituzioni non...

Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia

(Paolo Mariani) - Pur senza negare la correttezza dei numeri comunicati dai mezzi di informazione ...

Annullamento delle giornate internazionali della European Academy of Religion 2020

Rimandata la conferenza per 1500 studiosi Bologna, 7 aprile 2020 - A causa dell'emergenza sanitar...

  • Coronavirus, gruppo FS Italiane: misure e iniziative

    Domenica 23 Febbraio 2020 20:55
  • Basta walzer per favore, ne abbiamo le scatole piene

    Martedì 10 Marzo 2020 10:57
  • Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia

    Lunedì 16 Marzo 2020 07:20
  • Annullamento delle giornate internazionali della European Academy of Religion 2020

    Martedì 07 Aprile 2020 08:12

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

il Comune di Monza investe nel piano scuola PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Sabato 07 Ottobre 2017 10:00

comune monzaQuasi due milioni di euro per le scuole «Puecher», «Zara», «Bachelet» e «Zucchi». Il Comune di Monza prosegue il suo piano di investimenti sulle scuole: «puntiamo a investire più risorse possibili per rinnovare e migliorare il patrimonio dell’edilizia scolastica cittadina», dichiara l’Assessore ai Lavori Pubblici Simone Villa.

Nuovi bagni alla «Puecher», alla «Zara» e allo «Zucchi». È di 450 mila euro l’investimento previsto per il rifacimento dei servizi igienici e la posa di nuovi serramenti della Scuola primaria «Puecher», che fa parte dell’Istituto Comprensivo «Anna Frank». Saranno rifatti i bagni anche della Scuola primaria «Zara», che fa parte dell’Istituto Comprensivo «Koiné». In questo caso è previsto anche il completamento della nuova copertura per un investimento di 500 mila euro. Nuovi servizi igienici in arrivo anche alla Scuola Media «Zucchi». Il progetto, finanziato con 750 mila euro, prevede il rifacimento dei servizi igienici e una nuova distribuzione degli stessi.

Palestra rifatta alla «Bachelet». Sarà completamente rifatta, invece, la pavimentazione della palestra della Scuola primaria «Bachelet» dell’Istituto Comprensivo «Salvo d'Acquisto». Il progetto prevede anche il rifacimento dei servizi igienici e degli spogliatoi della palestra e la posa di nuovi serramenti. 200 mila euro le risorse investite.

Investire sulla manutenzione per anticipare l’emergenza. «Si tratta di scuole costruite tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio degli anni Ottanta che oggi ospitano quasi 1.400 studenti. Si tratta di strutture dove gli impianti dei servizi igienici sono quelli originari, spiega l’Assessore. Un patrimonio scolastico che ha bisogno di interventi per essere all’altezza degli standard qualitativi che ci aspettiamo dalle nostre scuole. Stiamo investendo molte risorse per restituire a studenti, famiglie e insegnanti scuole sicure e con spazi adeguati, in grado di incidere anche dal punto di vista ambientale e del risparmio energetico: progetti per anticipare l’emergenza e investire sulla manutenzione, su ciò che serve più che su ciò che appare. Ci auguriamo che anche il Governo possa stanziare nuovi fondi per l’edilizia scolastica». La Giunta lo scorso 23 dicembre ha approvato, per le quattro scuole, i progetti definitivi. Gli uffici sono ora al lavoro sui progetti esecutivi a cui seguirà il bando di gara e l’affidamento dei lavori. L’obiettivo è aprire i cantieri, d’accordo con i Dirigenti scolastici dei singoli Istituti, durante il periodo estivo.

 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Cina vs Italia: ospedali e gara di velocità

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Paolo Mariani) Fermo restando il massimo rispetto per tutti coloro che si sono prodigati e ancora si stanno impegnando in questa situazione di emergenza i paragoni tra l’allestimento dei padiglioni fieristici di Bergamo e Milano con la costruzione dell’ospedale Huoshenshan sono impropri. In ciascuno dei due casi il lavoro è encomiabile. Entrambi sono stati realizzati in una situazione di emergenza, ma ciascuna delle due soluzioni parte da un modo diverso di affrontare e gestire il problema.