Contenuto Principale

PROGRAMMA TEATRO MANZONI STAGIONE 2020/2021

In calendario otto spettacoli di altissima qualità con compagnie e attori di rilevanza nazionale e p...

MONZA: CERTIFICATI ANAGRAFICI IN TABACCHERIA

Dal 24 settembre 2020 i residenti monzesi possono richiedere presso 11 tabaccherie cittadine dei c...

Il Festival del Parco di Monza. Natura è Cultura

Ideato nel 2017 dall'Associazione Novaluna, il Festival del Parco di Monza è una manifestazione arti...

RISTORAZIONE SCOLASTICA: DAL 13 OTTOBRE AL VIA IL NUOVO MENÙ Partirà il prossimo martedì 13 ottobre

Partirà il prossimo martedì 13 ottobre il nuovo menù nelle mense scolastiche della città che prepara...

IL GRANDE IMPEGNO DEI SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE DURANTE L’EMERGENZA

 La situazione emergenziale determinata dall’epidemia di “coronavirus” ha messo a dura prova il Co...

  • PROGRAMMA TEATRO MANZONI STAGIONE 2020/2021

    Martedì 10 Marzo 2020 10:57
  • MONZA: CERTIFICATI ANAGRAFICI IN TABACCHERIA

    Lunedì 16 Marzo 2020 07:20
  • Il Festival del Parco di Monza. Natura è Cultura

    Sabato 04 Aprile 2020 07:02
  • RISTORAZIONE SCOLASTICA: DAL 13 OTTOBRE AL VIA IL NUOVO MENÙ Partirà il prossimo martedì 13 ottobre

    Martedì 07 Aprile 2020 08:12
  • IL GRANDE IMPEGNO DEI SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE DURANTE L’EMERGENZA

    Martedì 14 Aprile 2020 13:11

Scelti da Noi

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

MonzaOggi
CHRISTMAS MONZA: SI ACCENDONO LE LUCI TRA SPERANZA FEDE E RILANCIO PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 
Martedì 24 Novembre 2020 11:55

natalefotoSimboli del Natale, le luminarie anche quest’anno «invaderanno» le vie di tutta la città.

E i costi non saranno a carico né dei commercianti né dei monzesi. Sostegno e rilancio del tessuto commerciale

Riaccendere Monza, i suoi assi commerciali, le vie principali e i quartieri della città, grazie all'intervento di partner commerciali privati.

«Il Natale 2020 dovrà essere un’occasione di raccoglimento e di preghiera per tutti i nostri concittadini che hanno perso la vita a causa del Covid-19, ma anche di slancio per uscire dalla crisi, spiega il Sindaco Dario Allevi. Le luminarie non vogliono essere un'operazione estetica, ma hanno una importante valenza economica e sociale.

Riteniamo che favoriscano, infatti, il sostegno e il rilancio del tessuto commerciale cittadino e regalino, soprattutto ai più piccoli, quella gioia e quella spensieratezza che la pandemia sta mettendo a dura prova.

Per realizzare questo progetto, ampio e articolato, non abbiamo messo le mani nelle tasche dei cittadini – al contrario di molti altri Comuni - perché le luci di Natale saranno finanziate da un pool di partner commerciali. Questo Natale vorrei diventasse un’occasione di rinascita, un momento di ripartenza per commercianti e famiglie».

Bellezza e rinascita con un forte valore sociale

«In un anno così difficile e, per certi versi, drammatico abbiamo pensato a un Christmas Monza di bellezza e di rinascita con una forte vocazione sociale, dichiara l’Assessore alla Cultura Massimiliano Longo. Attorno a questa edizione si sono riuniti tutti coloro che hanno a cuore la nostra città, a iniziare dalle aziende che hanno reso possibile “accendere” Monza anche quest’anno, ai commercianti che con il loro lavoro terranno accese le vetrine dei loro negozi e alle associazioni che danno una mano a chi è in difficoltà in questi momenti di emergenza sanitaria. Tutti insieme, pur con tutte le limitazioni imposte per il contenimento dell’epidemia, abbiamo voluto dare un contributo alla ripartenza di Monza e un segnale di fiducia nel futuro, In occasione del centenario della nascita di Gianni Rodari trasformeremo l’Arengario in un libro illustrato e rivivremo alcune delle sue più famose fiabe e filastrocche».

