Contenuto Principale

FISE ARE accoglie con plauso l'approvazione del Ddl Concorrenza

Fise Are, Associazione Imprese Servizi di Recapito Postale e Parcel accoglie con plauso l'approvaz...

Disoccupazione in calo in Italia: il commento di ALDAI-Federmanager

ALDAI-Federmanager guarda con cauto ottimismo ai dati sull'occupazione, analogamente a quanto esplic...

Gli adolescenti temono l'intelligenza artificiale

A Teen Parade di Radioimmaginaria gli adolescenti hanno parlato del loro futuro lavorativo e di ro...

Previsioni di assunzioni in crescita in Italia

Cresce al 3% la previsione di assunzioni in Italia per il prossimo trimestre I datori di lavoro m...

Vendite a domicilio in aumento

Il presidente di Univendita Ciro Sinatra: «Risultati migliori rispetto al commercio tradizionale, ...

  • FISE ARE accoglie con plauso l'approvazione del Ddl Concorrenza

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:28
  • Disoccupazione in calo in Italia: il commento di ALDAI-Federmanager

    Lunedì 07 Agosto 2017 21:33
  • Gli adolescenti temono l'intelligenza artificiale

    Domenica 10 Settembre 2017 20:48
  • Previsioni di assunzioni in crescita in Italia

    Giovedì 14 Settembre 2017 05:43
  • Vendite a domicilio in aumento

    Martedì 19 Settembre 2017 06:09

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

L'evasione ci costa 87 miliardi l'anno PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Martedì 26 Settembre 2017 05:33
Online si trovano decine di manuali per "furbetti". Oltre 200 tra siti e forum sul web spiegano strategie per pagare meno tasse, spesso illegali, quasi sempre poco convincenti.
 
141020 denaro e carrelloL'evasione costa agli italiani 87 miliardi di euro l'anno, come indica la Nota di Aggiornamento al DEF. Non tutti sanno però che il web è ormai diventato un "luogo" nel quale l'evasione, l'elusione e più in generale i vari "trucchi" sono a disposizione di tutti.
 
Addirittura vengono organizzati veri e propri "corsi" che sostengono di illustrare metodi "legali" per sottrarsi al fisco italiano. Metodi che in realtà molto spesso proprio corretti non sono e che mettono a rischio chi dovesse pensare di utilizzarli.
 
money.it ha monitorato negli ultimi 30 giorni circa 200 siti internet che direttamente o indirettamente propongono strategie di "fuga" di vario genere e in gran parte di questi le proposte possono esporre le imprese ed i professionisti a seri problemi col fisco una volta scoperti. Il 70% dei siti analizzati propone o racconta sistemi di elusione o vera e propria evasione (ad esempio attraverso la messa in deduzione di spese non collegate alle attività di impresa), il restante 30% suggerisce il trasferimento in varie modalità delle sedi legali all'estero (senza che vi sia un effettivo trasferimento dell'attività prevalente).

Ci sono anche casi ai limiti del ridicolo, come chi indica (poco) astuti modi per "scaricare" le spese della Escort, delle vacanze o della festa di compleanno dei figli.
 
Si finisce anche per indicare nei dettagli procedure dichiaratamente illegali, magari con la scusa di riportare "racconti" di imprenditori disinibiti. Spesso corredando il tutto con qualche nota legale per ridurre le proprie responsabilità.
 
Anche quando non sono proposte propriamente illegali, sono comunque degli escamotage da tempo noti alle autorità italiane e che non mettono affatto al riparo dal fisco. - ha dichiarato Dimitri Stagnitto, Direttore di money.it - Il sito più noto è quello dedicato alla cosiddetta "Escapologia fiscale", alla quale la nostra testata ha dedicato una serie di articoli che ne demoliscono i cosiddetti "segreti". Ma ce ne sono anche molti altri, quasi tutti finalizzati a vendere manuali e corsi."
 
"Il problema non consiste solo nell'esistenza di veri e propri manuali ai limiti della legge, ma anche nell'opera di disinformazione che questi siti e questi sedicenti esperti svolgono, indicando comportamenti rischiosi come perfettamente legali. Una disinformazione che potrebbe essere a sua volta pericolosa per molti imprenditori, soprattutto quelli più piccoli, i commercianti o gli artigiani, che potrebbero decidere in buona fede di mettere in pratica certe strategie ritrovandosi poi nei guai.".
 
Su money.it sono stati pubblicati una serie di "contromanuali", che demoliscono punto per punto molti di questi suggerimenti pericolosi, permettendo all'imprenditore o al professionista di rendersi conto di come stanno davvero le cose.
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Se Starbucks non conosce bene la storia d’Italia

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso) Correva l’anno 1882 e il governo italiano guidato da Depretis comprava la Baia di Assab dalla società Rubattino per 104.100 lire. Lo Stato Italiano decideva quindi di avviare la sua politica coloniale seguendo l’esempio di altri stati europei come la Francia, il Belgio e l’Inghilterra. Da un lato, c’era il desiderio di non essere assenti dalla spartizione del continente africano, dall'altro c’era la reale necessità di trovare uno sbocco alla sovrabbondanza della popolazione.

Leggi tutto...

 
>