Contenuto Principale

Basta walzer per favore, ne abbiamo le scatole piene

(Laura Giulia D'Orso) Per favore basta dirci bugie. Un intero popolo chiede che le Istituzioni non...

Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia

(Paolo Mariani) - Pur senza negare la correttezza dei numeri comunicati dai mezzi di informazione ...

Annullamento delle giornate internazionali della European Academy of Religion 2020

Rimandata la conferenza per 1500 studiosi Bologna, 7 aprile 2020 - A causa dell'emergenza sanitar...

  • Coronavirus, gruppo FS Italiane: misure e iniziative

    Domenica 23 Febbraio 2020 20:55
  • Basta walzer per favore, ne abbiamo le scatole piene

    Martedì 10 Marzo 2020 10:57
  • Caratteristiche dei pazienti deceduti positivi a COVID-19 in Italia

    Lunedì 16 Marzo 2020 07:20
  • Annullamento delle giornate internazionali della European Academy of Religion 2020

    Martedì 07 Aprile 2020 08:12

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

CoronaVirus: le misure restrittive dal 9 marzo PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 
Giovedì 14 Settembre 2017 05:43

Allevi«Le persone con tampone positivo nella nostra città sono salite a 12. Un numero ancora contenuto, rispetto ad altre zone della nostra Regione, ma che impone ad ognuno di noi comportamenti sempre più rigorosi per evitare altri contagi. Per diversi giorni dovremo cambiare i nostri stili di vita». È l’ultimo aggiornamento sull’emergenza coronavirus del Sindaco Dario Allevi che fa il punto della situazione dopo il DPCM di ieri sera.

È l’ora della responsabilità
«Ieri pomeriggio – ha ricordato Dario Allevi – in una call telefonica con il Presidente Fontana, ho condiviso, insieme ai miei colleghi degli altri capoluoghi lombardi, la necessità di chiedere al Governo misure più restrittive per contenere l’emergenza sanitaria. I dati che, infatti, Regione Lombardia invia quotidianamente a Roma raccontano di una situazione drammatica che impone decisioni tempestive e, in parte, dolorose. Ieri, al termine di una giornata surreale, la Presidenza del Consiglio ha prodotto un Decreto confuso, ma comunque più stringente. Adesso, però, non è il tempo delle polemiche. È il tempo delle azioni e della responsabilità. Di tutti».

L’appello del Sindaco
«Rilancio, innanzitutto, l’invito dell’Assessore Regionale Giulio Gallera agli anziani affinché restino in casa, ha dichiarato Dario Allevi.
Sono i più esposti al coronavirus ed è, quindi, importante che contengano al massimo i loro contatti sociali. Ma, in linea con il DPCM di ieri, voglio allargare il messaggio a tutta la popolazione: limitate gli spostamenti a quelli indispensabili e muovetevi il meno possibile sul territorio. Aiutiamoci l’un l’altro seguendo alla lettera quello che ci viene chiesto di fare».

Numeri di emergenza
Tre i numeri di emergenza dedicati agli anziani per ottenere ogni informazione utile:

  • 334/6311270 dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12 e dalle 13 alle 17
  • 800 995 988 numero verde AUSER per chiamate da telefono fisso: dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 18
  • 039/2454544 numero AUSER Brianza per chiamate da cellulare: dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 18.

Per informazioni c’è il numero verde
Dario Allevi lancia anche un altro appello ai cittadini: «Non intasate il 112 se avete dubbi sul Coronavirus. Il numero unico delle emergenze non è un servizio informazioni, serve a soccorrere chi corre imminente pericolo e il sovraccarico di chiamate mette in gioco delle vite.
I numeri da fare per chi vuole risposte sul virus sono il 1500 e il numero verde attivato da Regione Lombardia 800 89 45 45».


La nuova ordinanza

A seguito del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri di ieri Dario Allevi ha firmato oggi una nuova ordinanza che entrerà in vigore lunedì 9 marzo:
«Chiediamo ai cittadini uno sforzo notevole, un altro mese di enormi sacrifici. Sono, però, restrizioni necessarie perché in questa fase la nostra massima priorità deve essere il contenimento di questo maledetto virus. Dobbiamo bloccare la sua crescita esponenziale per evitare il collasso del nostro sistema sanitario. I piccoli comportamenti quotidiani di tutti noi sono determinanti. Dobbiamo remare tutti dalla stessa parte. Solo così ne usciremo più forti di prima».
alt Ordinanza 8 marzo (formato PDF-  1087 KB)

Le chiusure

Da lunedì 9 marzo resteranno chiuse tutte le scuole di ogni ordine e grado fino al 3 aprile.
Il Comune ha, quindi, stabilito di chiudere 

  • Centri Anziani
  • Centri di Animazione Socio-Educativa (centri di aggregazione giovanile)
  • Centri Diurni Disabili
  • Centri Socio-Educativi
  • Servizi di Formazione all’Autonomia
  • Centro Diurno Ergoterapico
  • Servizi di Inserimento Lavorativo 
  • Centri Diurni Integrati
  • Servizi di Semiresidenzialità Minori 
  • Servizio di Volontaria Giurisdizione 
  • Centro Antiviolenza.

Gli uffici pubblici comunali resteranno regolarmente aperti, pur con le necessarie precauzioni, mentre si conferma la chiusura di alcune attività di front-office.

Accesso all’Ufficio Anagrafe e Punto Comune

L’Ufficio Anagrafe e gli sportelli del Punto Comune (Anagrafe, Stato Civile, Ufficio Funerario e Ufficio Informa stranieri/badanti) con ingresso in piazza Carducci resteranno aperti al pubblico con ingressi solo su appuntamento per il rilascio di alcuni documenti. Elenco completo

alt Modalità erogazione servizi Anagrafe, Stato Civile, Funerario, Sportello Badanti e Stranieri, Polizia Locale e Ufficio Messi dal 9 marzo (formato PDF-  85 KB)

Accesso all’Ufficio Tributi

alt Modalità erogazione servizi Tributi dal 10 marzo (formato PDF - 47 KB)

Alcuni servizi vengono erogati online su www.servizionline.comune.monza.it e comunque informazioni e segnalazioni possono essere in ogni momento effettuate via email o telefonicamente.

Data creazione: 08 marzo 2020
 
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

Cina vs Italia: ospedali e gara di velocità

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Paolo Mariani) Fermo restando il massimo rispetto per tutti coloro che si sono prodigati e ancora si stanno impegnando in questa situazione di emergenza i paragoni tra l’allestimento dei padiglioni fieristici di Bergamo e Milano con la costruzione dell’ospedale Huoshenshan sono impropri. In ciascuno dei due casi il lavoro è encomiabile. Entrambi sono stati realizzati in una situazione di emergenza, ma ciascuna delle due soluzioni parte da un modo diverso di affrontare e gestire il problema.