Le strade illuminate

Le luci su Monza si accenderanno sabato 28 novembre per spegnersi, al termine delle festività, mercoledì 6 gennaio.

Sono ben 565 gli eleganti «lampadari dorati» con una palla rossa che renderanno suggestivo il Natale a Monza sia durante il giorno che nelle ore notturne.

Quest’anno saranno 38 (contro le 30 dell’anno scorso) le vie illuminate: via Lambro, via Napoleone, via Pennati, via Bergamo, via Prina, via Carlo Alberto, via D’Annunzio, via De Gradi, piazza San Giovanni Bosco, via Leonardo Da Vinci, via Teodolinda, via Mapelli, via Risorgimento, via Marelli, via San Fruttuoso, via Tazzoli, via Romagna, via Lazio, via Spalto Maddalena, via Volta, via Grossi, via Zanata, piazza Carducci, via Amati, via Italia, via Vittorio Emanuele, via Mantegazza, via dei Mille, via Segantini, via Cortelonga, corso Milano, via Zucchi, via Lecco, via Magenta, via Cairoli, via Pavoni, viale Cesare Battisti con la fontana dell’avancorte della Reggia di Monza e piazza Duomo.

«Arengario in Luce»

Sabato 28 novembre si illuminerà anche l’Arengario che si trasformerà in un libro animato per celebrare il centenario della nascita di Gianni Rodari, il più grande scrittore per l'infanzia che ha conquistato la fantasia di intere generazioni nato il 23 ottobre del 1920.

«Arengario in Luce» è un progetto finanziato dal Comune di Monza, in collaborazione con il video designer Vincenzo Fabiano.

Il videomapping colorerà la facciata dell’arengario fino al 6 gennaio.

«Mille Chitarre»

Il programma del «Christmas Monza 2020», giunto alla quarta edizione, prevede anche «Mille Chitarre», sabato 5 dicembre alle ore 18.

Sarà un’edizione speciale, in diretta streaming dalla «Sala della Pendola» della Reggia di Monza.

I chitarristi di «Diffusione Arte» suoneranno insieme agli appassionati collegati da casa i brani dei più famosi cantautori italiani, da Lucio Battisti a De Gregori sino a Cesare Cremonini.

Il testimonial di questa edizione «digitale» sarà Red Ronnie, presente in collegamento.

«Mille Chitarre» è un’iniziativa del Comune di Monza in collaborazione con «Diffusione Arte» ed «Eventificio».

«Christmas Monza Contest Fotografico»

Torna anche quest’anno il concorso fotografico «Christmas Monza Contest Fotografico» sui temi relativi all’atmosfera del Natale monzese, rivolto a tutti gli appassionati di fotografia senza limiti d’età.

L’idea del contest si sviluppa partendo da una frase augurale: le lettere che la comporranno costituiranno i temi giornalieri che saranno pubblicati sulla pagina Facebook del contest.

Dall’1 al 24 dicembre sarà possibile inviare le foto per partecipare al concorso, mentre tutti potranno votare la foto preferita con un like sulla stessa pagina social fino al 6 gennaio.

Il «Christmas Contest Monza Fotografico» è a cura dell'associazione culturale «Restart», con il patrocinio del Comune di Monza che ha messo a disposizione un montepremi di 600 euro:

300 euro al primo classificato,

200 al secondo e

100 al terzo.

Il premio degli organizzatori sarà la medaglia della Luna, simbolo della città di Monza.

Il regolamento del contest è su www.comune.monza.it – www.turismo.monza.it e sulla pagina Facebook «Christmas Monza Contest Fotografico».

L’Amministrazione Comunale ringrazia le aziende che hanno reso possibile portare l’atmosfera natalizia nelle vie e nelle piazze della nostra città.

I main partner sono: Acsm Agam - Enerxenia, Brianzacque, Coop Lombardia, Esselunga e FarmaCom – FarmaSalus.

A loro si aggiungono: Assolombarda, BCC Carate Brianza, Fielmann, Grimaldi Immobiliare, GVilla Concessionaria, Natan Costruzioni, Norrgatan, Ottica Barzaghi, Partecipazioni Industriali, Tea Rose e Venus Concessionaria.

 
MONZA CONSAPEVOLE - NUOVI BOSCHI URBANI PDF Stampa E-mail
Martedì 24 Novembre 2020 11:46

nuovo bosco urbano focusUN NUOVO BOSCO URBANO IN VIALE SANT’ANASTASIA

Due ettari di ossigeno in più per Monza. È questa la «produzione» del nuovo bosco urbano in viale Sant’Anastasia: poco più di 3.500 piante su un’area di 17 mila mq.

Una boccata d’ossigeno.

Carpini, aceri, farnie, tigli, olmi, biancospini, cornioli.

Sono le principali specie piantate dal Parco Agricolo Nord Est su un’area di proprietà del Comune di Monza.

Sono 2.127 le specie arboree piantate e 1.413 quelle arbustive.

L’intervento di «rimboschimento compensativo convenzionato» è inserito nell’ambito del progetto «A.P.R.I.R.E.» («Azioni per il Rafforzamento Integrato della Rete Ecologia»), in collaborazione con Fondazione Cariplo e il Politecnico di Milano, che studia la possibilità di realizzare connessioni ecologiche tra il Parco di Monza e il PLIS (Parco Locale di Interesse Sovracomunale) Parco Agricolo Nord Est.

L’investimento, comprensivo della manutenzione per sette anni, è di 96mila euro.

Settemila nuove piante.

«Continua il nostro impegno sul fronte ambientale – spiega l’Assessore all’Ambiente Martina Sassoli – e questo progetto ne è un’ulteriore prova. In tre anni, infatti, abbiamo piantato quasi 7 mila nuove piante, 5.110 forestali e oltre 1.866 alberi adulti. È un trend costante: erano 2.000 le nuove piante nel 2018, 5.500 l’anno scorso e 7.000 quest’anno. Abbiamo raddoppiato – di fatto – la soglia di un albero per ogni bambino nato visto che a Monza, in media, i nuovi nati sono un migliaio l’anno. Ed è proprio per loro che lavoriamo: mettiamo in campo progetti concreti, idee, risorse e partnership per dare un futuro migliore ai nostri figli».

Le connessioni ecologiche non conoscono confini amministrativi.

«Come Parco siamo sempre ben lieti di collaborare con Enti limitrofi in una visione di connessione ecologica che non riconosce confini amministrativi, spiega il Presidente del Parco Agricolo Nord Est Silvano Brambilla. Lavorare in termini di scala vasta, creando sinergie e collaborazioni fra Enti, Istituzioni e auspicabilmente con privati, è un modo di fare qualcosa per il nostro territorio. Avendo ben presente che l’ambiente è un qualcosa che ci accumuna e posizionare una piccola tessera in un punto permette di partecipare alla costruzione di un puzzle molto più complesso ed esteso».

Le nuove piante.

Specie arborea: Quercus robur (358), Carpinus betulus (378), Acer campestre (249), Prunus avium (266), Tilia cordata (276), Fraxinus excelsior (309) e Ulmus minor (288). Specie arbustiva: Crataegus monogyna (221), Prunus spinosa (267), Cornus sanguinea (297), Corylus avellana (144), Euonymus europaeus (130), Cornus mas (198) e Viburnum opalus (159).

Coniugare sviluppo e ambiente.

«La sostenibilità oggi è la sfida per le città capaci di guardare al futuro, conclude l’Assessore. Noi abbiamo deciso di raccogliere questa sfida coniugando sviluppo del territorio e tutela dell’ambiente in chiave innovativa. Questo è lo scenario. Questo è il futuro che stiamo immaginando per Monza. E su questo stiamo lavorando, anche insieme alle aziende e agli enti che stanno investendo insieme a noi nei progetti di interesse ambientale».

In arrivo altri due boschi urbani.

Il primo sarà in via Einstein, un’area alle spalle di viale Libertà, grazie al contributo di un privato, e l’altro è l’«AstroParco» tra viale Brianza e via Ramazzotti, finanziato dal progetto «Spazio all’a(MB)iente» promosso dall’astronauta «made in Brianza» Paolo Nespoli.

#alberiAMOnza.

Sabato 21 novembre è stata la «Giornata dell'albero».

Per questa occasione l’Amministrazione Comunale ha lanciato un contest fotografico. Con una storia o una foto i cittadini possono fotografarsi con il proprio albero preferito. Questa call to action ha l’obiettivo di valorizzare la straordinarietà e la bellezza del nostro patrimonio arboreo. Basta pubblicare una foto su Instagram taggando @comunedimonza e utilizzando gli hastag #alberiAMOnza e #ilmioalbero.

 
I corsi civici 2020/2021 partono online PDF Stampa E-mail
Venerdì 20 Novembre 2020 20:17
201120 corsi civici online (Redazione) A seguito dell'emergenza sanitaria in corso e dei recenti provvedimenti per il contrasto alla diffusione del contagio, non è possibile dare avvio ai Corsi Civici in presenza per l'anno 2020/2021 fino a nuova comunicazione.
Tuttavia, in alternativa a tale disagio, è possibile optare per i Corsi Civici in remoto (online).
Sarà cura dei docenti assegnatari comunicare la disponibilità dei propri corsi laddove disponibili e fruibili con la  modalità remota.
 
Webinar gratuito online dedicato a tutta la cittadinanza - 20 novembre 2020 - dalle 18.00 alle 19.15 PDF Stampa E-mail
Lunedì 16 Novembre 2020 12:44

Violenza economica: come riconoscerla, prevenirla e superarla

La violenza economica su una donna è una delle declinazioni della violenza di genere, meno facile da riconoscere rispetto alla violenza fisica: si esercita quando le si vuole impedire di essere autonoma nell’accesso e nell’utilizzo delle risorse economiche, quando le si nega di avere un lavoro e di avere un’entrata finanziaria personale, quando infine il denaro viene usato come strumento di controllo (CADMI, 2018).

Diverse indagini indicano che questa violenza è presente in Italia: che rapporto ha con altri tipi di maltrattamento, come riconoscerla e superarla, come educare le giovani generazioni a prevenirla.

Durante questo webinar ascolteremo le voci di esperti ed esperte che da anni affrontano il tema:

Gaia Vicenzi, psicologa e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale, sessuologa clinica e consulente del Tribunale di Pavia, parlerà degli strumenti base della mediazione per prevenire e superare la violenza economica; Paola Bongini ed Emanuela Rinaldi, docenti dell’Università di

Milano-Bicocca, affronteranno il rapporto femminile con il denaro sotto differenti profili; il giudice Gianfranco D’Aietti si soffermerà sui problemi economici legati alla separazione; Giulia Marchese da Città del Messico cercherà di offrire una prospettiva internazionale della questione.

Inoltre, la prospettiva di Global Thinking Foundation, tramite Alessandra Maci, introdurrà a una rinnovata cultura di cittadinanza economica.

Programma:

Saluti Istituzionali

Maria Alberta Mezzadri, Presidente Fidapa Bpw Italy Sezione Monza e Brianza

Modera

Cecilia Gandini, Socia Young Fidapa Bpw Italy Monza Brianza

Conflitto economico e riduzione delle risorse nelle separazioni e divorzi

Gianfranco D’Aietti, Docente di Informatica Giuridica, già Magistrato

Competenze finanziarie e differenze di genere

Paola Bongini, Università degli Studi di Milano-Bicocca

La mostra “Libere di Vivere” e i fumetti come strumenti educativi

Alessandra Maci, Global Thinking Foundation

Violenza economica e importanza della mediazione

Gaia Vicenzi, Keynote Speaker, Psicologa , Psicoterapeuta e Sessuologa

Perché le donne hanno paura di parlare di denaro?

Emanuela E. Rinaldi, Università degli Studi di Milano-Bicocca

Modalità di violenza contro le donne: uno sguardo internazionale

Giulia Marchese, Goethe Universität Frankfurt am Main, Universidad Nacional Autónoma de México.

 

 
Tamponi rapidi obbligatori per l'hockey PDF Stampa E-mail
Giovedì 12 Novembre 2020 13:15
La Federazione Italiana Sport Rotellistici introdurrà l'uso dei tamponi rapidi per garantire la sicurezza dei propri tesserati impegnati nei campionati di hockey su pista e hockey inline.
Anche i campionati di hockey hanno dovuto fare i conti con il forte aumento del numero dei contagi che hanno portato al rinvio di molte partite nelle ultime settimane. Una situazione difficile da gestire che rischiava di diventare insostenibile in tempi molto brevi.
Leggi tutto...
 
MONZA ADERISCE A:" i teatri non si fermano" PDF Stampa E-mail
Giovedì 12 Novembre 2020 10:46

finaeIl Teatro Manzoni di Monza aderisce e partecipa all’iniziativa “In Lombardia i teatri non si fermano” promossa dalla Regione e dal Comune di Monza. Confermato perciò il 15 novembre ore 20.30

Eugenio Finardi - Concerto in diretta streaming dal Teatro Manzoni con Acoustic Trio.

Opening Guest: Annie Barbazza

E' possibile seguire il concerto cliccando su questo link: https://mediaportal.regione.lombardia.it/portal/live

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 86
Ricerca / Colonna destra
Segui i nostri feed per essere sempre aggiornato!

L' Editoriale

I Lombardi

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D'Orso)

In Lombardia fin da piccolo impari che:

“Non ce la faccio – non si può dire.

“Non ci riesco – non esiste.

“Sono stanco” … non è mai abbastanza!

Ecco come sono i Lombardi nel bene o nel male a seconda di come

li vuoi guardare!

Testa bassa e lavorare.

I Lombardi, quelli veri, chiamati per scherzo Polentoni, sì, perché era la

polenta che si mangiava in tempi di difficoltà. Ma offendersi, mai.

Sì, perché la polenta è ruvida e dura fuori, con quella crosticina che si forma

quando si raffredda ma dentro dolce ed avvolgente.

I Lombardi sono così: dentro sono buoni, con il cuore tenero, fieri delle cose

rassicuranti: acqua sale e farina gialla.

I Lombardi ci sono.                                                                                                                                                                                

Sempre.

Silenziosi ma presenti, su loro puoi contare, sempre.

Molti non li sopportano, lo si percepisce, ma se te ne innamori … beh allora

sei spacciato perché sarà per sempre.

Piange la Lombardia, in silenzio e con orgoglio.

Lo fa senza rumore per non disturbare, con toni semplici e concreti.

Tenendo gli occhi bassi e la testa piena di mille pensieri, cercando soluzioni.

Passano le ambulanze con le sirene accese e i lombardi sentono e continuano.

Se la Lombardia si potesse abbracciare lo farei adesso, forte.

Non mollare, non lo hai mai fatto.

Ricordi? Non si può dire “non ce la faccio”

“non riesco” qui non esiste”

“sono stanca! non è mai abbastanza, ancora un po’”!

Una regione non si misura dalla sua lunghezza e larghezza ma dall’ampiezza

delle sue visioni e se decidi di sceglierla come “casa” devi sapere che

devi essere all’altezza dei suoi sogni!

 

“Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità”.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

(Laura Giulia D’Orso). “Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità”. Cit. Goebbles  -  il ruolo delle fake news

La minoranza di coloro che leggeranno la frase la attribuirà ad un certo Joseph Goebbles. Altri la cercheranno su internet. Inoltre, navigando online, risulteranno richiami di articoli tipo quello, apparso nel 2016 sul Fatto Quotidiano: Gaffe di Farinetti: “Come diceva Goethe, a forza di ripetere una roba questa diventa vera. Ma la frase era di Goebbels!”

Leggi tutto...